Supercoppa europea: le pagelle di Real Madrid-Atletico Madrid

Diego Costa il migliore, molto bene anche Saul e Benzema. Correa cambia la partita, Griezmann, Casemiro e Varane irriconoscibili.

Diego Costa (Atletico Madrid) e Sergio Ramos (Real Madrid) GettyImages

564 condivisioni 0 commenti

di

Share

Dopo centoventi minuti giocati al massimo da entrambe le squadre, l'Atletico Madrid batte 4-2 il Real Madrid conquistando la quarantatreesima edizione della Supercoppa europea. A Tallinn i Colchoneros vincono il trofeo per la terza volta nella propria storia, rivendicando parzialmente le affermazioni in Champions League, da parte dei cugini, negli ultimi anni.

La prima gara ufficiale di Lopetegui sulla panchina del Real Madrid inizia malissimo, visto che Diego Costa riesce a superare Navas dopo poco meno di un minuto di gioco e migliorare così il record del gol più veloce della Supercoppa europea, finora appartenente a Banega. I Blancos non perdono la testa e recuperano prima della mezz'ora con Benzema, bravo a deviare in rete un traversone perfetto di Bale.

Nella ripresa Sergio Ramos sigla il 2-1 grazie a un calcio di rigore concesso da Marciniak per un tocco col braccio di Juanfran, ma a dieci minuti dal termine Diego Costa realizza la sua doppietta personale. Nei tempi supplementari è un dominio dei Colchoneros che passano con un gol stupendo di Saul e chiudono definitivamente il match grazie a Koke.

Gol Diego CostaGettyImages
L'esultanza dei giocatori dell'Atletico dopo l'1-0

Supercoppa europea, le pagelle di Real Madrid-Atletico Madrid 2-4 (dts)

Real Madrid (4-2-3-1): K. Navas 5,5; Carvajal 5, Varane 4,5, S. Ramos 5,5, Marcelo 6; Casemiro 5 (76' Ceballos 5,5), Kroos 5,5 (102' B. Mayoral sv); Bale 6,5, Isco 5,5 (83' L. Vazquez sv), Asensio 5,5 (57' Modric 5,5); Benzema 7. A disposizione: Lunin, Casilla, Nacho F., J. Sanchez, Reguilon, Valverde, M. Llorente, Vinicius. Allenatore: Lopetegui 6.

Atletico Madrid (4-4-2): Oblak 5,5; Juanfran 5, Savic 5,5, Godin 6,5, Lucas H. 5,5; Lemar 5,5 (90' Thomas sv), Saul N. 7,5, Rodri 6 (71' Vitolo 6), Koke 6,5; D. Costa 8 (108' Gimenez sv), Griezmann 5 (57' A. Correa 6,5). A disposizione: Adan, A. Dos Santos, Arias, Filipe L., Olabe, G. Martins, Kalinic. Allenatore: Simeone 7 (in panchina Burgos).

Arbitro: Marciniak 5,5.

Marcatori: 1' e 79' D. Costa, 27' Benzema, 63' (rig.) S. Ramos, 98' Saul N, 104' Koke.

Note: ammoniti Asensio, Marcelo, A. Correa, D. Costa, Ceballos, Modric, Vitolo, S. Ramos. Recupero: 1' pt, 3' st, 2' pts, 1' sts.

I migliori

D. Costa 8

Sblocca la gara dopo cinquantadue secondi, spaccando la porta difesa dal non impeccabile Navas e facendo sembrare inesperto un mostro sacro della marcatura come Sergio Ramos. Lotta come una bestia per il resto della gara, realizzando la doppietta e recuperando palla nell'azione del 4-2.

Benzema 7

Una spina nel fianco per la difesa dell'Atletico Madrid, un pericolo costante soprattutto per Savic, letteralmente sovrastato in occasione del gol dell'1-1. Vuole tornare a segnare dopo una stagione opaca in termini di realizzazioni (solo cinque in Liga lo scorso anno): in questo pre-campionato è già a quota quattro.

Gol BenzemaGettyImages
L'1-1 di Benzema

Saul 7,5

Nel primo tempo è dappertutto: pressa la difesa del Real assieme a Diego Costa e un attimo dopo aiuta Rodri a centrocampo. Recupera tantissimi palloni, anche se la sua intensità cala leggermente nella ripresa, come è normale che sia, essendo a metà agosto. Corona la sua prestazione con il gol fantastico del 3-2.

Bale 6,5

Senza Cristiano Ronaldo è più libero di mettersi in mostra. Dopo la doppietta al Liverpool, “mister cento milioni” si ripresenta con tante giocate intelligenti. Da un suo cross nasce la rete di Benzema, con una girata al volo mette Isco davanti a Oblak, nonostante lo spagnolo non sia per niente freddo nel concludere di prima. Cala anche lui nell'ultima parte di gara.

Correa 6,5

Il suo ingresso cambia l'Atletico Madrid. Spazia su tutto il fronte offensivo, recuperando diversi palloni anche nella propria metà campo. Ha il merito di siglare l'assist per il 2-2 di Diego Costa, sfuggendo alla marcatura di Modric.

Angel CorreaGettyImages
Angel Correa contro i difensori del Real Madrid

I peggiori

Varane 4,5

Con Sergio Ramos è colpevole del primo e del terzo gol dell'Atletico Madrid. Tutt'altro che impeccabile pure in occasione della seconda rete, anche se viene tradito da Marcelo e Modric.

Casemiro 5

Irriconoscibile: perde due palloni rischiosissimi davanti alla difesa ed è impreciso in diversi passaggi. Risente probabilmente dell'assenza di Modric e della contemporanea presenza in campo di quattro giocatori offensivi. Viene sostituito al 76' per un problema fisico.

Griezmann 5

Lontano parente del giocatore ammirato al Mondiale, candidato numero uno per il prossimo Pallone d'Oro. Non riesce mai a entrare in partita, con lui l'Atletico gioca praticamente in inferiorità numerica. Simeone se ne accorge e lo toglie poco dopo l'inizio della ripresa. Evanescente.

GriezmannGettyImages
Antoine Griezmann

Gli allenatori

Lopetegui 6

Subisce gol dopo neanche un minuto dal suo debutto alla guida del Real Madrid, ma ha il merito di tenere alta la concentrazione dei suoi calciatori. Si vede già la sua impronta, i Blancos giocano molto di più da squadra di quanto facevano con Zidane, anche se nei tempi supplementari crollano fisicamente e psicologicamente.

Lopetegui all'esordio col Real MadridGettyImages
Julen Lopetegui, tecnico del Real Madrid

Simeone 7

Si agita come un leone, ingabbiato nel box numero 15 della A. Le Coq Arena di Tallinn per via della squalifica rimediata la scorsa stagione in Europa League. Il suo Atletico parte benissimo, accusa la stanchezza per colpa delle fatiche mondiali della maggior parte dei giocatori in campo, ma non si arrende mai, portando a casa la terza Supercoppa europea negli ultimi otto anni.

L'arbitro Marciniak 5,5

Sorvola su due interventi al limite di Sergio Ramos e Diego Costa: sul primo, Ramos colpisce l'attaccante col braccio largo, sul secondo l'attaccante “si rifà” colpendo il difensore dopo un contrasto. Nulla da dire sulle altre decisioni, sacrosanto il rigore fischiato: troppo leggera la trattenuta di Benzema su Juanfran, prima del tocco col braccio del terzino dell'Atletico.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.