Caso Ozil, Muller sbotta: "Basta parlare sempre e solo di lui"

L'attaccante bavarese si è stufato della perenne polemica dovuta alla foto scattata a maggio con Erdogan: "Non è mai stato un problema calcistico, solo sociale".

229 condivisioni 0 commenti

di

Share

Il latte alle ginocchia. Quello che viene quando non se ne può più di una determinata discussione, noiosa, sterile e, per giunta, tirata per le lunghe. Un po' come successo a Mesut Ozil. Dopo che il trequartista dell'Arsenal, a metà maggio, si è scattato la foto con il presidente turco Erdogan (in piena campagna elettorale) in Germania sono cominciate le polemiche.

Molti tifosi hanno perfino chiesto a Low di non convocarlo per i Mondiali, ma il commissario tecnico tedesco ha ignorato le polemiche. La Germania, a dire il vero, in Russia è andata malissimo, uscendo per la prima volta nella fase a gironi della Coppa del Mondo, e in molti hanno ipotizzato che all'interno dello spogliatoio ci fosse una spaccatura dovuta proprio al caso Ozil.

Nelle scorse settimane il giocatore ha quindi deciso di ritirarsi dalla nazionale e le polemiche sono ricominciate da capo. Sono intervenuti politici e capi di stato, sia in Germania che in Turchia, hanno parlato tifosi ed esponenti delle due federazioni calcistiche e le tensioni, di giorno in giorno, sono cresciute sempre di più.

I giocatori della Germania dopo l'ultima partita ai MondialiGetty
I giocatori della Germania dopo l'ultima partita ai Mondiali

Caso Ozil, Muller è stufo: "Basta parlare sempre di questo"

Anche Thomas Muller ha detto la sua sulla situazione. Lui l'ha vissuta da dentro, si è fatto un'idea precisa. Anche sulle dichiarazioni di Ozil che ha affermato di essersi sentito discriminato (per le proprie origini) dalla federazione tedesca: 

Bisognerebbe smettere di parlare del caso Ozil e tornare a concentrarsi sul calcio. Il razzismo non deve mai trovare spazio né nel calcio né tanto meno nella nazionale. I protagonisti di questa storia non hanno avuto un ruolo positivo, né la Dfb né i giocatori. In parte però è anche una discussione falsa, accesa dai media.

Vota anche tu!

Ha fatto bene Ozil a lasciare la nazionale?

Leggi di più tra 5

Annulla redirect

Muller ha poi detto la sua sulla decisione della Federcalcio tedesca di non obbligare Ozil a spiegare le proprie ragioni prima della partenza dei Mondiali, facendo però sì che si continuasse a parlare del caso:

Credo che la Dfb volesse che tornasse in fretta la serenità, ma non si faceva che chiedere di Ozil. Sapevamo che non sarebbe stato positivo se le discussioni fossero durate tre settimane. Per noi giocatori però non è mai stato un vero problema come invece è stato dipinto. Abbiamo detto chiaramente che non ci interessava la polemica e che avevamo bisogno di Ozil e Gundogan per far bene ai mondiali. Abbiamo sempre sostenuto i due giocatori. La discussione è sempre stata sociale, non è mai stato un problema calcistico. Per questo non capisco perché si continui a chiedere un parere a noi calciatori.

Insomma, Muller non ne può più. Vuole concentrarsi sul campo, vuole tornare a vincere, sia con il Bayern Monaco che con la nazionale tedesca. La polemica Ozil gli ha fatto venire il latte alle ginocchia.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.