WWE Extreme Rules 2018 - Tutti i risultati del PPV in diretta scritta

Nella PPG Paints Arena di Pittsburgh (Pennsylvania) è la notte del PPV dalle regole estreme. E poco prima Hulk Hogan viene reintegrato nella Hall of Fame.

Tutti i risultati in diretta di WWE Extreme Rules WWE/FOXSports

2 condivisioni 0 commenti

di

Share

Ci siamo, nella PPG Paints Arena di Pittsburgh (Pennsylvania), è tutto pronto per la nona edizione di Extreme Rules, il PPV targato WWE che nasce sulle ceneri di One Night Stand, cioè lo show dedicato al wrestling della ECW.

Prima di iniziare con il consueto racconto in diretta scritta della serata, però, è doveroso parlare di quanto accaduto poco prima.

Sul sito ufficiale della WWE, infatti, è stato annunciato il reintegro (dopo tre anni di sospensione) nella Hall of Fame della leggenda del wrestlingHulk Hogan. Sul comunicato si legge che questa seconda chance segue i numerosi episodi di scuse pubbliche da parte dello stesso leader degli Hulkamaniacs e le ore di volontariato con i giovani, aiutandoli a imparare dai suoi errori.

WWE Extreme Rules: Hulk Hogan reintegrato nella Hall of Fame

Una notizia importantissima, che potrebbe aprire a nuovi interessanti scenari nel prossimo futuro (c'è chi parla addirittura di una presenza di Hulk Hogan stasera nel corso di Extreme Rules). 

Il PPV comincerà come di consueto con il kickoff, che oltre alla sfida tra il New Day e i SAniTy prevede pure lo scontro tra Sin Car e Andrade "Cien" Almas.

Rimanete dunque sintonizzati, perché vi racconteremo tutto come al solito in diretta scritta qui su FOXSports.it. Potrebbero essere davvero tante sorprese in serbo in questo ultimo PPV WWE prima di Summerslam, la WrestleMania dell'estate. Partiamo subito con il racconto del kickoff, che inizia con la sfida tra luchador: Sin Cara vs Andrade "Cien" Almas, accompagnato come al solito da Zelina Vega.

Kickoff

Nemmeno questa volta Sin Cara riesce a ottenere la sua vendetta. Zelina Vega si conferma ancora determinante per le sorti del suo assistito Andrade "Cien" Almas, intervenendo subito dopo uno spettacolare Frog Splash subito.

Questo distrae Sin Cara e l'ex NXT Champion ne approfitta andando a colpirlo e facendolo sbattere a un angolo del ring. A quel punto andare a colpire con il Running Double Knee Smash e poi con la sua Hammerlock DDT che porta allo schienamento.

Subito dopo l'incontro viene intervistato Shinsuke Nakamura da Renee Young, Booker T e Sam Roberts (quest'ultimo definito dal giapponese un clown così come Jeff Hardy): il re dello strongstyle, dopo aver fatto finta che ci fossero problemi di connessione, spiega che pur rispettando il suo avversario di stasera, è sicuro di strappargli il titolo degli Stati Uniti.

Dopo un'incursione di Dolph Ziggler e Drew McIntyre nel Kickoff panel, in cui il Superfigo spiega la differenza tra l'avere al suo fianco il pubblico (come Seth Rollins) o uno psicopatico come il Gladiatore scozzese, passiamo al secondo incontro di questa introduzione, il 6-Man Tag Team Tables Match. I primi a entrare sono i tre del New Day, seguiti subito dopo dai SAniTy. A vincere è la follia di quest'ultimi, che hanno la meglio dopo una combo acrobatica di Alexander Wolfe e Eric Young, su Xavier Woods.

Terminato l'incontro, Renee Young ufficializza la presenza di Ronda Rousey nell'arena, con il suo biglietto regolarmente acquistato. Successivamente vediamo un video in cui Matt Woken Hardy e Bray Wyatt avvertono il B-Team: "La vostra fortuna è finita, stasera sarete cancellati".

