WWE Raw, la "sorpresa" di Strowman a Owens e la rivincita di Rollins

Il picchiatore canadese va a prendere la macchina, ma il Monster in the Bank era arrivato prima di lui. E l'Architetto prova a riprendersi il titolo da Dolph Ziggler.

Braun Strowman e la sua sorpresa per Kevin Owens a WWE Raw WWE

90 condivisioni 0 commenti

di

Share

Siamo al Valley View Casino Center di San Diego, in California, per un nuovo appuntamento con il mondo del wrestling WWE. La settimana scorsa è stata quella di Money in the Bank, il PPV con la valigetta che ha portato alla nascita di Monster in the Bank, Braun Strowman, e a una nuova campionessa di Raw, Alexa Bliss, vincitrice del Ladder Match femminile e capace di incassare la sera stessa il contratto, interrompendo la sfida titolata tra Nia Jax e Ronda Rousey.

Dalla reazione sconsiderata dell'ex campionessa UFC il giorno successivo è nata poi la sospensione di un mese della ragazza più cattiva del pianeta, ma la sua rabbia non si è certamente placata.

Sempre sette giorni fa, poi, il General Manager Kurt Angle ha rivelato che il prossimo sfidante di Brock Lesnar per l'Universal Championship sarà deciso nel prossimo PPV, Extreme Rules, in una sfida con più partecipanti, nella quale sono già stati inseriti Roman Reigns e Bobby Lashley. E poi, ovviamente, ci sono le situazioni in sospeso tra Bayley e Sasha Banks, tornate ai ferri corti, più quella tra Seth Rollins e Dolph Ziggler, che grazie all'aiuto di Drew McIntyre è riuscito a conquistare l'Intercontinental Champion. Tantissima carne al fuoco, insomma, non ci resta che cominciare il racconto su WWE-ek Raw, la nostra consueta rubrica settimanale con il roster rosso del mondo wrestling targato Vince McMahon.

WWE Raw

A presentarsi sul ring sono Kurt Angle e Baron Corbin. Il General Manager e il Lupo Solitario, nel suo ruolo di "ispettore", sono lì per parlare della difesa del titolo di Brock Lesnar a Summerslam. Vengono immediatamente interrotti dall'arrivo di Roman Reigns, che dice di essere lì solo per ascoltare. Si presenta pure Bobby Lashley.

I due ricominciano a stuzzicarsi a vicenda, ma Kurt Angle li ferma dicendo che il match a più uomini in programma a Extreme Rules è stato cancellato, perché Brock Lesnar non ha firmato ancora alcun contratto.

Il Dominatore sembra scioccato, mentre Roman Reigns non è affatto sorpreso e spiega come sia ormai una prassi il fatto che le regole di Raw le faccia The Beast. I due ricominciano a discutere e ne nasce un incontro tra loro a Extreme Rules. Si presentano sul ring i Revival, che dicono di essere pronti per affrontarli di nuovo, aggiungendo che non commetteranno lo stesso errore della settimana scorsa. Baron Corbin toglie il microfono a Kurt Angle e sancisce il Tag Team Match.

Roman Reigns e Bobby Lashley vs The Revival

Ripetizione dunque del match della scorsa settimana, ma stavolta sono davvero i Revival a vincere a sorpresa. Dopo un incontro dominato dai due pesi massimi, si ripete la stessa scena di sette giorni fa ma a parti invertite: Bobby Lashley si prepara per la Spear conclusiva, Roman Reigns gli ruba il Tag e colpisce Dash Wilder con il Superman Punch.

Poi si prepara a sua volta per la Spear, ma si fa distrarre da Bobby Lashley che prova a "restituire il favore". Così Scott Dawson arriva da dietro e colpisce il Dominatore, subendo successivamente la Spear del Mastino. L'uomo legale però è sempre Dash Wilder, che con un Roll-up a sorpresa si prende la vittoria.

Backstage

I Deleters of Worlds avvertono il B-Team di aver sbagliato ad averli sfidati e che si avviano verso la loro fine. Tra poco ci sarà un incontro tra Woken Matt Hardy e Curtis Axel, ma prima sul Titantron appiano proprio i due del B-Team, ancora una volta mentre imitano (in modo esilarante) i loro prossimi avversari.

Matt Hardy (con Bray Wyatt) vs Curtis Axel (con Bo Dallas)

Il match è velocissimo, perché mentre Matt Hardy prova una manovra dalla terza corda, involontariamente scivola con Curtis Axel che gli cade addosso con una sorta di Cross Slam. La caduta di Woken e violenta e senza nemmeno accorgersene il figlio di Mr Perfect si prende un conteggio di tre che vale la vittoria.

Backstage

Gli Authors of Pain sono nel backstage e se la prendono con il personale. Titus O'Neil gli dice che non dovrebbero comportarsi così con la gente che sta lì per lavorare e fare in modo che gli show WWE funzionino sempre alla perfezione. I due non sembrano così convinti dalle motivazioni palesate dal leader del Titus Worldwide e si avviano verso il ring.

Mentre Bayley parla con Alicia Fox, Kurt Angle le dice che dovrà fare coppia con Sasha Banks ed Ember Moon, per affrontare la Riott Squad.

Authors of Pain vs Rich & Rex Gibson

Match senza storia tra i due ex NXT Tag Team Champion e due atleti locali, Rich e Rex Gibson. I due vengono infatti asfaltati e l'incontro viene chiuso con The Last Chapter. Dopo il conteggio di tre Akam e Rezar continuano a infierire sui malcapitati, fino a quando non arrivano però Titus O'Neil e Apollo Crews a prendere le loro difese e mettere in fuga gli Authors of Pain.

