PSG, la stagione di Buffon inizia con una standing ovation in Austria

Il tributo al momento della sostituzione con Descamps nella sfida valida per l'International Champions Cup: il portiere ricambia con saluti e strette di mano.

747 condivisioni 0 commenti

di

Share

Millecinquantadue presenze ufficiali e 23 trofei vinti in carriera tra club e nazionale italiana. Un'eredità troppo pesante per non emozionare i tifosi, della squadra in cui milita e non. La grandezza del mito di Gianluigi Buffon è tornata a farsi sentire a Klagenfurt, dove il Paris Saint-Germain è stato impegnato per la prima uscita nell'International Champions Cup 2018 contro il Bayern Monaco, con i francesi sconfitti per 3-1.

Nonostante una partita fatta di luci e ombre, tra buone parate e una disattenzione sul centro bavarese targato Javi Martinez, Buffon resta un mito. Un totem tra i pali, che il Wörthersee Stadion ha omaggiato con una standing ovation al minuto 66, quando il portiere ex Juventus ha lasciato il posto al giovane Remy Descamps. Tutto lo stadio in piedi per salutare il portierone di Carrara, che ha ricambiato con applausi indirizzati alle tribune e strette di mano per tutti, calciatori e arbitri.

L'entusiasmo di osservare un monumento del calcio va oltre la singola prestazione, si sa. Così nonostante la seconda sconfitta in altrettante apparizioni con la maglia del PSG - la prima era arrivata in amichevole contro i dilettanti del Chambly - anche l'1-3 di Klagenfurt, maturato con i parigini in edizione fortemente ridotta, non ha certo tolto il sorriso. Ai tifosi e a Buffon.

Buffon, l'esperienza al PSG parte con una standing ovation: come due mesi fa all'Allianz Stadium

Da una standing ovation all'altra. L'esperienza di Buffon con la Juventus si era chiusa dopo 17 anni il 19 maggio 2018, nella partita vinta per 2-1 dai bianconeri contro l'Hellas Verona. Anche allora, tutto uno stadio si alzò in piedi per il numero 1: contorni ed emozioni diversi, in un pomeriggio torinese fatto di lacrime e pioggia. 

19 maggio 2018, il saluto di Gianluigi Buffon alla JuventusGetty Images
19 maggio 2018, il saluto di Buffon con la Juventus all'Allianz Stadium

Quello del Wörthersee Stadion di Klagenfurt è stato un tributo universale alla grandezza del campione Buffon. Sul campo invece l'esito per il Paris Saint-Germain era stato negativo: dopo il vantaggio firmato da Timothy Weah, figlio dell'ex stella del Milan George, Gigi aveva detto "no" ai bavaresi in un paio di occasioni, salvo non essere esente da colpe in occasione del centro del pareggio avversario. Poco male: non sono certo queste le partite per le quale il PSG ha scelto l’esperienza di uno dei portieri più forti nella storia del calcio.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.