Deleters of Worlds vs B-Team

Raw Tag Team Championship Match

Si parte dunque con l'incontro che mette in palio i titoli di coppia di Raw, una sfida che viene condotta quasi interamente dai campioni in carica, Woken Matt Hardy e Bray Wyatt. Bo Dallas e Curtis Axel provano a limitare i danni, ma i Deleters of Worlds sembrano in costante controllo del match.

Con Bo Dallas sul ring come uomo legale, Bray Wyatt chiama la Sister Abigail doppia e fa entrare Matt Hardy. Un'interferenza di Curtis Axel però fa sì che Bray si distragga e Bo gli spinge addosso con astuzia Woken. A quel punto l'ex membro del Miztourage va a segno con una DDT sfruttando le corde e si prende un'incredibile vittoria, che elegge i due del B-Team come nuovi Raw Tag Team Champions.

Il B-Team vince e conquista le cinture di coppia di Raw.

Backstage

Renee Young intervista Kurt Angle, che spiega come abbia dovuto cancellare il match che avrebbe sancito il primo sfidante di Brock Lesnar per i continui rifiuti della Bestia, comunicati attraverso il suo avvocato Paul Heyman.

Dal momento che è seguita anche la sua apparizione in UFC, il General Manager di Raw annuncia che nella puntata dello show rosso di domani sarà presente proprio Brock Lesnar, che dovrà negoziare la sua prossima difesa del titolo. Se non lo farà, gli sarà tolta d'ufficio la cintura di Universal Champion.

Finn Balor vs Baron Corbin

Il secondo match del PPV mette l'uno di fronte all'altro Finn Balor e Baron Corbin, che ci tiene particolarmente a farsi annunciare con la formula per esteso di ispettore scelto personalmente da Stephanie McMahon. Poi parte l'incontro, molto duro ed equilibrato.

Baron Corbin riesce per ben due volte a evitare che Finn Balor vada a segno con il suo Coup de Grace, ma al secondo tentativo, quando l'ex Lupo Solitario prova ad assestare la sua End of Days, l'irlandese è abile (e agile) nel ribaltare tutto in un Roll-up che vale il conteggio di tre e la sua vittoria.

Finn Balor batte Baron Corbin per schienamento.

Backstage

Passiamo subito con le telecamere nel backstage, dove va in scena un pestaggio violentissimo da parte dei Bludgeon Brothers nei confronti del Team Hell No. Daniel Bryan e Kane (quest'ultimo in particolare) vengono lasciati per terra quasi senza sensi da Rowan e Harper, che se ne vanno soddisfatti. Solo a questo punto arriva Paige, che chiama immediatamente i medici.

Asuka vs Carmella (C)

SmackDown Women's Championship Match con James Ellsworth sospeso in una gabbia per squali.

La cintura di campionessa femminile di SmackDown è in palio, Asuka ha un'altra chance per battere Carmella e prendersi il titolo. Stavolta non ci potrà essere James Ellsworth a interferire (almeno così dovrebbe essere), perché l'uomo senza mento resterà sospeso sopra il ring una gabbia per squali.

Come prevedibile però nemmeno questa riesce a fermarlo, perché prima Ellsworth comincia a lanciare degli oggetti alla Principessa di Staten Island (che però non vengono sfruttati) e poi riesce addirittura ad aprire la gabbia. Il problema è che ci rimane incastrato per un piede, così rimane a penzoloni sospeso sul ring.

Un'occasione troppo ghiotta per Asuka, che con Carmella fuori dai giochi si occupa di sistemare il manager della vincitrice del primo Money in the Bank femminile della storia, infierendo su di lui. La giapponese mette fuori causa anche gli uomini della sicurezza arrivati per liberarlo, ma questo accanimento le è fatale, perché con furbizia Carmella risale sul ring e spinge la sua avversaria addosso alla gabbia, schienandola subito dopo e conservando il titolo. A fine match l'Imperatrice del Domani è furiosa e distrugge Ellsworth, pestandolo e imprigionandolo nella sua Asuka Lock.

