Milan, l'era cinese è già finita. Club ad Elliott: gli scenari futuri

Sfumate le trattative con nuovi proprietari, da Commisso a Rybolovlev. Che però potrebbero tornare in scena trattando con il fondo. A breve la riorganizzazione societaria.

1k condivisioni 0 commenti

di

Share

Il Milan si raduna, inizia ufficialmente la nuova stagione tra il caos societario. Non si sblocca la situazione: la prima parte dell’estate è stata calda, caldissima. Il debito del presidente Yonghong Li con il fondo Elliott non è stato saldato. A rendere difficile la vicenda ci si è messa pure la UEFA, con l’estromissione del club rossonero dalle Coppe. E ora?

Prima Commisso, poi Rybolovlev. Un americano e un russo interessati alla società, ma niente da fare: il patron cinese non cede. E così finisce comunque la sua era. Tutto ora è in mano al fondo Elliott.

In poche parole, Paul Singer è il nuovo padrone del Milan. In attesa di vendere, sul serio, il club. Sul tavolo resta sempre l’offerta di Commisso. Anche Rybolovlev, dopo aver trattato con Mr Li, potrebbe riaffacciarsi per l’acquisto. Comanda la compagnia americana, destinata a guidare ancora per un po’.

Milan, Yonghong Li allo stadioGetty Images
Milan, Yonghong Li: finita la sua era

Milan, parte la nuova stagione: regna il caos

Dovrà essere tanto bravo Rino Gattuso, a Milanello, nel giorno dell’inizio della nuova stagione del Milan, a lasciare fuori dal campo certi problemi. L’allenatore, uomo rossonero, è a capo di una squadra che non ha un presidente e una proprietà ufficiale. Yonghong Li non ha rispettato la scadenza di venerdì per sborsare i 32 milioni di euro prestati dal fondo Elliott. Che ora si è preso la società Rossoneri Lux e dunque il controllo dell’azienda.

Il presidente cinese ha provato a trattare in extremis con l’oligarca russo Dmitrij Rybolovlev, patron del Monaco. Niente da fare. Ora è Paul Singer, proprietario del fondo americano e grande appassionato di calcio, ad avere tutto in mano. Si chiude così una triste pagina del Milan.

Nuovi scenari

Ora cosa succederà? Elliott non ha problemi a rivendere subito al nuovo offerente: Commisso, la famiglia Ricketts, Rybolovlev. La prima mossa ufficiale sarà quella della convocazione dell’assemblea della Rossoneri Sport Investment con la decadenza degli attuali amministratori già presenti per conto di Project Red Black. Poi toccherà ai soci del Milan riunirsi per nominare un nuovo Cda e deliberare l’aumento di capitale da 150 milioni. La gestione Yonghong Li è finita nel giorno del raduno dei giocatori a Milanello. Una fine, un inizio. 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.