Mondiali, uno spagnolo sfida la FIFA: "Ho inventato io il VAR!"

Si chiama Francisco Lopez e nel 1999 ha depositato un brevetto. Di cosa? Di quella che, secondo il 63enne, sarebbe l'idea plagiata dalla FIFA per il VAR.

1k condivisioni 0 commenti

di

Share

È stato introdotto da poco, ma non ci sono dubbi: il VAR - protagonista prima in Serie A e Bundesliga e ora ai Mondiali - è destinato a passare alla storia del calcio come la novità più importante del XXI secolo. L'aveva intuito già, quasi vent'anni fa, Francisco Lopez: non a caso, "El fútbol del siglo XXI" era il titolo del suo progetto. Ma chi è Francisco Lopez? Uno spagnolo di 63 anni, che ha dichiarato guerra esplicita (a livello legale, s'intende) alla FIFA. Il motivo? È molto semplice: nel 1999 ha registrato il brevetto di quella che, secondo lui, è l'idea copiata quasi integralmente proprio dal massimo organismo internazionale.

Sono trascorsi 19 anni, insomma, dal momento in cui questo signore ha bussato alla porta del Ministero dell'Istruzione e della Cultura iberico. Sotto il braccio, il progetto completo de "Il calcio dell'XXI secolo (Tecnologia del futuro per le squadre arbitrali)". Un'invenzione che avrebbe previsto l'utilizzo del video per aiutare i direttori di gara, i quali sarebbero stati in contatto diretto con un centro di controllo.

In parole povere, il VAR com'è stato implementato a partire dalla scorsa stagione nel campionato italiano e in quello tedesco. E che ora sta facendo discutere a livello globale, dopo gli episodi accaduti in questa prima fase dei Mondiali: la gomitata di Cristiano Ronaldo in Iran-Portogallo, per esempio, ma anche il rigore - prima concesso e poi revocato - per il Senegal, nella sfida contro la Colombia. Ed è proprio in questo momento storico che Lopez ha deciso di passare alle maniere "forti": chiedere un maxi risarcimento da 15 milioni di euro.

Mondiali, il signor Lopez attacca: "Ho depositato il brevetto nel 1999!"

Già un anno fa, il signor Francisco aveva intimato ufficialmente alla FIFA - ma anche alla RFEF, la Federcalcio spagnola - di astenersi dall'utilizzo del VAR. A distanza di un anno, annuncia il diretto interessato a MARCA, ecco la richiesta in denaro:

Pretendo un risarcimento di 15 milioni di euro: 3 milioni all'anno per cinque anni. Con me ho tutte le prove di quello che sostengo.

Mondiali, l'episodio della gomitata di Cristiano Ronaldo in Iran-Portogallo e l'intervento del VARGetty Images
L'episodio dell'intervento del VAR dopo la gomitata di Cristiano Ronaldo in Iran-Portogallo

Come anticipato, Lopez è convinto che il suo progetto sia stato "saccheggiato" a piene mani per dare vita al VAR attualmente in opera ai Mondiali:

Me l'ero immaginato esattamente com'è adesso. È lo stesso sistema che si sarebbe potuto già realizzare nel 1999, con l'unica differenza del sistema di crittografia.

Francisco Lopez - come dichiarato già lo scorso ottobre ad AS - nel 2006 aveva poi aggiornato il brevetto, depositato presso il Registro Generale della Proprietà Intellettuale spagnolo. All'epoca, sostiene il 63enne, non avrebbe neanche chiesto un centesimo alla FIFA:

In quegli anni era stata un'invenzione per il bene del calcio, non volevo un solo euro. Poi mi sono scontrato con il loro egoismo. Hanno già ricevuto la mia ingiunzione, ma non hanno risposto e non credo lo faranno finché non li convocherà un giudice. All'epoca, sarebbe bastato un incontro e un semplice riconoscimento, ma il loro ego è spropositato. E ora chiedo che quel denaro venga devoluto alle associazioni benefiche.

L'intervista di AS dello scorso ottobre a Francisco LopezTwitter
Già lo scorso ottobre, Francisco Lopez ha inviato un'ingiunzione alla FIFA

"Ecco come sono andate le cose"

Nella sua precedente intervista ad AS, Lopez aveva anche spiegato in che modo fosse entrato in contatto con i massimi dirigenti del calcio internazionale:

Per lungo tempo ho avuto uno scambio di comunicazioni con l'ex arbitro José Maria Garcia Aranda, il braccio destro di Villar (ex presidente della Federcalcio spagnola, ndr) all'interno della FIFA e uno dei loro capi degli arbitri. La FIFA e la UEFA non mi hanno mai risposto, lo ha fatto solo Garcia Aranda. Il sistema l'ho sviluppato io, lui non ha fatto altro che copiarne le informazioni. Si vede che la cosa lo interessava eccome! Ricordo che mi disse che, per presentare il progetto alla FIFA, avrei dovuto rimuovere i loghi della mia società. E quando gli dissi che avremmo dovuto siglare un contratto di riservatezza, l'accordo cessò di colpo di esistere.

Secondo Francisco Lopez, perciò, l'attuale tecnologia del VAR costituirebbe un plagio diretto della sua invenzione. A partire dal sistema di auricolari in entrata e in uscita:

Ma avevo anche previsto il ricorso alle telecamere per risolvere i problemi del fuorigioco, dei gol fantasma, dei rigori. È tutto identico, tranne la tecnologia per rivelare i gol fantasma: ora utilizzano un microchip dentro il pallone, mentre io all'epoca avevo proposta di installare videocamere ad alta risoluzione all'interno delle porte.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.