Calciomercato, Zarate al Boca Juniors. La moglie: "CI hanno minacciato"

Il trasferimento dell'attaccante argentino al Boca Juniors ha fatto infuriare i tifosi del Velez. Natalie Weber ha paura: "Credo ci uccideranno".

1k condivisioni 0 commenti

Share

Una situazione fuori controllo generata da un'operazione di calciomercato. Mauro Zarate ha detto no al Velez, sua squadra del cuore, per giocare con la maglia del Boca Juniors. Ha disatteso così una promessa fatta tempo fa quando giurò che in Argentina non avrebbe vestito una maglia diversa da quella del Fortin. 

Una scelta, la sua, che ha scatenato la rabbia dei tifosi del Velez e addirittura della sua famiglia. In primis il fratello Rolando che è arrivato a dichiarare: "Per me non esiste più, è un traditore". A nulla sono servite le spiegazioni dell'ex Inter che ha dichiarato:

La mia non è una scelta economica ma sportiva, altrimenti sarei rimasto in spiaggia a Dubai. Ho detto sì al Boca per godermi gli ultimi anni di carriera. So di non aver mantenuto una promessa, ma non voglio venga dimenticato tutto quello che ho fatto per il Velez. Non so più cosa dire, ma i miei fratelli non hanno niente a che fare con tutto questo. Ho preso questa decisione dopo attente valutazioni e un confronto con mia moglie. So di aver deluso i miei compagni di squadra, l'ho visto nei loro occhi quando ho detto che sarei andato al Boca. Il presidente del Velez ha detto che mi è stata promessa la convocazione in Nazionale, ma non è vero. Non riesco a immaginare come sarà giocare contro il Velez, ma sono un professionista e darò tutto per vincere con il Boca. Non avrei mai creduto che questo trasferimento potesse provocare tante odio. Spero che si calmino le acque...

Hanno fatto rumore poi le parole della moglie di Zarate, Natalie Weber, che ha denunciato di aver ricevuto vergognose minacce:

Uccideranno i miei figli e anche noi. Ci hanno minacciato di morte su WhatsApp, Instagram e Twitter. Come fa la gente a non capire che si tratta solo di lavoro? 

Parole che hanno fatto seguito a un pomeriggio di terrore. La scuola frequentata dalla piccola Mia, figlia di Zarate e Natalie, è stata infatti evacuata per un finto allarme bomba. 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.