Carmella vince per schienamento e conserva il titolo di campionessa di SmackDown.

Jeff Hardy (C) vs Shinsuke Nakamura

United States Championship Match

È uno dei match più attesi della serata, ma almeno dal punto di vista tecnico non rispetta le attese. Prima ancora dell'inizio dell'incontro Shinsuke Nakamura colpisce Jeff Hardy con un Low Blow.

Poi, non appena il campione degli Stati Uniti accetta di cominciare comunque l'incontro (in evidente difficoltà), il giapponese lo colpisce con la Kinshasa e lo schiena immediatamente, diventando il nuovo campione degli Stati Uniti in pochi secondi.

Subito dopo l'incontro, però, suona la musica di Randy Orton, che fa così il suo ritorno. The Viper con passo lento arriva sul ring, fissa Nakamura (che intanto è scappato fuori, sul tavolo di commento), poi infierisce su Jeff Hardy, colpendolo con un calcio violento sui gioielli di famiglia e andandosene subito dopo.

Shinsuke Nakamura batte Jeff Hardy per schienamento e diventa il nuovo campione degli Stati Uniti.

Braun Strowman vs Kevin Owens

Steel Cage Match

Parte il match e Kevin Owens prova subito (più volte) a scappare per uscire dalla gabbia. Braun Strowman lo ferma sempre e poi gli urla: "Ti chiami Fight Owens Fight, ma in realtà sei un codardo. Combatti con me". Ferito nell'orgoglio, il picchiatore canadese accetta il confronto e riesce anche ad assestare tutto il suo repertorio, non riuscendo però a schienare il Mostro che cammina tra gli uomini. Ora tocca a lui, il vincitore dell'ultimo Money in the Bank, prendere in mano le redini dell'incontro, distruggendo letteralmente il suo avversario e lanciandolo continuamente contro la gabbia.

Kevin Owens riesce però a sorprendere Strowman con una Stunner e si avvia alla porta d'uscita: niente da fare, Braun lo ferma in tempo e gli chiude la porta in faccia (nel vero senso della parola). Il canadese è comunque in gara e riesce anche a tirare fuori un coniglio dal cilindro.

Dal nulla appaiono infatti delle manette, con le quali lega il Monster in the Bank a un angolo del ring. Un'occasione ghiotta per infierire su di lui prima e tentare la fuga poi. Kevin Owens canta però vittoria troppo presto, perché Strowman strappa le manette e sale in cima alla gabbia, afferrando il suo avversario e lanciandolo sopra un tavolo di commento. Di fatto gli consegna la vittoria dell'incontro, perché tecnicamente Owens è il primo a toccare il suolo, ma a livello morale non ci sono dubbi su chi sia il vincitore. Braun Strowman scende serenamente dalla gabbia e se ne va, mentre il canadese viene portato fuori in barella.

Kevin Owens vince l'incontro dopo essere stato lanciato fuori dalla gabbia da Braun Strowman.

Team Hell No vs The Bludgeon Brothers

SmackDown Tag Team Championship Match

Eccoci arrivati al match con in palio i titoli di coppia, anche se quella del Team Hell No è rappresentata solamente da Daniel Bryan, in quanto Kane è rimasto infortunato dopo l'attacco subito in precedenza nel backstage. Rowan e Harper hanno così il vantaggio numerico oltre che quello fisico e nonostante un iniziale tentativo della Faccia da Capra, i due campioni di coppia di SmackDown prendono presto il sopravvento.

Con una mossa astuta, però, Daniel Bryan riesce a fare in modo che i due Bludgeon Brothers si scontrino tra di loro. E con tutti e tre a terra, sul ring si presenta pure Kane, con un tutore sulla gamba sinistra.

