Atletica leggera: Sandi Morris supera i 4.95m nel salto con l'asta

Il salto con l’asta in evidenza nell’ultima settimana di gare in giro per il mondo. Su tutti spicca l’eccellente 4.95m di Sandi Morris negli Stati Uniti.

32 condivisioni 0 commenti

Share

La campionessa del mondo indoor del salto con l’asta di Birmingham 2018 Sandi Morris ha stabilito la migliore prestazione mondiale dell’anno con 4.95m al Liberty Bridge Jump Off di Greenville, cittadina del South Caraolina dove vive la simpatica astista statunitense. Morris, vice campionessa olimpica e mondiale all’aperto, ha mancato di poco il terzo tentativo alla quota di 5.07m, un centimetro in più rispetto al primato del mondo della grande Yelena Isinbayeva. Morris ha superato le misure di 4.45m, 4.55m, 4.65m e 4.75m al primo tentativo prima di valicare l’asticella a 4.85m al terzo tentativo e 4.95m alla seconda prova. Morris ha fatto meglio soltanto in occasione dei 5.00m realizzati in occasione della finale della IAAF Diamond League di Bruxelles nel 2016.

Salto con l'asta, Sandi MorrisGetty Images

Sandi Morris:

E’ straordinario. Mi ha impressionato vedere così tanta gente assistere alla nostra gara. Greenville mi ha sostenuto sempre molto nel corso della mia carriera, soprattutto dopo i Giochi Olimpici di Rio.

Il campione del mondo Sam Kendricks ha vinto il salto con l’asta maschile con 5.80. battendo l’iridato di Pechino 2015 Shawn Barber (5.65m).

Bengtsson migliora il record svedese del salto con l’asta con 4.73m a Karlstad

La ex campionessa europea under 20 e under 23 Angelica Bengtsson ha stabilito il record svedese del salto con l’asta con 4.73m al meeting svedese di Karlstad prima di tentare senza successo tre prove a 4.83m. La venticinquenne scandinava, medaglia di bronzo agli Europei di Amsterdam 2016, aveva realizzato pochi giorni prima la misura di 4.72m.

Salto con l'asta, Angelica BengtssonGetty Images

Il primatista svedese del lancio del disco Daniel Stahl ha stabilito la terza migliore prestazione mondiale dell’anno e la seconda in Europa con 69.11m.

Armand “Mondo” Duplantis ha realizzato il record del meeting con 5.80m al terzo tentativo prima di sbagliare tre prove alla misura del record mondiale juniores di 5.94.

Il campione europeo under 23 Andreas Kramer ha battuto il primato svedese degli 800 metri con 1’45”03 migliorandosi di un decimo di secondo rispetto al tempo di 1’45”13 realizzato nello stesso meeting un anno fa. Ce’Aira Brown ha stabilito il record personale sugli 800 metri con 1’58”01.

La specialista statunitense dell’eptathlon Eric Bougard ha vinto i 100 ostacoli in un buon 12”80. La campionessa europea dei 400 ostacoli Elidh Doyle si è imposta in 55”71. Il rappresentante di Taipei Cheng Chao Tsun si è aggiudicato il lancio del giavellotto con 83.87m.

Magnus Kirt fa volare il giavellotto oltre gli 88 metri

L’estone Magnus Kirt ha fatto registrare l’ottima misura di 88.28m nel lancio del giavellotto ai Campionati Estoni di Tallin candidandosi come uno dei protagonisti dei prossimi Europei di Berlino dove darà vita ad una delle sfide più attese della rassegna continentale all’Olympiastadion con i padroni di casa Thomas Rohler, Johannes Vetter e Andreas Hoffman.

Il vice campione europeo dei 400 ostacoli di Zurigo 2014 Rasmus Magi ha realizzato la doppietta vincendo i 400 ostacoli in 48”91 e i 400 metri in 46”49. Il decatleta Maicel Uibo ha vinto i titoli dei 110 ostacoli in 14”57 con vento contrario di -1.4 m/s e il salto con l’asta con 5.20m.

