Non solo Cristiano Ronaldo: 10 motivi per guardare la prossima Serie A

L'arrivo del Pallone d'Oro è solo una delle ragioni per le quali vale la pena seguire il nostro campionato. Ce ne sono almeno altre nove, e sembrano tutte valide.

505 condivisioni 0 commenti

di

Share

L'attesa sta per finire: il 18 agosto la Serie A riapre i battenti, tutti i tifosi delle 20 squadre sono invitati. C'è tanto da scoprire, tra nuovi arrivati e incognite varie. La Juventus vuole conquistare l'ottavo scudetto di fila con l'aiuto di Cristiano Ronaldo (anche se l'obiettivo, dichiarato, è la Champions League). E il ritorno di Bonucci non fa che aumentare i fari puntati sulla Vecchia Signora.

Non solo Juventus, però: è tornato Ancelotti in Serie A, il suo Napoli vuole arrivare più lontano di quello di Sarri, la rivoluzione partenopea è appena cominciata. Si rivede anche Pippo Inzaghi, che guiderà il Bologna orfano di Verdi puntando a una salvezza tranquilla. L'ex attaccante del Milan dovrà affrontare, tra le altre, Frosinone, Parma ed Empoli (altri tre ritorni) in una lotta salvezza che potrebbe essere ancora una volta molto avvincente.

E poi le due milanesi, con i nerazzurri formato Champions League e il nuovo corso rossonero targato Elliott, con Leonardo e Maldini alla guida. E ancora: la corsa all'Europa League di Atalanta, Fiorentina, Torino, la Lazio di Inzaghi che vuole ancora infastidire tutti, mentre la Roma dovrà cavarsela anche senza Nainggolan e Alisson. Tanti i motivi per seguire la prossima Serie A. Ce ne sono almeno 10, e sembrano tutti validissimi. 

Serie A, il saluto tra Gattuso e SpallettiGetty Images
Aria di derby

I 10 motivi per seguire la prossima Serie A

Qualcuno lampante, qualcuno più ricercato: zoom su singoli giocatori, lente d'ingrandimento puntata sugli allenatori e su un ritorno che ha fatto parecchio discutere. E no, non è quello di Pastore in Serie A. Anche se il Flaco entra di diritto tra i motivi per seguire il prossimo campionato:

Cristiano Ronaldo alla Juventus

Inutile negarlo, inutile girarci intorno. Impossibile non metterlo al primo posto, tra i motivi per cui seguire la prossima Serie A: Cristiano Ronaldo è un calciatore della Juventus. Il Pallone d'Oro arriva in Serie A, nella squadra migliore del campionato. Ne vedremo delle belle, poco ma sicuro.

I nuovi volti dell'Inter

Lautaro per primo (che gol ha fatto contro l'Atletico Madrid?), poi di seguito tutti gli altri: Nainggolan, de Vrij, Asamoah, Keita, Politano. Un esercito di volti nuovi per Spalletti, un alone di curiosità spesso e denso attorno a una squadra che può stupire. Sì, ma che gol ha fatto Lautaro?

Ancelotti e l'ombra di Sarri

Riuscirà Ancelotti a non far rimpiangere Sarri? L'impronta dell'allenatore che ora guida il Chelsea è stata forte, sarà difficile cambiare i connotati di un Napoli che negli ultimi anni ha avuto una chiara identità di gioco. Servono tanta esperienza e altrettanta bravura. Cose che ad Ancelotti non mancano di certo.

Higuain al Milan

Cambia anche il Milan, a livello societario e in campo. L'acquisto più importante, insieme a quello di Mattia Caldara, è Gonzalo Higuain: i rossoneri adesso possono contare sul miglior attaccante della Serie A degli ultimi 5 anni. Parlano i numeri, i gol realizzati sono 111. Un elemento di spicco che mancava a Gattuso. Anche lui, come Lautaro, in amichevole si è presentato discretamente bene.

L'outsider Lazio

Dopo aver sfiorato la conquista del posto in Champions League, sfumata negli ultimi minuti del match contro l'Inter, la Lazio ci riprova: la squadra di Inzaghi vuole essere (di nuovo) la sorpresa del campionato e mettere pressione alle prime della classe. Con qualche elemento in più, con le solite certezze. E un numero 10 diverso. Da Luis Alberto ci si aspetta molto. Dal suo tandem con Immobile, ancora di più.

Pippo Inzaghi al Bologna

Dopo la non entusiasmante annata d'esordio al Milan, Pippo Inzaghi (da allenatore, si intende) ha fatto gavetta al Venezia e ha ricevuto la chiamata del Bologna. Un'altra prova in Serie A per l'ex attaccante rossonero, che sembra aver già conquistato tutti. In attesa di lottare sul campo per conquistare anche la salvezza...

#WeAreOne 🔴🔵 @officialbolognafc

A post shared by Pippo Inzaghi (@pippoinzaghi) on

Il ritorno di Pastore

E torna anche Pastore, dopo un lunghissimo Erasmus a Parigi: un bagaglio di esperienza importante per l'argentino, che proverà a non far rimpiangere la partenza di Nainggolan. Compito difficile, ma il Flaco è tornato per stupire. Di Francesco, nel frattempo, studia le alternative tattiche per metterlo a suo agio. C'è curiosità a 360°.

👍😉 #ASRoma

A post shared by AS Roma (@officialasroma) on

Il secondo anno della VAR

Ok, il primo anno è stato archiviato. Episodi dubbi, lamentele, proteste varie, rettifiche, minuti spesi a guardare lo schermo, con i giocatori fermi in mezzo al campo. C'è da migliorare, è vero, ma la Serie A è stata una dei pionieri di questa nuova tecnologia e al secondo anno le cose dovrebbero migliorare. O almeno si spera. Scena più curiosa dello scorso anno legata alla VAR: l'esultanza di Cutrone.

La scalata del Parma

Dall'incubo Serie D alla scalata totale: il Parma è risalito di anno in anno fino a conquistare la promozione in Serie A nella passata stagione. Adesso dovrà cercare di confermarsi e di restare nella massima serie, per continuare un percorso di rinascita incredibile. Chapeau.

📸 #ParmaPisa #CoppaItalia

A post shared by Parma Calcio 1913 (@parmacalcio1913) on

Bonucci 2.0

I tifosi della Juventus perdoneranno Bonucci? E come si inserirà il difensore nello scacchiere di Allegri? Riprenderà regolarmente il suo posto da titolare, come se nulla fosse avvenuto nell'ultimo anno? Curiosità. Davvero tanta curiosità.

Motivo Bonus - Il Fantacalcio

Quanti fantamilioni avete messo da parte per Cristiano Ronaldo?

Buongiorno👌

A post shared by Cristiano Ronaldo (@cristiano) on

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.