Calciomercato, Marca: "Cristiano Ronaldo vuole andare via per questo"

L'importante quotidiano madrileno racconta il momento preciso in cui il portoghese avrebbe preso realmente in considerazione l'idea di lasciare il Real Madrid.

477 condivisioni 0 commenti

di

Share

Come l'estate scorsa, quando non si parlava d'altro che della volontà di Cristiano Ronaldo di andarsene dal Real Madrid (all'epoca per via di quella che lui definiva una persecuzione da parte del fisco spagnolo nei suoi confronti), anche la sessione estiva di calciomercato 2018 ha il talento portoghese al centro delle prime pagine dei giornali di tutta Europa (e non solo).

Questa volta però il motivo che lo spinge a voler lasciare le Merengues è un altro, più legato al suo spiccato egocentrismo rispetto ad altro.

Cristiano Ronaldo vuole essere coccolato, deve sentirsi considerato il migliore, sempre. Vuole che i suoi successi sul campo vengano riconosciuti continuamente, non sopporta il confronto con Messi o chiunque altro e gli piacerebbe che tutti lo considerassero il G.O.A.T. (Greatest of all Time) non solo per via di quel pizzetto che si è lasciato crescere appositamente. A maggior ragione vorrebbe che queste considerazioni provenissero in automatico dal Real Madrid, la sua squadra, quella che ha trascinato a suon di gol nella vittoria di tre Champions League consecutive.

Calciomercato, il malumore di Cristiano Ronaldo

Quella stessa società da cui vorrebbe essere valorizzato ulteriormente, per diventare il calciatore più pagato al mondo (probabilmente gli sarebbe sufficiente avere uno stipendio superiore a Messi, in realtà): da questo punto di vista ha trovato un muro fino a questo momento, perché Florentino Perez non sembra assolutamente intenzionato ad accettare il continuo batter cassa del portoghese.

Anzi, lo scorso gennaio si era parlato addirittura di un presidente del Real Madrid più orientato a sacrificare Cristiano Ronaldo in sede di calciomercato, utilizzandolo come contropartita tecnica per arrivare a Neymar del Paris Saint-Germain.

Ecco, provate a immaginare la faccia di uno come CR7 nel leggere che lui, a suo giudizio il migliore al mondo, possa essere usato come merce di scambio per arrivare a un altro giocatore. Un affronto troppo alto, soprattutto se associato alla valutazione che sembrava fosse stata fatta del suo cartellino: circa 100 milioni di euro.

Il momento in cui ha deciso di lasciare il Real Madrid

Dal suo punto di vista il discorso è lo stesso fatto sopra: come è possibile che il G.O.A.T. venga valutato così poco, a fronte di una stima praticamente doppia del cartellino di Neymar? Non solo quindi un semplice affronto, ma siamo quasi al livello di lesa maestà.

Ed è proprio in quei giorni di gennaio che, secondo quanto riportato da Marca, Cristiano Ronaldo avrebbe deciso di lasciare il Real Madrid. 

"Se valgo 100 milioni, significa che non mi vogliono", in sintesi, il suo pensiero riportato dal quotidiano madrileno. È in quel momento CR7 ha iniziato a covare rabbia e rancore nei confronti del club spagnolo, manifestato senza troppi giri di parole subito dopo la conquista dell'ultima Champions League. Le voci di calciomercato sempre più insistenti su un suo flirt con la Juventus, insomma, nascono proprio da lì.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.