Calciomercato, il Chelsea si raduna con Conte ma aspetta ancora Sarri

Il club londinese scavalca l'attuale manager e ordina il raduno per domani. La staffetta prevista tra l'ex ct azzurro e il nuovo allenatore continua ad avere complicazioni.

382 condivisioni 1 commento

di

Share

Se l'attenzione di tutti gli appassionati e della maggior parte degli addetti ai lavori è rivolta in questo momento all'affare che promette di segnare questo calciomercato, e cioè il possibile trasferimento di Cristiano Ronaldo dal Real Madrid alla Juventus, questo non significa certo che il resto del mondo stia fermo a guardare. 

I maggiori club europei sono costantemente al lavoro in vista della prossima stagione, e questo accade soprattutto in Inghilterra, dove il calciomercato si concluderà il 9 agosto, il giorno precedente l'inizio di una Premier League che l'ambizioso Manchester City promette di dominare anche questa stagione, in cui però dovrà guardarsi da una concorrenza decisa a non concedere un'altra trionfale passerella agli uomini guidati da Pep Guardiola.

Tra l'Arsenal del nuovo manager Emery e il Manchester United di José Mourinho ci sarebbe anche il Chelsea, quinto nell'ultima stagione e che ha deciso di ripartire dall'ex-allenatore del Napoli Maurizio Sarri. Quest'ultimo dovrebbe subentrare all'attuale manager Antonio Conte, ma una serie di complicazioni ha rallentato una staffetta che ancora di fatto non è avvenuta e che sta rallentando le operazioni di calciomercato dei Blues, che nei prossimi giorni dovranno necessariamente risolvere la grana relativa alla panchina.

Antonio ConteGetty Images

Calciomercato, il Chelsea si raduna con Conte ma aspetta ancora Sarri

La situazione è nota: il patron del Chelsea Roman Abramovich ha deciso di liberarsi di Antonio Conte, guida tecnica della squadra nelle ultime due stagioni e con un contratto da 10 milioni di euro l'anno in scadenza la prossima estate. Il sostituto scelto è Maurizio Sarri, sollevato dall'incarico a Napoli, dove è stato sostituito da Carlo Ancelotti, ma ancora tecnicamente sotto contratto con il club azzurro.

Per liberare il suo ex-allenatore, Aurelio De Laurentiis richiede il pagamento di una clausola pari a 8 milioni di euro, mentre Antonio Conte non intende accontentarsi di una buonuscita da parte del Chelsea: ritenendo di aver svolto un ottimo lavoro - che in due stagioni ha portato una Premier League e una FA Cup nella bacheca del club londinese - l'ex-ct vuole tutti i 10 milioni previsti dal suo contratto.

Abramovich si trova dunque in una situazione complicata: non intende soddisfare né le richieste del presidente del Napoli relative a Sarri - di fatto sollevato dall'incarico - né quelle di Conte, ancora di fatto in carica al club in attesa che si rivolga una situazione in cui non sono mancati tentati sgambetti da parte del Chelsea, che è arrivato addirittura a citare per danni l'attuale allenatore in seguito alla svalutazione sul mercato di Diego Costa, scaricato a suo tempo dal tecnico salentino con un sms.

Maurizio Sarri a bordocampoGetty Images

L'ultima puntata di quella che è ormai una vera e propria soap opera ha visto l'ennesima mossa del club londinese, che ha ordinato il raduno dei giocatori sotto contratto non impegnati ai Mondiali per sabato 7 luglio, scavalcando di fatto Conte che invece aveva chiesto che questo avvenisse lunedì 9. A quest'ultimo, dopo aver protestato senza successo con la dirigenza per questa mancanza di rispetto, non è rimasto che incassare.

Sarà dunque lui a presiedere il raduno del Chelsea, in attesa di risolvere una situazione che potrà essere definita nei dettagli solo quando i Blues saranno certi di poter ingaggiare Maurizio Sarri. Per arrivare al nuovo allenatore, Abramovich potrebbe prelevare un paio di giocatori dal Napoli - pare Hysaj e Jorginho - pagando qualcosa in più rispetto al loro reale valore a titolo di risarcimento a De Laurentiis. Dovesse funzionare la situazione si sbloccherebbe e verrebbe finalmente ufficializzato l'esonero di Conte, che ormai vive con il club da separato in casa.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.