Chelsea: pronta a Stamford Bridge un'area fumatori per Maurizio Sarri

Il club londinese metterà a disposizione del tecnico italiano una stanza all'interno dello stadio dove poter fumare tranquillamente, evitando sanzioni.

671 condivisioni 0 commenti

Share

Ormai è risaputo che una delle più grandi passioni di Maurizio Sarri, assieme al calcio, è la nicotina. Sono tante, e famose, le immagini che lo ritraggono con le cicche in bocca ai tempi, ormai passati, del Napoli. Il neo allenatore del Chelsea proprio non riesce a fare a meno dalle sigarette né durante gli allenamenti, né tantomeno durante la partite. Ma mentre al San Paolo era consesso fumare prima del fischo d'inizio e nell'intervallo dei match, in Inghilterra le regole cambiano. 

Le leggi sul fumo nel Regno Unito, infatti, non lo consentono e il presidente Abramovich ha vietato al suo nuovo tecnico di fumare durante il break delle partite. Per questo motivo i dirigenti del Chelsea si stanno muovendo per assecondare le necessità dell'ex tecnico del Napoli. La soluzione che si sta valutando in questi giorni è quella di far costruire allo Stamford Bridge un box per consentire a Sarri di fumare anche poco prima dell'inizio di ogni partita.

Questa cosa però vale solo per le gare casalinghe, mentre per quelle in trasferta l'allenatore dovrà fare i conti con un periodo di astinenza. Difficilmente sarà ripetuto dalle altre squadre della Premier League quanto fatto dal Lipsia nella gara dei sedicesimi di Europa League della passata stagione, quando fu ricavata nello spogliatoio del Napoli una piccola stanza per permettere al neo tecnico dei Blues di fumare prima, durante e dopo la partita.

Sarri, nuovo allenatore del ChelseaGetty Images

Maurizio Sarri, il fumo e il cibo italiano

Maurizio Sarri, nuovo allenatore del Chelsea, è arrivato a Londra con una lista dei desideri. Siamo in pieno calciomercato ma in questo caso non si tratta (solo) di giocatori: le richieste del tecnico toscano riguardano anche cibo e sigarette. Si, perché non può fare a meno, nella sua nuova esperienza londinese, di mozzarella, formaggi, carne di manzo e, ovviamente, caffé.

Per fronteggiare invece la dipendenza dalla nicotina il neo manager dei Blues si farà spedire dall'Italia le sue sigarette preferite per non rimanere senza (secondo quanto riportato da persone che lo conoscono bene, Sarri arriva a fumare circa 80-100 sigarette al giorno). 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.