Mondiali, Pouraliganji: "Diego Costa ha offeso la mia famiglia per 90'"

Il difensore dell'Iran racconta che Diego Costa lo ha insultato per tutta la partita: "Forse credeva fossi un novello, voleva che reagissi e mi facessi espellere".

1k condivisioni 0 commenti

Share

Uno dei giocatori più fastidiosi e difficili da affrontare. Diego Costa è uno di quegli attaccanti che un difensore non vorrebbe mai marcare. Perché è forte, dà l'animo in campo, sgomita e a volte gioca sporco. Ne sa qualcosa il difensore dell'Iran Morteza Pouraliganji che è tornato a parlare del match perso 1-0 contro la Spagna valido per la seconda giornata della fase a gironi dei Mondiali di Russia 2018. 

A decidere la partita è stato proprio il centravanti dell'Atletico Madrid che con una deviazione fortuita ha regalato 3 punti alle Furie Rosse. E in una gara tirata, difficile e scorbutica, l'ex Chelsea non poteva lasciarsi sfuggire l'occasione di farsi un nemico. Che risponde appunto al nome di Morteza Pouraliganji, giocatore in forza all'Al-Sadd. 

Diego Costa - ha raccontato Pouraliganji - mi ha insultato per tutta la partita. Sono striste per lui, il suo comportamento è stato immorale. Mi guardava e offendeva la mia famiglia, mia madre, mia sorella. Il suo obiettivo era farmi innervosire, voleva mi facessi espellere. Forse pensava fossi un novello (Pouraliganji ha 26 anni, ndr) e non conoscessi simili strategie. Io ho mantenuto sempre la calma, ho pensato solo a fare il bene dell'Iran e non ho reagito. Non capisco perché Diego Costa sia stato premiato come uomo partita visto che ha toccato cinque volte il pallone e ha segnato per puro caso

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.