Chi è Kevin Malcuit, il nuovo terzino destro del Napoli

Giocava in attacco, poi nel 2012 il cambio di ruolo nella terza serie del calcio francese. Un terzino funambolo a disposizione di Carlo Ancelotti.

388 condivisioni 0 commenti

di

Share

Se Kevin Malcuit non è arrivato subito nel calcio che conta la colpa è anche di Claudio Ranieri: già, l'allenatore romano nel 2012 aveva alle sue dipendenze questo talento nato a Châtenay-Malabry il 31 luglio 1991 nel Monaco che cercava il pronto ritorno in Ligue 1. Professione, attaccante. Spazio nel reparto, limitato. Avventura chiusa con sole 3 presenze in prima squadra e un'idea nella mente di Kevin: abbandonare il calcio. Sei anni dopo, Malcuit è un nuovo acquisto del Napoli di Carlo Ancelotti. Da laterale destro di difesa.

Sei stagioni e 13 milioni di euro dopo - tanti ne ha versati il Napoli nelle casse del Lille per portare il calciatore in Serie A - Malcuit è pronto a giocarsi l'opportunità di una vita calcistica. Quella che Kevin aveva avviato nelle piazze di Clichy, sobborgo di Parigi: partite per strada, nelle quali le sue doti erano già emerse, Fino a convincere il Racing Club de France, che l'aveva tesserato a 14 anni. Avviando un cammino che oggi gli ha aperto le porte del Napoli.

Pensare però che Malcuit il terzino nemmeno voleva farlo: la sua carriera è cambiata nel 2012, quando dopo l'esperienza nel Principato aveva accettato di ripartire dalla terza serie del calcio francese: firma con l'Étoile Football Club Fréjus Saint-Raphaël. Poche partite, poi l'allenatore Michel Estevan si rende conto che quel 21enne dalla falcata importante può rendere meglio in fascia che in attacco. La risposta del calciatore?

Cosa mi stai dicendo, non vedi che sono un attaccante?

⛔️💁🏼‍♂️

A post shared by K.Malcuit (@drosekm) on

Calciomercato Napoli, chi è Malcuit: terzino ribelle, spinta e corsa per Ancelotti

Consiglio accettato, anche se non senza patemi. Il risultato di quello slittamento in fascia ai tempi del Fréjus? Malcuit giocò titolare 33 partite segnando 2 gol, garantendosi un anno dopo il passaggio in Ligue 2 al Niort. Per la Ligue 1 ha dovuto attendere la stagione 2015/2016: a 24 anni, il contratto con il Saint-Etienne. Con l'arrivo di Malcuit in rosa, il Napoli copre un buco a destra in difesa alle spalle di Hysaj e si assicura un'alternativa più offensiva in quella casella. I numeri lo confermano: nella scorsa stagione a Lille, dove era arrivato per 5 milioni di euro, è stato il secondo difensore del campionato per dribbling riusciti (ben 57, meglio solo Lala dello Strasburgo a 62), score completato da 5 assist vincenti.

Inserimenti, sovrapposizioni e cross. Malcuit assicurerà tutto questo al Napoli. Alla spinta costante corrisponde però qualche amnesia in fase difensiva, manifestatata nelle tre stagioni vissute in Ligue 1, dove le presenze sono cresciute in maniera esponenziale (9 nell'annata 2015/2016, 25 nella successiva, 23 a causa di un infortunio nell'ultima). Dove deve crescere? Nella potenza esplosiva del suo metro e 78 su 77 chilogrammi. Ad Ancelotti e il suo staff il compito di testarlo sin dalle amichevoli con Borussia Dortmund martedì 7 alle 19.30 e Wolfsburg, sabato 11 alle 19.30. De Laurentiis gli ha fatto firmare un contratto di quattro anni con opzione di rinnovo sul quinto. Più di qualcuno lo associa per tecnica e propensione all'attacco a Faouzi Ghoulam, altro laterale già nell'organico azzurro. Sinonimi di fiducia per Kevin Malcuit, terzino quasi per caso.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.