Lazio, la storia di Panos: il tifoso che la segue da...Atene

Una volta al mese parte dalla Grecia per seguire i biancocelesti dal vivo. Anche suo figlio è diventato tifoso laziale. E da 20 anni è sempre abbonato.

1k condivisioni 0 commenti

di

Share

Una calamita chiamata amore, una calamita chiamata Lazio. Panos Papadopoulos è un tifoso particolare, uno che vive la sua passione con grande entusiasmo, anche se costretto a stare a distanza. Lui, infatti, vive ad Atene, la sua squadra del cuore gioca a Roma. Sono più di 1000 chilometri di distanza, ma a lui non pesa.

Panos tifa Lazio, lo fa da oltre 20 anni. Si è affezionato ai biancocelesti quando, alla fine degli anni 90, erano una delle squadre più forti al mondo. Quando ha scoperto che i romani avevano scelto i colori basandosi sulla bandiera greca non ha resistito e si è fatto sedurre. Al punto che ora ha smesso di seguire il campionato greco.

Con la nascita di una community (Lazio World), e con quella di una trasmissione radio in inglese, progetti pensati dal giornalista Paolo Peroso proprio per unire i laziali sparsi per il mondo, Panos ha avuto modo di avvicinarsi ancora di più al pianeta Lazio. Così ha scoperto le radio che parlano di Lazio 24 ore al giorno, i siti dedicati, i forum. E la passione è esplosa definitivamente.

Panos, il tifoso greco della LazioFacebook
Panos, il tifoso greco della Lazio

Lazio, la storia di Panos: tifoso da Atene

Giorno dopo giorno il tifoso greco, che oggi ha 48 anni, ha passato sempre più ore incollato alla radio: ha imparato l'italiano, per sentirsi laziale fino in fondo. Ieri Panos è stato ospite della sua radio preferita, Radiosei, e ha potuto raccontare la sua storia.

Ad accoglierlo Guido De Angelis e Stefano Morelli, che ogni giorno parlano di Lazio a migliaia di ascoltatori. Questa volta però la storia di Lazio non l'hanno raccontata ma l'hanno ascoltata. Pure quest'anno Panos si è abbonato, anche se ovviamente non potrà vedere tutte le partite.

Di solito vengo a Roma una volta al mese per vedere le partite. Però a Lazio-Napoli, alla prima giornata, ci sarò. Il mio amore è talmente forte che anche mio figlio è tifosissimo della Lazio. Non guardiamo nemmeno più il campionato greco, d'altronde si può amare solo una squadra e per noi è la Lazio.

Vota anche tu!

Giusto tifare in maniera così passionale per una squadra di un altro paese?

Leggi di più tra 5

Annulla redirect

Una calamita chiamata amore, una calamita chiamata Lazio. Per Panos è talmente forte che da 20 anni fa avanti e indietro da Atene e Roma. Tutto per seguire quel che gli dice il cuore.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.