Mondiali 2018, perché l'Uruguay ha quattro stelle sulla maglia?

La Celeste ha vinto due volte la Coppa del Mondo, ma le stelle sulla divisa sono 4: nel conto l'AUF include i Giochi Olimpici vinti nel 1924 e nel 1928.

1k condivisioni 0 commenti

di

Share

In tanti si sono posti l'interrogativo in occasione dei Mondiali di Russia che vedono l'Uruguay ancora in gioco per accedere alle semifinali: perché la Celeste ha ben 4 stelle sulla maglia, pur avendo sollevato la Coppa del Mondo solo due volte nella sua storia? Il dettaglio non è passato inosservato alla gran parte degli appassionati che hanno seguito le partite della selezione di Oscar Tabarez. La risposta al quesito è da rintracciare nelle pieghe della storia del calcio, addirittura negli anni '20.

Nella bacheca della Celeste, infatti, non ci sono solo i due Mondiali vinti rispettivamente nel 1930 e nel 1950, quest'ultimo coincidente con il successo per 2-1 in rimonta in casa del Brasile e con il celebre Maracanazo. Quel che autorizza la nazionale di calcio dell'Uruguay a presentare ben quattro stelle sulla maglia alla pari di Germania e Italia, che però hanno in bacheca un poker di Coppe del Mondo, è la conquista di due medaglie d'oro nei Giochi Olimpici tra il 1924 e il 1928.

Per comprendere le radici di quelle quattro stelle sulla maglia dell'Uruguay, allora è necessario un tuffo nella storia. Capriola all'indietro di ben 95 anni, risalendo fino al 1923. In quell'epoca si giocava la quinta edizione della Coppa America e Atilio Narancio, presidente della federcalcio uruguaiana, promise ai suoi calciatori che in caso di vittoria avrebbero preso parte ai Giochi Olimpici in programma l'anno dopo in Spagna. Detto, fatto. Successi su Paraguay (2-0), Brasile (2-1) e Argentina (2-0) e transatlantico per l'Europa prenotato. A Vigo la Celeste superò lungo il proprio percorso Jugoslavia (7-0), Stati Uniti (3-0), Francia (5-1), Olanda (2-1) e Svizzera (3-0) in finale, ponendo così la prima stella sulla propria divisa da gioco.

Mondiali 2018, le quattro stelle sulla maglia dell'UruguayGetty Images
Mondiali, le quattro stelle sulla maglia dell'Uruguay: celebrano Mondiali e Giochi Olimpici

Mondiali, le quattro stelle sulla maglia dell'Uruguay celebrano anche i Giochi Olimpici 1924 e 1928

Il film olimpico dell'Uruguay si è ripetuto anche quattro anni dopo, nel 1928, ad Amsterdam. Vittorie della Celeste su Olanda (2-0), Germania (4-1) e Italia (3-2), fino alla finale vinta con l'Argentina per 2-1 nella ripetizione, dopo che la prima sfida era terminata in parità (1-1). I due Mondiali vinti nel 1930 e nel 1950 completano il poker di stelle sulla divisa, una scelta assunta dall'AUF - la federazione calcistica uruguaiana - sulle basi di una postilla contenuta nelle normative FIFA:

A patto che i Giochi Olimpici del calcio si giochino in accordo con il regolamento FIFA, quest'ultima riconoscerà questo torneo alla stregua di un campionato del mondo.

Quei Giochi Olimpici del 1924 e del 1928 valgono quindi, almeno per la federcalcio uruguaiana, quanto le due Coppe del Mondo vinte successivamente. Una tesi meritocratica, supportata dal numero delle partecipanti ai tornei: ben 20 tra qualificazione e fase finale, a fronte delle 13 nazionali in gara per la Coppa del Mondo 1930, giocati proprio in Uruguay. Teoria discrezionale, tanto che il Belgio - campione nei Giochi Olimpici di Anversa nel 1920 - ha deciso di non aggiungere alcuna stella alla divisa dei Diavoli Rossi in gara in Russia. Cavani e compagni, intanto, si godono i quattro trofei presenti accanto allo stemma nazionale sormontato dal Sole di maggio, coltivando il sogno di festeggiare il pokerissimo.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.