Real Madrid, Florentino Perez: "Courtois qui perché il migliore al mondo"

Nella conferenza stampa di presentazione di Courtois il presidente dei Blancos ha affrontato anche alcune situazioni spinose e ha parlato di mercato.

444 condivisioni 0 commenti

di

Share

Non solo Luka Modric. In casa Real Madrid negli ultimi mesi hanno dovuto fronteggiare diverse situazioni complicate. Dal giorno della vittoria della Champions League contro il Liverpool i Blancos si sono prima ritrovati senza Zinedine Zidane, che ha deciso di riposarsi dopo stagioni dure e stressanti, poi senza Cristiano Ronaldo, a caccia di nuovi stimoli dopo i nove anni vissuti in Spagna.

Ora, dopo l'addio anche di Kovacic, sta lamentando un certo mal di pancia anche Luka Modric. Perdere lui, in un'estate come questa, per il Real Madrid potrebbe essere problematico. L'Inter però ci spera, fa pressione, anche se il presidente spagnolo Florentino Perez resta lucidissimo e non si agita. Nel giorno della presentazione stampa di Thibaut Courtois, appena arrivato dal Chelsea, il numero uno dei madrileni ha parlato anche di alcuni casi spinosi.

Perez si è infatti rifiutato di parlare apertamente del caso Modric, spiegando però che il croato è stato inserito nella lista dei convocati per la partita che il Real Madrid giocherà a ferragosto contro l'Atletico Madrid per aggiudicarsi la Supercoppa Europea. Un segnale importante in un momento così delicato, una risposta con i fatti, non a parole. 

Vota anche tu!

L'Inter riuscirà a prendere Modric?

Leggi di più tra 5

Annulla redirect

Real Madrid, Perez e Courtois in conferenza stampa

Il Real Madrid sarà competitivo anche per la stagione 2018-19. Questa la promessa fatta dal presidente Florentino Perez ai tifosi che inoltre, fra le righe, manda anche un messaggio a Modric:

La nostra è una squadra fortissima e puntiamo su tutti i giocatori che compongono la nostra rosa. Crediamo fortemente in questa squadra. Siamo pronti a per vincere ancora. E vogliamo rinforzare ancora la nostra squadra

Courtois e famiglia insieme a PerezGetty
Courtois e famiglia insieme a Perez

A proposito di Courtois, Perez si è detto particolarmente soddisfatto del suo acquisto. Il presidente del Real Madrid è infatti convinto che il portiere belga sia il più forte al mondo.

Abbiamo ancora fame di successi, vogliamo restare i migliori in Spagna, in Europa e nel mondo come d'altronde siamo stati nelle ultime cinque stagioni. Questa maglia deve essere indossata solo dai numeri uno. La storia del nostro stadio, la storia del Santiago  Bernabeu merita i migliori al mondo. La nostra identità deve esser portata avanti negli anni e voglio venga rappresentata anche dalla nostra cantera

Courtois alla presentazione con il Real MadridGetty
Courtois alla presentazione con il Real Madrid

Evidentemente raggiante Courtois, che ha a lungo forzato la propria cessione proprio per passare al Real Madrid. Il portiere belga ha parlato di un sogno che si realizza, ammettendo di non vedere l'ora di esordire:

Sono onorato di essere qui. Difendere la porta della squadra più forte del mondo è una grande responsabilità, ma ho lavorato duramente per arrivare qui. Fin da bambino sognavo questo trasferimento. Quando ero piccolo sono rimasto affascinato da Casillas, ho una sua maglietta di una partita che giocò in Champions contro l'Anderlecht. Avrò avuto 10 anni, ma per tutta la vita ho ricevuto in regalo maglie del Real

Il portiere belga ha poi detto di non temere il dualismo con Navas, anche perché ha già vissuto una situazione simile al Chelsea con Cech:

Sono convinto che andremo d'accordo, alla fine è sempre così. So che Keylor è una grande persona, ha aiutato la squadra a vincere, vengo con molto rispetto. Anche a Londra mi hanno fatto subito la stessa domanda, ma con Cech poi è andato tutto bene e ora siamo amici. Penso solo a far bene qui, sono disponibile già per la partita con l'Atletico Madrid anche se deciderà il mister se schierarmi o meno. Non so che numero di maglia prenderò, lo decideremo a fine mese

Courtois potrebbe esser raggiunto a Madrid da Eden Hazard. Un connazionale che, durante gli anni passati insieme al Chelsea, è diventato un amico. Per questo il portiere belga non nasconde la speranza che anche il trequartista possa trasferirsi in Spagna:

Eden si è congratulato con me per il passaggio al Real, d'altronde lui sa quanto fosse importante per me anche per avvicinarmi ai miei figli. Hazard è un grande giocatore, vorrei sempre giocare con lui, vediamo cosa accadrà in futuro

E per qualche ora in casa Real Madrid non si parla solo di Luka Modric. C'è un grande acquisto da celebrare. E le promesse del presidente da registrare. Il club punta in alto, anche dopo alcuni addii eccellenti.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.