Mondiali, il discorso di Deschamps nell'intervallo di Francia-Croazia

Il commissario tecnico francese nell'intervallo della finalissima di Mosca: "Loro usano il fisico ma noi li teniamo bene".

301 condivisioni 0 commenti

di

Share

Momenti del genere non possono che fare la storia. Momenti del genere non possono che essere di grande impatto. Si scrivono libri, si girano film, perché sono sempre il momento di svolta che precede una grande impresa. Domenica scorsa, nell'intervallo della finale dei Mondiali fra Francia e Croazia, mister Didier Deschamps si è preso una grande responsabilità: tenere il discorso per caricare la squadra.

Il canale televisivo TF1 ha diffuso un estratto video nello spogliatoio dei Bleus al Lužniki di Mosca. Lì il commissario tecnico francese ha preso la parola per trasmettere calma e convinzione ai propri ragazzi. Lui che i Mondiali li aveva vinti da capitano esattamente 20 anni prima, era l'uomo giusto per farlo.

Sul risultato di 2-1 per la Francia la Croazia dava comunque l'impressione di essere in piena corsa per il titolo. I due gol francesi (autorete di Mandzukic e rigore di Griezmann) erano nati da due episodi. I Blues non stavano ancora dimostrando di essere superiori. Anzi, soffrivano. Per questo servivano le parole giuste. Per caricare i giocatori che potevano essere un po' spaventati nonostante il vantaggio.

Mondiali, il discorso di Deschamps nell'intervallo di Francia-Croazia

Deschamps è riuscito a mettersi nei panni dei giocatori. Ha capito di cosa, esattamente, avessero bisogno. E allora, dopo un respiro profondo, ha cominciato il proprio discorso. Ha pronunciato quelle poche parole sulle quali si scrivono libri e si girano film:

Loro usano i gomiti, ci fanno sentire il loro fisico, ma noi li stiamo controllando. Attenzione a Mandzukic, non dovete essere statici, va chiuso. Loro giocheranno ancora in maniera aggressiva, avete visto l'energia che ci mettono.

Deschamps campione del mondo nel 1998 e nel 2018Getty
Deschamps campione del mondo nel 1998 e nel 2018

Poi anche qualche indicazione tattica. Con la richiesta di sfruttare di più Mbappé, prevedendo anche che si sarebbero aperti molti spazi:

Giochiamo in maniera semplice, quando abbiamo la palla se c'è un compagno libero passiamola a lui. Datela a Kylian! Ancora 45 minuti! Solo 45 minuti.

Una frase importante, a voler indicare e sottolineare che c'era la possibilità di chiudere la finale dei Mondiali subito, senza passare per supplementari o rigori. Esattamente come poi è stato. Grazie anche alle sue parole. Discorsi che ispirano. I giocatori prima di tutto, ma anche gli scrittori e gli sceneggiatori.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.