Serie A, da Kakà a Ronaldo: il Pallone d'Oro può tornare in Italia

L'ultimo è stato Kakà, che ha giocato (di nuovo) nel Milan nella stagione 2013-2014. Dopo di lui, il vuoto. Anche perché Cristiano Ronaldo e Messi hanno monopolizzato il premio...

467 condivisioni 0 commenti

di

Share

Cristiano Ronaldo alla Juventus: quasi non si parla d'altro. Se non fosse per i Mondiali in Russia, il portoghese conquisterebbe tutte le copertine (e in parte lo sta già facendo). Calciomercato monopolizzato da uno dei trasferimenti più clamorosi della storia del calcio: dalla trattativa con il Real Madrid all'accordo con il giocatore, passando per la sua possibile abitazione torinese. E così, se tutto dovesse concretizzarsi davvero, la Serie A potrebbe riabbracciare un Pallone d'Oro dopo quattro anni.

L'ultimo detentore del premio più ambito ad aver giocato nel nostro campionato è stato Kakà: tornato al Milan nel 2013 dopo l'esperienza al Real Madrid, il numero 22 ha giocato per un'altra stagione con la maglia rossonera, per poi volare in America e terminare la sua carriera tra San Paolo e Orlando. Il suo addio alla Serie A ha sancito anche l'addio del Pallone d'Oro al nostro campionato

Kakà, tra l'atro, è stato anche l'ultimo ad alzare il trofeo dorato prima della diarchia Ronaldo-Messi, che dal 2008 combattono un duello personale per la supremazia nel mondo del calcio. Neymar ha provato a insidiarli, ma per adesso deve accontentarsi del terzo posto. Nell'ultima edizione, fuori dal podio Buffon (quarto), e con lui fuori dal podio tutta la Serie A. Che però in questa estate, dopo quattro anni, potrebbe ritrovare un Pallone d'Oro. Anzi: cinque Palloni d'Oro.

Serie A, un Pallone d'Oro di nuovo nel nostro campionato?Getty Images

Serie A, un altro Pallone d'Oro dopo gli anni "dorati" del Milan?

Il Milan dal 2007 al 2010 è stato un via vai di Palloni d'Oro: arriva Ronaldo nel gennaio del 2007, e Kakà alza il premio nello stesso anno, dopo aver determinato la corsa rossonera verso la settima Champions League; poi, nell'estate del 2008 c'è il doppio colpo dorato: il 15 luglio sbarca a Milano Ronaldinho, il 23 agosto ritorna Shevchenko. Ronaldo nel frattempo ha detto addio, ma i Palloni d'Oro in squadra sono addirittura tre nell'annata 2008-2009.

C'è da dire, però, che per quanto riguarda i casi Ronaldo e Shevchenko, i due campioni sono arrivati al Milan in una fase calante della loro carriera. L'ucraino, però, ha vinto il premio nel 2004 proprio grazie ai successi con l'allora squadra di Ancelotti. Neanche Ronaldinho era più lo stesso, ma ha regalato comunque lampi di classe immensa. Discorso diverso per il "primo Kakà": è stato a tutti gli effetti un Pallone d'Oro rossonero e "italiano", avendo alzato il trofeo quando giocava nel Milan. 

Serie A, Kakà Pallone d'Oro nel 2007Getty Images

Un gran colpo per la Juventus, un gran colpo per la Serie A

Diciamolo: Cristiano Ronaldo alla Juventus sarebbe un colpo sensazionale. I bianconeri metterebbero sotto contratto l'attuale Pallone d'Oro, che alzato il premio per cinque volte (due di fila). Un messaggio diretto e inequivocabile al campionato: i Campioni d'Italia voglio continuare a vincere. Un messaggio anche all'Europa: la squadra di Allegri punterà di nuovo alla Champions League, dopo averla vista sfumare nelle finali del 2015 e 2017. In quelle due occasioni, non a caso, i bianconeri hanno dovuto affrontare i giocatori che poi, qualche mese dopo, avrebbero vinto il Pallone d'Oro: prima Messi, poi Ronaldo. 

La Serie A avrebbe ancora più appeal con Ronaldo, e potrebbe continuare un percorso di crescita che sta vedendo il nostro campionato tornare lentamente agli antichi splendori. O meglio: a nuovi splendori. Non solo Juventus: la Roma è arrivata in semifinale di Champions League e dall'anno prossimo avrà anche la compagnia dell'Inter; il Napoli ha espresso un gioco meraviglioso con Sarri e adesso è sotto la guida di Ancelotti, uno degli allenatori più vincenti della storia. Cristiano Ronaldo potrebbe essere l'ultimo tassello, ma a prescindere dal suo eventuale arrivo la sensazione è che la Serie A stia tornando davvero grande.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.