Community Shield, Chelsea-Manchester City 0-2: decide il Kun Aguero

Due gol di Aguero rovinano l'esordio di Sarri alla guida dei Blues. Vittoria meritata per Guardiola, londinesi mai realmente pericolosi.

1k condivisioni 0 commenti

di

Share

È il Manchester City ad aggiudicarsi il primo trofeo della nuova stagione inglese. A Wembley, i Citizens battono 2-0 il Chelsea grazie alla doppietta del Kun Aguero. Terzo successo Oltremanica per Guardiola, al suo primo Community Shield dopo le vittorie della Premier e della Coppa di Lega.

Si tratta della quinta finale consecutiva persa per il Chelsea, che nonostante l'arrivo di Sarri, al terzo ko in carriera contro l'amico Guardiola, non riesce a fare suo il trofeo. Per la prima volta dopo quattro edizioni, la Supercoppa va al campione d'Inghilterra in carica: l'ultimo club a riuscirci era stato il Manchester United, nell'estate del 2013 (2-0 al Wigan).

Con questo successo, il City sale a cinque edizioni vinte, staccando il Wolverhampton e lo stesso Chelsea, fermi a quattro. Nell'albo d'oro resta comunque al comando lo United, grazie a ventuno affermazioni. Dopo i Red Devils, ecco Arsenal e Liverpool, entrambe a quota quindici.

Community Shield, Chelsea v Manchester City 0-2: il racconto della sfida

Aguero Manchester CityGettyImages
Il primo gol di Aguero

Nessuna sorpresa per il primo undici inglese di Sarri, che preferisce il giovane Hudson-Odoi a Willian. 3-4-3, invece, per Guardiola: Pep lascia in panchina Ederson, Gundogan e Gabriel Jesus: nel tridente offensivo, assieme ad Aguero e Sané c'è il recuperato Mahrez, mentre Bernardo Silva scala tra i due di centrocampo assieme a Fernandinho, con Foden e Mendy esterni. Parte forte il Manchester City, che al 3' va vicino al gol con la conclusione ravvicinata di Mahrez, respinta da David Luiz. L'appuntamento col vantaggio è solo rimandato per gli uomini di Guardiola: al 13' Foden serve Aguero, che controlla col sinistro e non lascia scampo a Caballero, superandolo con un preciso tentativo dal limite dell'area.

Il Chelsea prova a reagire con un'insidiosa punizione di Fabregas, ma sono ancora i Citizens a farsi vedere dalle parti di Caballero, prima con Aguero e poi con Sané. Alla mezz'ora Hudson-Odoi si accentra e prova il destro, ma la traiettoria centrale della conclusione non crea problemi a Bravo. Il diciottenne dei Blues è tra i più attivi della partita, ma nonostante le sue giocate la prima frazione termina col Manchester City in vantaggio.

Secondo tempo

AgueroGettyImages
L'esultanza di Aguero

A inizio ripresa un pallone perso da Jorginho rischia di regalare la doppietta ad Aguero. L'argentino grazia Caballero anche quattro minuti più tardi, quando dopo essere scattato sul filo del fuorigioco temporeggia davanti al compagno di nazionale concludendo incredibilmente a lato. L'attaccante si rifà comunque al 58', sfruttando un bel filtrante di Silva che elude l'intervento di David Luiz: per Aguero è facile depositare in rete, rendendo inutile l'uscita disperata di Caballero.

Sullo 0-2 Sarri inserisce Willian, Drinkwater e Abraham, Guardiola risponde con l'ingresso di Gabriel Jesus per Mahrez e successivamente concede i meritati applausi a Foden e Aguero, sostituendoli rispettivamente con Brahim Diaz e Kompany. Le modifiche dei due allenatori non cambiano l'inerzia della partita: il Chelsea è ormai ko e non ha la forza di rimontare. Le ultime tre occasioni sono tutte per il City, ma Caballero risponde presente sul destro al volo di Aguero e sui due bolidi di Diaz. L'impressione è che Sarri e Zola dovranno lavorare ancora molto, nel corso della stagione, per impensierire la corazzata di Guardiola.

Guardiola e SarriGettyImages
Gli applausi di Guardiola e la delusione di Sarri

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.