Real Madrid, ecco come Lopetegui gestirà Courtois e Keylor Navas

Con l'arrivo del belga alle Merengues, si riducono gli spazi per il portiere costaricano, che però vuole restare per continuare a giocarsi le sue possibilità.

713 condivisioni 0 commenti

di

Share

Eh no, per Julen Lopetegui non dovrà essere proprio una passeggiata gestire due portieri così. Da una parte Keylor Navas, cioè l'estremo difensore vincitore delle ultime tre Champions League consecutive; dall'altra il belga Thibaut Courtois, appena acquistato dal Real Madrid per 40 milioni di euro.

E a chi pensava che questo nuovo innesto tra i pali potesse portare a un addio imminente del costaricano, ci ha pensato il diretto interessato a rispondere in modo sibillino e fatalista: "Le possibilità che io me ne vado sono le stesse che io muoia".

Più chiaro di così, insomma, non poteva essere. Toccherà al nuovo allenatore il compito di far convivere due portieri di altissimo livello, come in passato al Real Madrid era già accaduto del resto con i dualismi che hanno visto Casillas confrontarsi prima con Diego Lopez e poi con lo stesso Keylor Navas.

Real Madrid, Keylor Navas sfida Courtois per un posto da titolareGetty Image
Real Madrid, Keylor Navas festeggia per la vittoria dell'ultima Champions League

Real Madrid, Lopetegui e il dualismo tra Courtois e Keylor Navas

In entrambi i casi le esperienza non sono state proprio idilliache e confortanti, ma a quanto pare l'ex ct della Spagna è convinto di poter riuscire laddove altri hanno fallito, garantendo spazio a entrambi i suoi portieri. A questo potenziale ballottaggio, poi, va pure aggiunta la variabile del terzo incomodo, visto che le qualità di Lunin non sono passate inosservate nel corso di queste tre settimane d'allenamento.

Ma avendo l'ucraino appena 19 anni, ha tutto il tempo del mondo per scalare eventualmente (e gradualmente) le gerarchie. Anzi, a fronte al desiderio di Keylor Navas di restare, è probabile che venga mandato in prestito da qualche parte per giocare con continuità.

Di certo il Real Madrid non intende mettere pressione sul costaricano per spingerlo ad andarsene, anzi, ne apprezza molto la volontà di restare per giocarsi le sue chance di essere titolare sfidando Courtois. Per quanto riguarda invece gli altri portieri in organico, Kiko Casilla e Luca Zidane, loro sanno già che cambieranno aria. La porta madrilena d'altronde è fin troppo affollata.

Vota anche tu!

Come gestirà il dualismo Lopetegui?

Leggi di più tra 5

Annulla redirect

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.