Liverpool, Klopp: "Stavo per rinunciare a Alisson per tenere Karius"

In un'interessante intervista al magazine tedesco Kicker il manager dei Reds spiega un'importante retroscena di mercato riguardante i portieri di cui dispone attualmente.

891 condivisioni 0 commenti

di

Share

Essere un grande allenatore dipende da moltissimi fattori: la qualità del gioco, l'impronta che si riesce a trasmettere alla propria squadra, i trofei vinti, forse, comunque i risultati raggiunti in rapporto alla rosa a disposizione, l'apprezzamento del proprio pubblico.

Jurgen Klopp ha da tempo dimostrato di avere molte delle qualità necessarie per essere considerato un grande allenatore, anche se la mancanza di trofei in bacheca è un problema che andrà risolto, almeno così sperano i tifosi del Liverpool, nel minor tempo possibile.

Ma quel che è certo è che il manager dei Reds ha da tempo dimostrato di possedere valori importanti a livello sportivo e umano, valori ribaditi in occasione di un'intervista concessa al noto bisettimanale tedesco Kicker quando, parlando di Loris Karius, ha confessato di essere stato sul punto di rinunciare a Alisson per ribadire la sua fiducia nel portiere connazionale, crollato nell'ultima finale di Champions League e colpevole di due delle tre reti dei blancos poi trionfatori.

Karius e AlissonGetty Images

Liverpool, Klopp: "Stavo per rinunciare a Alisson per tenere Karius"

Nel Liverpool era esistita anche la scorsa stagione un problema relativo al ruolo di portiere titolare, un dualismo tra il belga Mignolet e Karius che si era poi risolto in favore di quest'ultimo, titolare nella splendida cavalcata che aveva portato i Reds, inaspettatamente, a giocarsi la finale di Champions League a Kiev contro il Real Madrid. 

In quest'ultima occasione, dopo aver manifestato già in alcune gare precedenti qualche incertezza, Karius aveva praticamente regalato il gol del vantaggio a Benzema, sbagliando ingenuamente un rinvio con le mani, e poi sul 2-1 per gli spagnoli aveva concesso a Bale il gol che di fatto ha chiuso la gara con un errore marchiano. 

Anche se nelle settimane successive è venuto fuori che Karius poteva avere accusato - e sottovalutato - le conseguenze di un duro scontro con Sergio Ramos nei primi minuti di gioco, impatto che avrebbe causato una commozione cerebrale rendendolo dunque poco lucido, il portiere è stato immediatamente accusato di essere il principale, se non unico, responsabile di un sogno sfiorato e poi sfumato. Un comportamento, quello della stampa e di parte della tifoseria, che non è piaciuto a Klopp.

Karius in lacrime a KievGetty Images

Non solo il manager dei Reds ha difeso il suo portiere e connazionale, ma come ha confessato a Kicker ha addirittura preso in considerazione l'ipotesi di rinunciare all'acquisto di Alisson - a suo dire già previsto nell'ambito di una filosofia tesa sempre a migliorare la squadra - e di continuare proprio con Karius titolare.

L'acquisto di un grande portiere era già previsto, la finale di Champions League non ha avuto niente a che fare con l'arrivo di Alisson. Anche se avessimo vinto, fosse stato disponibile sul mercato lo avremmo comunque acquistato. È stata la reazione negativa della gente, semmai, che mi ha fatto pensare di rinunciarci e andare avanti con Karius. 

AlissonGetty Images

Un concetto chiaro e semplice: visto l'atteggiamento avuto da molti nei confronti del suo portiere, Klopp avrebbe quasi ritenuto necessario schierarsi platealmente, lasciando perdere Alisson e ribadendo la sua fiducia in un ragazzo che comunque, fino a quel momento, aveva tutto sommato avuto un buon rendimento. Perché poi questo non sia successo è evidenziato poco dopo: un professionista deve pensare prima di tutto al bene del club.

Ma dobbiamo comportarci in modo professionale, e farlo significa cercare di avere i migliori calciatori in ogni posizione.

Così il Liverpool ha concluso l'acquisto del portiere brasiliano della Roma, un rinforzo che Klopp sottolinea sarebbe arrivato comunque e che non cambia di una virgola la fiducia che ripone in Karius, oggi a tutti gli effetti retrocesso a secondo di Alisson ma capace, secondo il manager, di recuperare la posizione perduta.

Non penso che gli errori di Kiev lo abbiano colpito così tanto, non è giusto. Non dovremmo mai dimenticare che ci sono cose peggiori al mondo, stiamo parlando di quello che è comunque un divertimento, qualcosa che può essere importante per tanti ma non è tutto. Loris potrà impensierire Alisson? Assolutamente si, dato che è un grande portiere.

Jurgen KloppGetty Images

Insomma, Klopp ha fiducia totale nella rosa che si trova ad avere a disposizione e ritiene che tutti possano tornare utili nel corso di una stagione che vedrà il Liverpool cercare di migliorare dopo il quarto posto in campionato nell'ultima stagione seguito dalla sfortunata finale di Champions League. E nell'intervista, oltre a ribadire la sua stima per Karius, sottolinea anche come i Reds aspettino il ritorno di Lovren, fuori per infortunio e pure lui spesso nel mirino dei critici.

Loris ha 25 anni, è un'età dove tutti sbagliano, anche i migliori. Abbiamo completamente fiducia nelle sue qualità, l'arrivo di Alisson non c'entra niente, abbiamo semplicemente individuato un portiere migliore e lo abbiamo acquistato. Lovren? Discuterlo è una cosa che non ho mai capito, parliamo di un calciatore che quest'anno ha giocato la finale di Champions League e dei Mondiali. Un difensore di livello mondiale, che solo ogni tanto ha i suoi alti e bassi. Ma è umano, succede, e allora mi domando: "Ehi, avete dimenticato come ha giocato per quattro settimane in Russia?"

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.