Calciomercato, Cassano: "Gioco un anno gratis, di soldi se ne parla a fine anno"

Il talento barese a 36 anni non ha ancora perso le speranze di tornare a giocare in Serie A: "Cerco un progetto serio, non voglio lottare per non retrocedere".

1k condivisioni 0 commenti

Share

Ottocentoventuno giorni. Tanti ne sono passati dall'8 maggio 2016, ultima partita ufficiale giocata da Antonio Cassano. Quel giorno la sua Sampdoria perse 3-0 il derby contro il Genoa, oggi il talento barese a 36 anni sogna di tornare a calcare i campi della Serie A per togliersi ancora qualche soddisfazione. 

Mi sono arrivate diverse offerte dalla Serie A e dalla B - ha dichiarato Cassano a Il Corriere dello Sport - ma nessuna mi ha ancora convinto. Non voglio lottare per non retrocedere, cerco un progetto serio

Subito scartata quindi la romantica idea di un ritorno al Bari, appena fallito e retrocesso in Serie D: 

Voglio giocare in Serie A perché mi considero un giocatore da Serie A. Io penso ad uno come Almeyda che rimase fermo per due stagioni e poi tornò e giocò per altri quattro anni. Io sto bene, non ho mai avuto infortuni seri. Il mio problema è sempre stata la testa, ma adesso grazie ai miei figli l'ho messa a posto e voglio dimostrargli che sono un padre responsabile

L'ora delle "cassanate" è quindi finita:

Ho sempre detto le cose in faccia e ho pagato per questo, ma nella mia carriera ho pochi rimpianti. Ho giocato in Nazionale, nella mia squadre del cuore e nel Real Madrid, il club migliore al mondo. Ho realizzato tutti i miei sogni

Ora aspetta solo l'occasione giusta:

Alessandro Moggi sta facendo un grande lavoro e mi ha trovato tante squadre. Andrei a zero in squadre come Sassuolo, Bologna, Torino e Parma: se decidessero di prendermi non chiederei soldi, di quelli se ne parlerebbe a fine stagione. Se sono soddisfatti mi prolungano il contratto di altri due anni

Sulla sua condizione fisica ha detto:

Oggi peso 82 kg, neppure a vent'anni pesavo così poco. In ritiro arrivavo e pesavo 85-86 kg per poi calare di due. Se solo avessi ascoltato Totti e il suo preparatore, Vito Scala, oggi sarei ancora ad altissimi livelli. Comunque se non dovessi trovare una squadra, a settembre vado a Coverciano e studierò da ds. Voglio restare nel mondo del calcio

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.