Gudzius oltre i 67 metri nel disco

Il campione del mondo del lancio del disco Andrius Gudzius ha realizzato il risultato di spicco dei Campionati lituani di Palanga vincendo il lancio del disco con 67.21m. La campionessa europea indoor di Belgrado 2017 Ayrine Palsyte ha realizzato il record stagionale nel salto in alto con 1.91m.

Lancio del disco, Andrius GudziusGetty Images

Ai Campionati cechi si è messo in evidenza il pesista Tomas Stanek con l’ottima misura di 21.52m. Gli altri risultati più interessanti della due giorni di Kladno sono stati l’83.85m di Petr Frydrych nel lancio del giavellotto, il 46”09 del tre volte campione del mondo indoor dei 400 metri Pavel Maslak e il 56”08 di Zuzana Hejnova sui 400 ostacoli.

A Zagabria Ivan Horvat ha vinto il titolo croato del salto con l’asta con 5.71 migliorandosi di un centimetro rispetto al precedente personale. Il bronzo iridato di Londra 2017 Stipe Zunic si è imposto nel getto del peso con 20.41m.

Doppietta di Gulyev in Austria

Il campione del mondo dei 200 metri Ramil Gulyev ha realizzato la doppietta vincendo i 100 metri in 10”23 con vento contrario di -1.1 m/s e i 200 metri in 20”18 al meeting austriaco di Andorf.

Ameer Webb 10”07 a Ninove

Buon meeting a Ninove in Belgio per il ventottesimo Memorial Rasschaert. Lo statunitense Ameer Webb è tornato a correre su buoni livelli vincendo i 100 metri in 10”07 in finale dopo aver corso la batteria in 10”17 con vento contrario di -1.0 m/s. Kevin Borlée ha battuto il gemello Jonathan sui 400 metri in 45”59 contro 45”90. Rabii Doukkana ha vinto un buon 1500 metri in 3’36”13 battendo lo svedese Kalle Berglund (3’36”60). 

Giochi centroamericani e caraibici a Barranquilla

Sono iniziati nella città colombiana di Barranquilla i Giochi centroamericani e caraibici.

La campionessa del mondo del salto con l’asta di Pechino 2015 e argento di Londra 2012 Yarisley Silva ha difeso con successo il titolo aggiudicandosi la prova con 4.70m, dieci centimetri meglio rispetto al suo precedente record dei campionati stabilito a Xalapa nel 2014.

Il messicano Juan Luis Barrios è il primo atleta a livello maschile a raggiungere il bottino di otto medaglie d’oro nella sua carriera in questa manifestazione aggiudicandosi il successo sui 10000 metri in 30’07”49. A livello femminile le uniche atlete a vincere otto medaglie in questa manifestazione sono state l’ottocentista cubana Ana Fidelia Quirot e l’ostacolista cubana Liliana Allen.

La Colombia ha realizzato la doppietta nel lancio del disco maschile dove Mauricio Ortega si è imposto stabilendo il record colombiano con 66.30m precedendo l’amico e connazionale Jorge Fernandez (65.27m).

Lisek salta 5.81m a Silandro

Il campione europeo indoor di Belgrado e argento mondiale di Londra 2017 Piotr Lisek ha vinto la diciassettesima edizione del meeting di salto con l’asta in piazza di Silandro in provincia di Bolzano con 5.81m precedendo il greco Konstadinos Filippidis, due volte vincitore di questo meeting nel 2011 e nel 2013 e secondo con 5.55m.

Salto con l'asta, Piotr LisekGetty Images

Torna Chicherova con 1.98m

Anna Chicherova è tornata al successo aggiudicandosi il salto in alto femminile al Memorial Kutz di Mosca con 1.98m al primo tentativo, quinta migliore prestazione mondiale dell’anno.

