De Laurentiis a Lotito: "Limite extracomunitari? Da coatti cerebrali"

Il presidente del Napoli nel corso di un'intervista radiofonica ha attaccato Lotito e la sua norma che limita gli extracomunitari in rosa: "Doveva rafforzare l'Italia, infatti si è visto..."

255 condivisioni 0 commenti

di

Share

Non è mai banale Aurelio De Laurentiis soprattutto durante il calciomercato. Il presidente del Napoli, dopo Cristiano Ronaldo, si è preso di diritto le copertine dell'estate 2018. Dichiarazioni continue su reali o presunti obiettivi di mercato del suo Napoli e anche qualche stoccata. L'ultimo, in ordine di tempo, ad essersi guadagnato la sua attenzione è stato Claudio Lotito. Ai microfoni di Radio Kiss Kiss, De Laurentiis, ha attaccato il presidente della Lazio (nonché consigliere federale) per l'obbligo che vieta ai club di Serie A di avere più di due extracomunitari in rosa.

Un veto limitante secondo il presidente del Napoli e che impedisce alle società di operare nel migliore dei modi durante il calciomercato. Parole dure e poco galanti che faranno discutere sicuramente. Nell'intervista però, il presidente del Napoli, non si è limitato a parlare solo di Lotito, ma come sempre ha regalato qualche risposta importante anche sul calciomercato correlata anche ad un attacco poco velato a quei tifosi che lo criticano sui social per la decisione di non voler portare a Napoli gente come Benzema, Di Maria o Cavani.

Un Aurelio De Laurentiis scatenato, dunque, che ne ha avuta anche oggi una per tutti. Adesso è attesa la replica di Claudio Lotito. La sua limitazione agli stranieri è stata definita dal presidente del Napoli da "coatti cerebrali", non proprio una frase galante. Parole pesanti che, conoscendo il presidente della Lazio, troveranno sicuramente una risposta piccata e tutt'altro che scontata. 

De Laurentiis attacca: "Limitazione stranieri da coatti cerebrali"

L'appuntamento radiofonico quotidiano di Aurelio De Laurentiis sta regalando dichiarazioni mai banali, ma che fanno soprattutto discutere. Dall'attacco a Benzema e Di Maria, definiti vecchi, all'ultimo rivolto al presidente della Lazio, Claudio Lotito, e al suo ruolo federale che assieme a Tavecchio lo vide coinvolto nella realizzazione della norma che vieta ad ogni squadra di tesserare più di due extracomunitari. Ecco le sue parole:

Queste limitazioni sono da coatti cerebrali. Perché secondo il credo lotitiano così si tutelano le nostre nazionali. Poi lui e Tavecchio hanno scelto come c.t. un allenatore, che rispetto come uomo, ma che ho cacciato dopo due mesi in serie C. In Portogallo non hanno limitazioni sugli extracomunitari e hanno vinto l’Europeo. Idem in Belgio e sono stata la più bella realtà al Mondiale.

Non solo accuse ai colleghi, ma anche qualche battuta sul calciomercato e su quelli che possono essere i nuovi acquisti del Napoli.

Arrivano sia Sabaly che Arias? Non arrivano tutti e due, non possono arrivarne due. Uno arriva, vero. Oberlin del Basilea? Vengo insultato da alcuni stolti napoletani sul web, i quali si scagliano contro di me e contro Inglese, che è un ragazzo educatissimo, straordinario, con una grande forza morale. Piace moltissimo ad Ancelotti, che a cena mi ha detto: "Mica vorrai darlo via?" E io: "Ma lo farai giocare?" E lui: "Presidè, io faccio giocare tutti". 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.