Bundesliga, la crisi dell'Amburgo non è solo tecnica: i conti non tornano

Dopo il pessimo esordio nella seconda divisione nazionale il club deve affrontare anche problemi economici: si risparmia su maglie, viaggi e steward.

286 condivisioni 0 commenti

di

Share

I conti non tornano. Ed è un problema serio. L'Amburgo non sta passando un momento facile. A maggio, dopo anni in cui è riuscito a salvarsi in extremis, è retrocesso per la prima volta nella propria storia. Niente più Bundesliga. Una vera e propria tragedia per una tifoseria che da decenni era orgogliosa di essere l'unica squadra ad aver partecipato a tutte le edizioni della massima serie tedesca.

Per tutta l'estate i dirigenti dell'Amburgo hanno provato però a riportare entusiasmo. Volevano che i tifosi non abbandonassero la squadra. La promessa è sempre stata chiara: un solo anno di purgatorio, poi ritorno immediato in Bundesliga. E i tifosi si sono stretti attorno alla squadra. Per lo storico (quanto triste) esordio in seconda divisione, contro il Kiel, lo stadio è stato riempito in ogni ordine di posto: 57mila spettatori, sold out più veloce della storia del Volksparkstadion.

Modo migliore per ripartire? Solo in teoria. Perché alla pratica poi ci pensa il campo. L'Amburgo è stato travolto in casa dal Kiel (0-3) e i tifosi non l'hanno presa bene. C'è il timore che la squadra non sia pronta, almeno dal punto di vista caratteriale, a combattere per ritornare immediatamente in Bundesliga. Manca carisma, che fra l'altro è mancato anche nelle ultime stagioni.

Vota anche tu!

L'Amburgo riuscirà a risalire immediatamente in Bundesliga?

Leggi di più tra 5

Annulla redirect

Bundesliga, l'Amburgo è in difficoltà economica 

I problemi dell'Amburgo però non si limitano solo al campo. Il bilancio è in rosso, i conti non tornano. L'anno scorso il club era il settimo, in tutta la Bundesliga, a riconoscere gli stipendi più alti. Non ci si aspettava la retrocessione e tagliare i costi, con i contratti firmati, non è facile. Al punto che ora, che gli introiti sono diminuiti, la società ha bisogno di risparmiare sensibilmente.

I tifosi dell'Amburgo affranti a fine partitaGetty
I tifosi dell'Amburgo affranti a fine partita

I tagli saranno immediati, in molti casi sono già cominciati. Da questa stagione verranno utilizzati meno steward nella tribuna vip. Verranno perfino messi a disposizione degli ospiti meno salviette di quanto fatto in passato. Non solo: i giocatori, che fino alla scorsa stagione potevano regalare a tifosi e amici tutte le maglie che volevano, avranno ora diritto a solo 5 divise a testa. Dalla sesta in poi gli atleti pagheranno di tasca propria.

Vale inoltre lo stesso anche per il materiale usato in allenamento. Stando alle stime il club così facendo verranno risparmiati 150mila euro a stagione. Tagli infine anche sulle sulle trasferte: niente più alberghi di lusso e viaggi più economici. Addirittura, in base ai costi, la società potrebbe decidere di far partire la squadra in pullman invece che in aereo anche per viaggi di 6 o più ore. Insomma: i conti ad Amburgo non tornano. E non è l'unico problema serio da affrontare.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.