Serie A, Spalletti: "Campo terribile! L'Inter ha perso per un rigore"

Il tecnico nerazzurro polemizza sulle condizioni del terreno di gioco: "Si attaccava sotto gli scarpini, ci ha penalizzato. E ricordate come abbiamo subito gol..."

133 condivisioni 1 commento

di

Share

Inter battuta dal Sassuolo e dal… campo. Luciano Spalletti commenta il ko della prima giornata di campionato. “Ma non cerco alibi”, la sua premessa. Solo che poi le recriminazioni si concentrano quasi tutte sulle condizioni del terreno di gioco, che avrebbe compromesso lo sviluppo del gioco dei suoi. 

Berardi decide il match nel primo tempo su un calcio di rigore generoso concesso dall’arbitro Mariani per un contatto tra Miranda e Di Francesco. Ed ecco l’altro punto su cui si concentra il tecnico nerazzurro.

“Abbiamo perso su rigore, ricordatevelo. Abbiamo perso su rigore…”. Una risposta per far sapere di non avere gradito la decisione del direttore di gara? Spalletti cerca di salvare la prestazione dell'Inter o quantomeno di giustificare il risultato: è arrivata una sconfitta, ma non può essere dimenticato il lavoro svolto durante tutta la preparazione estiva. Questo il succo del suo discorso. 

Inter, Spalletti recrimina: "Campo terribile! Abbiamo perso su rigore"

Luciano SpallettiGetty Images
Luciano Spalletti, 59 anni, se l'è presa con il campo: "Era terribile"

Il debutto negativo può aiutare l’Inter nel cammino in campionato. Spalletti cerca di non fare drammi, la sua squadra deve cogliere un insegnamento in vista delle prossime partite. Guai a demoralizzarsi dopo l’esordio, seppur deludente:

Ora dovremo allenarci con zero punti in classifica e sotto pressione. Allenarsi senza l’entusiasmo giusto può creare delle difficoltà. La reazione c'è stata, abbiamo preso solo qualche ripartenza di troppo e non siamo riusciti a stargli addosso quando perdevano palla. Ci siamo abbassati troppo. 

Domenico BerardiGetty Images
Domenico Berardi, 24 anni, ha deciso Sassuolo-Inter con un calcio di rigore

Poi il campo, appunto. Se il gioco dell’Inter è stato poco fluido, la motivazione principale è da ricercare proprio lì, su quel terriccio che si è attaccato sotto gli scarpini dei suoi calciatori. 

Il campo era terribile, si attaccava sotto i tacchetti e diventava difficile controllare il pallone. Possiamo fare meglio sicuramente, però oggi avevamo anche pochi spazi a disposizione. Diventa difficile quando non si può far girare palla velocemente. Le condizioni hanno influito molto, hanno danneggiato anche loro che giocano bene a calcio. Su un altro campo potevamo fare meglio sia noi che loro. Non dovevamo prendere gol, perché poi ci siamo dovuti sbilanciare e abbiamo subito delle ripartenze…

Se c’è stato un passo indietro da parte dell’Inter, allora è stato un “passettino”. Perché Spalletti ci tiene a specificarlo: la sconfitta è arrivata solo e soltanto per colpa di un penalty. Non fischiato invece - poco dopo - nell’altra area di rigore per un intervento scomposto di Magnanelli su Asamoah:

Voglio ricordarlo, abbiamo preso gol su rigore, abbiamo perso per un gol su calcio di rigore… Loro non ci hanno creato tante difficoltà, abbiamo subito due-tre ripartenze… 

De Vrij: “Speravamo in un altro inizio…”

Stefan de VrijGetty Images
Stefan de Vrij, 26 anni, al Mapei Stadium ha esordito in campionato con la maglia dell'Inter

Subito dopo parla Stefan de Vrij, arrivato dalla Lazio in estate a parametro zero. Il difensore, schierato in coppia con Miranda, sperava in un esordio differente. Non sono bastati gli assalti finali e il suo colpo di testa ravvicinato respinto da Consigli: 

Non è stato l’inizio che volevamo. Questo è un campo difficile, il terreno non ci ha aiutato, ma non può essere una scusa. Abbiamo sbagliato tanti passaggi e subìto parecchie ripartenze. Dobbiamo alzare il ritmo del gioco, possiamo migliorare. Il rigore? È un episodio, in una partita ci sono sempre…

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.