Simeone e l'audio rubato: "Sempre preferito Messi a Cristiano Ronaldo"

Durante i Mondiali ha fatto scalpore il suo messaggio vocale su Whatsapp, ora il "Cholo" corregge il tiro e rivendica la sua preferenza per il connazionale.

982 condivisioni 0 commenti

di

Share

Aveva fatto molto scalpore, nel corso dei Mondiali, quell'audio Whatsapp che Diego Simeone aveva inviato a German Burgos, suo assistente all'Atletico Madrid. Una chiacchierata informale, non certo una conferenza stampa, che in un modo ancora ignoto è diventata però di dominio pubblico, gettando benzina sul fuoco su una situazione già di per sé incandescente dell'Argentina.

In quel messaggio il "Cholo" analizzava infatti il disastro dell'Albiceleste in Russia e, tra i vari argomenti affrontati, c'è stato anche quello relativo al confronto dell'ultimo decennio, cioè quello tra Lionel Messi e Cristiano Ronaldo.

Messi è molto bravo, ma lo è perché è affiancato da giocatori straordinari. Se dovessi scegliere uno fra lui e Ronaldo per una squadra normale, chi sceglieresti?

Una domanda retorica posta al suo assistente, che indicava una chiara preferenza per il portoghese, nonostante pubblicamente Simeone si fosse sempre esposto in favore del connazionale del Barcellona.

Simeone e il dualismo tra Messi e Cristiano Ronaldo

A distanza di un mese, nel corso della conferenza stampa per presentare la partita del suo Atletico Madrid contro il Paris Saint-Germain nell'International Champions Cup, l'allenatore dei Colchoneros è tornato sull'argomento per rispondere alle domande dei giornalisti, che ovviamente gli hanno chiesto chi preferisse tra Messi e Cristiano Ronaldo.

Scelgo Leo, senza alcun dubbio. Sì, nell'audio ho detto il contrario, ma la spiegazione era per Germán, parlando di calcio in una conversazione tra amici. Non si parlava di chi fosse il migliore del mondo, ma stavamo solo dicendo che in un club normale, con giocatori normali, il portoghese si sarebbe sicuramente adattato meglio. Ma Messi, circondato da grandi giocatori, è ancora il migliore del mondo.

Una marcia indietro che appare un po' forzata, è vero. Ma che in fondo ha una sua logica, anche perché quell'audio effettivamente veniva estrapolato da un contesto di frustrazione generale da parte del popolo argentino.

Ora Simeone ha avuto la possibilità di rettificare almeno in parte l'opinione comune che la gente si era fatta sulla sua preferenza nel dualismo eterno tra Messi e CR7. Dopo un potenziale tradimento, il "Cholo" è tornato nello schieramento del suo connazionale.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.