Serie A, clamoroso a Crotone: chiesta l'ammissione come 21esima

I pitagorici non ci stanno, e chiedono alle Leghe, al CONI e alla FIGC di partecipare al massimo campionato italiano attraverso una lettera dai toni assai accesi.

1k condivisioni 0 commenti

di

Share

Dopo una B a 19 squadre, il Crotone sogna una Serie A con 21 partecipanti. I pitagorici, infatti, avrebbero già inviato una lettera indirizzata a CONI, FIGC, Lega A e B: il testo della missiva verterebbe verso una ammissione nel massimo campionato nell'ottica di una probabilissima penalizzazione riservata al Chievo a seguito del caso plusvalenze, con la sentenza da commutare agli scaligeri che verrà però promulgata il 12 settembre prossimo. I gialloblu, a quel punto, avranno già disputato tre giornate di campionato, rendendo impossibile l'applicazione di una sentenza da scontare nella stagione conclusasi nel maggio scorso.

Ecco perché il Crotone ha chiesto l'ammissione in Serie A, forte di una possibile condanna che, secondo la tesi dei calabresi, porterà una penalizzazione ad un Chievo che - a quel punto - sarebbe costretto ad incassarla nel campionato 2018/2019. La società della famiglia Vrenna, come riferito da Crotonenews, ha già dato mandato agli avvocati Giancarlo Pittelli ed Elio Manica di contattare tutti gli organi coinvolti attraverso una mail PEC.

Il punto cruciale del discorso, nonché scintilla che ha convinto il Crotone ad inviare la lettera, è la modifica dell'articolo 50 comma 3 delle Norme Organizzative Interne della FIGC. La palla, qualora questo processo andasse avanti, passerebbe al Consiglio Federale, che attraverso una votazione potrebbe modificare con effetto immediato il totale di club partecipanti ai vari campionati, indifferentemente che si tratti di un numero inferiore o superiore rispetto a quello precedentemente indicato.

Vota anche tu!

Serie A: il Crotone ha qualche chance di essere ammesso al campionato?

Leggi di più tra 5

Annulla redirect

Serie A, il Crotone chiede l'ammissione: la lettera

Crotone che torna dunque a sognare la Serie A, anche se bisogna sottolineare ancora una volta come la strada resti decisamente in salita. Ciò nonostante lo staff legale del club calabrese si è già messo al lavoro, inviando una mail con posta certificata in cui sono state esposte tutte le ragioni della società retrocessa durante il campionato 2017/2018. Di seguito il testo integrale della lettera.

Spett. Presidenza FIGC

e, p.c., Spett. CONI

Lega Serie A

Spett. Lega Serie B

OGGETTO: Nuova formulazione art. 50 NOIF- richiesta ammissione in sovrannumero campionato Serie A 2018/2019.

Egregi Signori,

facendo seguito a tutta la pregressa corrispondenza, considerata la recente modifica dell’art .50, comma 3 delle NOIF che recita: "Qualora vi siano concreti rischi che non sia garantito il regolare e/o tempestivo avvio del campionato, il Consiglio Federale, con delibera assunta con la maggioranza dei tre quarti dei componenti aventi diritto al voto, sentita la Lega interessata, può modificare il numero di squadre partecipanti ai campionati in corso con effetto immediato, anche prevedendo un numero inferiore o superiore rispetto a quello previsto dall’art. 49 delle N.O.I.F.".

Considerato che in vista della quasi certa penalizzazione dell’AC Chievo Verona all’esito dell’udienza fissata per il prossimo 12 settembre;

considerato che la penalizzazione avrebbe l’effetto di falsare il regolare svolgimento del prossimo campionato di Serie A che sta per iniziare;

previo espletamento degli incombenti a carico degli organi in indirizzo,

si chiede l’ammissione di FC CROTONE SRL in sovrannumero al campionato di Serie A 2018/2019.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.