Schifflange (Lussemburgo): Samba vince i 400 metri

Il dominatore della stagione della Diamond League sui 400 ostacoli Abdehrramne Samba ha vinto i 400 metri in 45”33 una settimana dopo aver stabilito il record personale a Londra con 44”62. Yuliya Chumachenko ha vinto una bella gara di salto in alto battendo la neo campionessa europea under 18 Yaroslava Mahuchikh con la stessa misura di 1.93m. Il portoghese Tsanko Arnaudov ha vinto il getto del peso maschile con 20.65m precedendo il lussemburghese Bob Bertemens (20.47m). La junior britannica Kristal Awuah si è imposta sui 100 metri femminili in 11”20 battendo la campionessa europea indoor Asha Phillip (11”31).

Legnante oltre i 17 metri nel getto del peso

La campionessa paralimpica Assunta Legnante ha realizzato la migliore prestazione del getto del peso con 17.08m gareggiando in una gara per normodotati al meeting di Ascoli Piceno dove risiede e si allena da tanti anni. La quarantenne napoletana vinse il titolo europeo indoor 2007 a Birmingham prima di perdere la vista. In questa stagione la portacolori dell’ACSI Italia Atletica aveva realizzato la migliore misura stagionale di 16.67m ai Campionati Italiani paralimpici di Nembro prima di ottenere 16.15m ai Societari di Modena a fine Giugno. La finalista mondiale juniores della staffetta 4x400 Eloisa Coiro ha sfiorato di 15 centesimi di secondo il primato personale sui 400 metri con 54”55. 

Battocletti si migliora sui 1500 metri

La figlia d’arte trentina Nadia Battocletti ha migliorato il record personale sui 1500 metri con 4’17”76 a Trento diventando la quinta italiana di sempre a livello juniores. L’ottava classificata degli ultimi Mondiali Juniores di Tampere si è migliorata di quasi quattro secondi rispetto al recente personale stabilito a Copenaghen con 4’21”54. Eleonora Vandi (sorella maggiore della finalista mondiale juniores dei 400 metri Elisabetta Vandi) ha migliorato a sua volta il personale con 4’18”47 precedendo Isabel Mattuzzi, a sua volta miglioratasi con 4’25”21. 

Pusterla torna al Sestriere con 6.44m nel salto in lungo

La saltatrice in lungo svizzera Irene Pusterla continua il suo ritorno a buoni livelli vincendo il salto in lungo al Sestriere con 6.44m con vento a favore poche settimane dopo il successo ai Campionati svizzeri di Zofingen.

Vittoria per il Burundi a Castelbuono

Nel prestigioso Giro di Castelbuono (la più antica corsa d’ Europa) di 11 km il burundese Onesphore Nzikwinkunda ha vinto in 34’54” con un allungo decisivo al settimo dei dieci giri in programma battendo il campione del mondo di maratona di Pechino 2015 e vincitore della maratona di New York 2016 Ghirmay Ghebrselassie (35’05”). Il keniano Nicholas Kosimbei ha completato il podio in 35’15” battendo il campione europeo juniores dei 10000 metri Pietro Riva (35’29”) e il vincitore dell’ultimo Cross del Campaccio James Kibet (35’59”). Il ventunenne piemontese ha recentemente migliorato il suo record personale su 5000 metri con 13’48”95 al meeting belga di Heusden Zolder. 

Gudeta e Getahun vincono la mezza maratona di Bogotà

Sempre in Colombia si è disputata la diciannovesima edizione della mezza maratona di Bogotà. L’altitudine di 2600 metri sul livello del mare ha condizionato i tempi finali sia in ambito maschile sia femminile. La campionessa e primatista mondiale della distanza Netsanet Gudeta ha dominato la gara femminile in 1h11’34 davanti alla keniana Brigid Kosgei (1h14’40”) e Degitu Azimeraw (1h14’51”). Betesfa Getahun ha completato la doppietta etiope vincendo la gara maschile in 1h05’10” davanti al connazionale Feyisa Lilesa (1h05’23”) e a Dickson Chumba (1h05’23”).

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.