Riesce a prendere il Tag ed esegue la Chokeslam sia su Rowan che su Harper. Ma il dolore è troppo forte, così dà di nuovo il cambio a Daniel Bryan che assesta gli Yes Kick su Harper. Rowan si prende il cambio e cambia di nuovo l'inerzia, combinando con il compagno di squadra e prendendosi una facile vittoria, costruita precedentemente con quell'attacco nel backstage.

Rowan e Harper vincono per schienamento e restano campioni di coppia di SmackDown.

Backstage

Roman Reigns si avvia verso il ring e incrocia il B-Team che sta ancora festeggiando. Bo Dallas e Curtis Axel gli dicono che se loro ce l'hanno fatta, anche lui può farcela contro Bobby Lashley e fare così parte della loro squadra. Di fronte alla faccia sbigottita del Big Dog, i due si allontanano lentamente. Roman Reigns ricomincia a camminare, divertito da questo siparietto.

Roman Reigns vs Bobby Lashley

L'incontro tra Roman Reigns e Bobby Lashley, a differenza delle previsioni iniziali, non è il main event della serata, ma va in scena proprio adesso. Il pubblico fischia pesantemente il Big Dog, disinteressandosi pure di Bobby Lashley e del match in sé per sé per gran parte dell'incontro.

Sul ring la sfida è come prevedibile molto fisica, con entrambi i contendenti che sfoderano le loro armi migliori. Quando Roman Reigns prova a chiudere con la Spear dopo aver assestato il Superman Punch, però, Bobby Lashley riesce a sorprenderlo e andare a segno lui stesso con quella mossa, prendendosi il conteggio di tre.

Bobby Lashley batte Roman Reigns per schienamento.

Nia Jax (con Natalya) vs Alexa Bliss (C) (con Mickie James)

Raw Women's Championship Extreme Rules Match

Con Ronda Rousey in prima fila (e sguardo da killer) a gustarsi il match, parte l'incontro per il titolo femminile di Raw. Mickie James passa qualsiasi oggetto possibile e immaginabile ad Alexa Bliss, ma Nia Jax intercetta tutto ed evita di essere colpita.

Inizialmente non c'è storia, poi però la campionessa riesce a prendere un po' di vantaggio, colpendo con un coperchio di un bidone la sua avversaria. Mickie James tenta di aiutare la sua amica, ma viene fermata da Natalya. Alexa accorre per dare una mano, così Ronda Rousey scavalca e va ad aiutare la canadese.

Prima attacca Mickie e poi se la prende con la campionessa di Raw. La James però rinviene e arriva di corsa armata di mazza da kendo, con la quale colpisce l'ex UFC, consentendo ad Alexa di tornare sul ring e attaccare Nia Jax con la sedia. Grazie a una DDT sopra di essa, poi, la Dea riesce pure a vincere e conservare il titolo.

Alexa Bliss vince per schienamento e conserva il titolo femminile di Raw.

Rusev (con Aiden English) vs AJ Styles (C)

WWE Championship Match

In palio adesso c'è la cintura più importante di SmackDown, quella WWE Championship detenuta da AJ Styles. Di fronte a lui Rusev, alla sua prima chance per un titolo del mondo in quattro anni nei main roster. Il bulgaro la mette sulla potenza, il Fenomenale sull'agilità e la strategia, visto che tenta di indebolire il ginocchio sinistro dell'avversario. AJ riesce anche ad andare a segno con la Phenomenal Forearm, ma non è sufficiente.

Non lo è nemmeno la Calf Crusher, perché Rusev riesce a toccare le corde (aiutato pure da Aiden English). Styles così prova a farsi giustizia da solo e insegue Spelacchio, finendo però nel tranello di Rusev che lo ferma e assesta il suo calcio moscovita. Va per lo schienamento, ma non va.