Backstage

Finn Balor va da Kurt Angle e Baron Corbin a chiedere spiegazioni sulla cancellazione del match a Extreme Rules, subito dopo arriva pure Braun Strowman che invece chiede di poter fare coppia con Kevin Owens per affrontare Finn Balor e Baron Corbin. Kurt Angle accetta subito con grande entusiasmo.

Alexa Bliss (con Mickie James) vs Natalya (con Nia Jax)

Alexa Bliss vuole celebrare ancora una volta la sua vittoria a Money in the Bank e lo fa dopo l'introduzione di Mickie James. Se la prende ovviamente con Nia Jax e Ronda Rousey, ma viene interrotta da Natalya che annuncia un match tra loro due proprio adesso.

E al suo angolo ci sarà proprio l'ex campionessa di Raw, guarita dunque dal suo infortunio. Parte così l'incontro e dopo un'interferenza di Mickie James a favorire Alexa, ne arriva una di Nia Jax che consente a Natalya di andare a segno con la Nattie by Nature prima e la Sharpshooter poi. La Bliss non può far altro che cedere.

Backstage

Viene intervistato Seth Rollins e dice di essersi preparato per qualcosa di fantastico per poter riprendere il titolo Intercontinentale da Dolph Ziggler. Poi viene inquadrato Jinder Mahal, mentre un fotografo WWE lo immortala: la Riott Squad prende la macchinetta fotografica, la spacca e si avvia verso il ring.

Ember Moon, Sasha Banks e Bayley vs Riott Squad

Il match è molto confusionario, con interferenze continue. Quella decisiva è di Liv Morgan, che distrae Sasha e consente a Ruby Riott di avere la meglio e prendersi il conteggio di tre. Subito dopo il suono della campana, Bayley sale di corsa sul ring e attacca brutalmente la sua ex amica, vendicandosi così di quanto accaduto la settimana scorsa.

Backstage

Kurt Angle manda un arbitro a cercare Bayley per parlarle. Successivamente i due si incontrano e il GM la obbliga ad andare da uno psicologo, altrimenti verrà licenziata.

Poi ci dovrebbe essere un altro incontro tra Mojo Rawley e No Way Jose, ma il primo non ha alcuna intenzione di combattere contro il dominicano, che prende per i fondelli, così come tutta la sua Conga Line (in particolare umiliando un suo componente). Quando l'ex NXT va a chiedere spiegazioni fuori dal ring viene colpito con l'avrambraccio.

Braun Strowman e Kevin Owens vs Finn Balor e Baron Corbin

Eccoci arrivati allo strano Tag Team Match che vede la coppia composta da Kevin Owens e Braun Strowman affrontare il duo Finn Balor e Baron Corbin. La sfida è molto sui generis, con il Monster in the Bank che detta legge e coinvolge il Picchiatore canadese, spingendolo a collaborare ed eseguire le sue stesse mosse (come la corsa intorno al ring dando spallate).

L'incontro finisce però per Count-out di Baron Corbin e Finn Balor, che finiscono a combattere tra loro fuori dal ring. A fine match Kevin Owens prova di nuovo a dare la mano a Braun Strowman, ma vedendo lo sguardo del Mostro che cammina tra gli uomini opta per una rapida ritirata, con il suo compagno di squadra a inseguirlo.

La "sorpresa" di Braun Strowman a Kevin Owens

Vediamo Kevin Owens nel backstage, avviarsi (con scorta) verso il parcheggio per ritirare la sua auto. Quando arriva dal parcheggiatore, però, questi gli spiega di non avere le sue chiavi, perché le ha prese qualcun altro... Lui! Il canadese si volta a guardare verso il punto indicato e vede Braun Strowman con in mano le sue chiavi.

Il Mostro gliele lancia e si augura che abbia un'assicurazione, perché ha le chiavi ma non ha più una macchina. Kevin Owens si volta e vede la sua vettura ribaltata e con dell'inquietante fumo uscire dal cofano. Ecco la sorpresa di Braun Strowman.

Dolph Ziggler (C) vs Seth Rollins

Intercontinental Championship Match

Siamo arrivati al main event della serata, l'incontro con in palio il titolo Intercontinentale. Dolph Ziggler, accompagnato da Drew McIntyre, è pronto a concedere la rivincita a Seth  Rollins. La loro sfida è letteralmente sensazionale, i due riescono a dare vita a qualcosa di fantastico, degno di un PPV, con continui ribaltamenti, conteggi annullati e il Gladiatore scozzese mandato negli spogliatoi dall'arbitro dopo le continue interferenze.

Quando l'Architetto del ring sembra essere pronto per chiudere, con la Falcon Arrow a seguire uno straordinario Superplex, ecco però che Drew McIntyre torna dagli spogliatoi, tira fuori l'arbitro dal ring mentre conteggia e attacca Seth Rollins, dandogli la vittoria per squalifica, ma consentendo a Dolph Ziggler di mantenere la cintura.

I due cominciano a infierire sull'avversario, ma ci pensa l'ingresso di Roman Reigns a rimettere le cose a posto. Dopo aver colpito lo Showoff con una Spear, assesta pure un Superman Punch sullo scozzese, mettendo in fuga i due dello Show, comunque soddisfatti e sorridenti per aver difeso con successo il titolo. 

Seth Rollins vince per squalifica, Dolph Ziggler resta campione.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.