Cañizares: “Non ho paura della morte, quel giorno riabbraccerò mio figlio”

L'ex portiere di Valencia e Spagna torna a parlare a tre mesi di distanza dalla scomparsa del figlio Santi: "Mi manca tantissimo".

Santi e Cañizares Twitter

3k condivisioni 0 commenti

Share

Una scomparsa che ha segnato indelebilmente la sua vita. Tre mesi fa, a soli 5 anni, se n'è andato Santi, uno dei sei figli che l'ex portiere del Valencia e della Nazionale spagnola Santiago Cañizares ha messo al mondo insieme alla moglie Maite García. 

Se l'è portato via un male incurabile da cui sembrava guarito e che invece, dopo 15 mesi di lotta, ha avuto la meglio. A dare la notizia su Twitter fu Cañizares che ringraziò chiunque gli avesse dimostrato vicinanza in un momento così terribile. 

Oggi Cañizares è tornato a parlare del figlio ai microfoni di Super Deportivo, trasmissione radiofonica argentina:

Non si pensa che una tragedia simile possa accadere fino a quando non ti capita. Santi era un bambino nato senza alcuna malattia, ma a tre anni e mezzo all'improvviso iniziò a stare male. Dopo 15 mesi abbiamo smesso di lottare, era una malattia che non lascia scampo. Convivo con un dolore enorme che mi logora, Santi mi manca tantissimo. Io ho sempre avuto paura della morte, ora però so che quando succederà sarò felice perché potrò riabbracciare Santi

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.