Ci riprova un'altra volta, non basta nemmeno questa. Il Leone di Bulgaria allora tenta l'Accollade, ma è monca, perché il ginocchio sinistro fa troppo male per garantire la presa. Aiden English intanto divelte un angolo del ring, dove però finisce lo stesso Rusev per sbaglio. AJ Styles si prepara così per chiudere, ma il bulgaro interrompe il conteggio sul 2. Il campione WWE mette fuori causa Spelacchio e successivamente assesta il Phenomenal Forearm sull'avversario. È la manovra che vale la vittoria e la conservazione della cintura.

AJ Styles vince per schienamento e si conferma campione WWE.

Seth Rollins vs Dolph Ziggler (C) (con Drew McIntyre)

Intercontinental Championship 30-Minutes Ironman Match

Siamo arrivati così al main event della serata, l'Ironman Match di 30 minuti tra due dei migliori atleti in circolazione in WWE, cioè Seth Rollins e Dolph Ziggler. Quest'ultimo, il campione intercontinentale in carica, è come sempre accompagnato da Drew McIntyre, che si è garantito la possibilità di essere presente dopo aver battuto lo stesso Architect nell'ultima puntata di Raw. Il primo schienamento è quello che porta in vantaggio per 1-0 Seth Rollins e arriva a 25:21'' alla fine. E quando arriviamo con il cronometro a 22:02 restanti, arriva addirittura il 2-0 a seguito dello Stomp su Dolph Ziggler. In quel momento, a 20:50'' dalla fine, arriva pure il 3-0, perché Drew McIntyre entra nel ring e attacca violentemente The Architect, dandogli così un'altra vittoria per squalifica.

L'arbitro decide di allontanarlo, ma prima di farlo lo colpisce con la Claymore e suggerisce a Ziggler di andare a coprire. E a 19:37'', il Superfigo si prende così il punto del 3-1. A 18:51'' arriva anche il 3-2, perché Dolph capitalizza al massimo il momento e assesta il suo Superkick. Si prepara per farlo un'altra volta, ma in questo caso Rollins non ci casca. Il 3-3 però è solo rimandato di pochi secondi, perché a seguito di una Zig-Zag arriva il pareggio a 17:51'' dalla fine.

A 15:52'' arriva anche il sorpasso, perché Ziggler sventa un Suicide Dive e va a schienare Seth aiutandosi vistosamente con le corde, senza però che l'arbitro se ne accorga. È 4-3 per il campione in carica e siamo solo a metà del match. Una lunga Sleeper Hold dello Showoff rallenta un po' i ritmi, fino a quando l'Architetto del Ring non riesce a liberarsi e colpire poi con un Suicide Dive. Il tempo scorre e Ziggler ne guadagna altro prezioso colpendo Rollins con un Dropkick che lo fa cadere dal paletto. Seth le prova tutte, ma non riesce a conquistare il punto del pareggio e l'orologio dice che siamo arrivati nei 5 minuti conclusivi. Neanche il Superplex con il Falcon Arrow basta per piegare il campione intercontinentale, che dimostra una resistenza impressionante.

A 3.09'' dalla fine è però sufficiente un semplice Roll-Up e Rollins guadagna un meritato pareggio per 4-4. Prima la Sharpshooter, poi la Crossface: Seth prova a ottenere il nuovo sorpasso con la sottomissione, ma Ziggler non cede. Rollins riesce ad assetare un nuovo Stomp a 5 secondi dal termine, ma non fa in tempo a coprire in tempo l'avversario. I 30 minuti sono scaduti, la sfida si è conclusa in parità. E Dolph Ziggler resta così campione.

Un momento però, suona la musica del General Manager di Raw. Kurt Angle fa i complimenti a entrambi per il match, ma dice che questo non può finire in parità.

Così invita Dolph Ziggler a tornare sul ring. Seth Rollins lo aspetta, ma dal pubblico sbuca di nuovo Drew McIntyre, che distrae l'Architetto del Ring e permette al suo compagno di assestare la Zig-Zag che vale il 5-4 finale. E con questa conclusione a sorpresa, finisce anche il nostro racconto di WWE Extreme Rules 2018 qui su FOXSports.it. Appuntamento a domani per una nuova puntata di Raw.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.