Milan, Leonardo su Bonucci "Vuole la Juve". Ma Marotta dice no

Il nuovo direttore dell'area tecnica rossonera: "Mai trattato Conte, ripartiamo dal nostro allenatore. Higuain o Morata? Colpi difficili, non sarà un mercato folle".

Leonardo, nuovo direttore tecnico del Milan, ha parlato di Gattuso e Bonucci Twitter AC Milan

1k condivisioni 0 commenti

di

Share

Prudenza, programmazione e fiducia nello staff e nella rosa. Le prime regole dettate da Leonardo alla sua nuova esperienza da direttore tecnico del Milan sono semplici, in attesa di avere riscontri sulla loro efficacia. Dopo l'esperienza da allenatore dell'Antalyaspor e da direttore sportivo del Paris Saint-Germain, il brasiliano è tornato in rossonero, maglia indossata da calciatore e panchina occupata nella stagione 2009/2010. 

L'obiettivo da raggiungere con la presenza di Leonardo nell'organigramma del Milan è chiaro: avere una figura con un ruolo legato alla squadra e al campo, ma che abbia anche elevate nozioni riguardanti il management. Il tempo è uno dei primi fattori che il nuovo direttore generale dell'area tecnico-sportiva ha chiesto a stampa e tifosi, senza però nascondere i percorsi già intrapresi in sede di calciomercato.

Parlare di trattative e Milan in questi giorni equivale a toccare di diritto il nome di Leonardo Bonucci: il difensore classe 1987 potrebbe lasciare la Milano rossonera a un solo anno dal suo arrivo per tornare alla Juventus. Un'operazione di mercato che ha suscitato i malumori della piazza milanista e si prospetta dai risvolti complicati anche a Torino, visto il rapporto incrinato tra il centrale della Nazionale e i suoi ex tifosi. Il nuovo dt del Milan ha fatto chiarezza sul tema:

Tutto parte da un desiderio del calciatore, se ci sarà la possibilità di realizzarlo lo faremo, ma l'affare dovrà essere molto interessante per tutti. Che un giocatore possa avere un desiderio è normale, non ha solo chiesto di andare via ma anche il nuovo progetto e gli obiettivi. È arrivato l'anno scorso come simbolo del cambiamento, ha fatto il capitano fin da subito, il che è raro. Non è detto che che vada o che stia.

Da un lato la trasparenza di Leonardo, dall'altro quella di Beppe Marotta. In occasione del sorteggio del calendario di Serie A 2018/2019, l'amministratore delegato della Juventus ha esposto la sua versione dell'affare Bonucci, allontanandone il rientro a Torino. 

Ci siamo incontrati con Leonardo: lui ci ha manifestato il pensiero di Bonucci, di grande stima nei confronti della Juve. Ma ci siamo fermati qui, alla volontà del ragazzo di potersi riavvicinare a quella che è stata la sua squadra per tanti anni. In questo momento abbiamo l'organico al completo, soprattutto in difesa. Se poi si apriranno delle possibilità più in avanti, vedremo. Le porte non sono chiuse per nessuno.

Milan, la chiarezza di Leonardo: "Gattuso resta con noi, mai trattato Conte"

Tornando in Casa Milan, il messaggio lanciato è all'insegna della chiarezza. Se ci saranno condizioni favorevoli per tutte le parti, Bonucci potrà tornare alla Juventus. Senza che nessuno si stracci le vesti, spiega il Leonardo dirigente. Che ha invece posto una seria ipoteca sul futuro di Rino Gattuso in panchina, smentendo le avances per portare in rossonero Antonio Conte:

Gattuso è cresciuto come allenatore, è un uomo del Milan e così partiamo. E' stato il primo ad essere confermato nel comunicato di Elliott. Questa è una cosa che non si è mai discussa. Sento parlare di Conte, ci sono allenatori importanti liberi. Nessuno ha mai parlato con Conte.

Continuità, almeno in panchina. Il Milan 2018/2019 partirà con questa caratteristica, dopo aver rinnovato invece l'intero CdA la scorsa settimana. Un'avventura per la quale Leonardo non nasconde emozione, rispondendo anche ai tifosi che gli hanno dato del traditore.

Li capisco perfettamente, li rispetto. Forse è legato anche ad un passato insieme positivo, i sentimenti ci sono stati. Qui c'è un pezzo della mia vita, Milano è dove sono diventato adulto. Realizzare qualcosa nella mia seconda casa è forse la mia sfida più grande. Un ds in società? Ci vorrebbe una mano, perché ci sono tante cose da fare e il tempo è poco. Però la scelta delle persone è importante, bisogna fare le cose con calma.

Calciomercato Milan, Gonzalo Higuain primo obiettivo per l'attacco: si lavora con la JuventusGetty Images
Calciomercato Milan, Gonzalo Higuain primo obiettivo per l'attacco: si lavora con la Juve

Calciomercato, Kalinic saluta: sogni Higuain e Morata

L'asse tra Milano e Torino non riguarda solo il possibile ritorno di Bonucci in bianconero: le sliding doors del calciomercato si estendono anche a Gonzalo Higuain, con Alvaro Morata uno dei due indiziati - nei desideri della tifoseria - a guidare l'attacco rossonero del futuro. Mentre Kalinic è pronto a salutare, Leonardo getta acqua sul fuoco e anticipa: non sarà un mercato folle. Meglio mantenere i piedi ben saldi per terra:

Siamo legati al fair play finanziario. Higuain o Morata? In ogni situazione c'è una formula diversa. Non penso sarà possibile fare il grande investimento. Su Kalinic ci sono molte opportunità, non solo l'Atletico Madrid. Il Chelsea ha chiesto Reina al Milan? Non c'è un'offerta. Il Milan è abituato a lottare per lo scudetto, nella seconda parte dello scorso campionato la squadra ha fatto bene. Però ci sono situazioni che dobbiamo risolvere.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.