Fca, Marchionne lascia: Manley nuovo ad, Elkann presidente Ferrari

Mike Manley è il nuovo amministratore delegato: in casa Ferrari si punterà su Louis Camilleri come ad. John Elkann nuovo presidente del Cavallino Rampante.

332 condivisioni 0 commenti

di

Share

Le indiscrezioni trapelate nel mondo dei motori nella notte tra venerdì 20 e sabato 21 luglio hanno trovato riscontro nelle ore successive: Sergio Marchionne lascia il gruppo Fiat Chrysler Automobilies per motivi di salute. La notizia è stata comunicata dall'azienda attraverso una nota ufficiale, nella quale si esprime la massima vicinanza alla famiglia e si spiegano - pur senza far cenno ai dettagli - le ragioni della separazioni tra le parti.

Sergio Marchionne era in ospedale da fine giugno, quando era stato operato alla spalla destra. Da giorni si rincorrevano voci sulla sua convalescenza e sul possibile addio al gruppo Fca. Marchionne era anche presidente e ad di Ferrari nonché numero 1 di Cnh. Secondo i piani aziendali il manager originario di Chieti avrebbe dovuto lasciare il gruppo il prossimo anno mantenendo però la presidenza del Cavallino Rampante.

Il Consiglio di Amministrazione della società, convocato d'urgenza e riunitosi nel primo pomeriggio di oggi, ha dato il via libera alla successione di Marchionne, la cui ultima uscita pubblica risale al 26 giugno in occasione della cerimonia di consegna di una Jeep ai Carabinieri di Roma. Lo spiega il comunicato del gruppo Fca, nel quale si annuncia anche il nome del nuovo amministratore delegato: 

Fca comunica con profonda tristezza che in settimana sono sopraggiunte complicazioni inattese durante la convalescenza post-operatoria del Dr. Marchionne, aggravatesi ulteriormente nelle ultime ore. Il Consiglio ha deciso di accelerare il processo di transizione per la carica di CEO in atto ormai da mesi e ha nominato Mike Manley Amministratore Delegato.

Fca, Sergio Marchionne lascia la carica di amministratore delegatoGetty Images
Fca, Sergio Marchionne lascia la carica di amministratore delegato per motivi di salute

Ferrari e Fca, Marchionne lascia: pronti Manley e Camilleri

La notizia del congedo obbligato di Marchionne dai vertici di Ferrari e Fca comporta un risiko di movimenti sulla scena internazionale dei motori. Il britannico Manley, 54 anni, oggi è alla guida dei marchi Jeep e Ram, due delle costole maggiormente produttive del mondo Fca: assumerà anche la responsabilità dell’Area Nafta e lavorerà in sinergia con la squadra di management alla realizzazione del piano di sviluppo 2018-2022 presentato a Balocco lo scorso 1 giugno. Manley opera nel settore delle auto da più di tre decenni: all'età di 22 anni è diventato il responsabile post-vendita della Swan National Motors in Scozia, mentre l'arrivo in Chrysler è avvenuto nel 2000. Ora una nuova sfida, la più impegnativa di una lunga carriera nel campo dei motori. Il nuovo presidente Ferrari sarà invece John Elkann, già vice-presidente. A lui il compito di salutare Marchionne:

E' stato un leader illuminato, da sempre un punto di riferimento. Sarà una transizione dolorosa, ma garantirà massima continuità alle aziende.

Ferrari, Louis Camilleri sarà il nuovo adGetty Images
Ferrari, Louis Camilleri sarà il nuovo amministratore delegato del Cavallino

Il successore di Sergio Marchionne nella carica di amministratore delegato della Ferrari sarà invece Louis Carey Camilleri. Di nazionalità maltese ma nato ad Alessandria d'Egitto, il manager 63enne si è formato in Svizzera, ricoprendo cariche ai vertici di Kraft, America Movil e Philip Morris. Già membro del Consiglio di Amministrazione della Fca, il suo nome ha occupato le copertine in passato anche per una presunta relazione con l'ex top model Naomi Campbell. Suzanne Heywood sarà invece la nuova presidente di Cnh Industrial: a loro tre il compito di sostituire Marchionne, l’uomo che nel 2004 si era gettato in un'impresa a dir poco complicata, salvare la Fiat dal fallimento riuscendo a risanarla.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.