Mondiali, le lacrime di Son: senza ottavi rischia il servizio militare

L'attaccante del Tottenham potrebbe essere costretto a rispondere alla chiamata del Governo. Ma ci sono ancora due possibilità...

2k condivisioni 0 commenti

di

Share

Difficile, quasi impossibile per la Corea del Sud passare il turno nel Gruppo F: dopo due giornate, la squadra asiatica si trova all'ultimo posto in classifica in questi Mondiali. Zero punti ottenuti, adesso la speranza è appesa a un filo. Passare il turno è poco più di un'utopia: la prossima sfida è con la Germania, bisogna vincere sperando che arrivino buone notizie anche dalla sfida tra Messico e Svezia. Eliminazione vicina, quindi. Per la disperazione dei giocatori sudcoreani. Soprattutto di Son.

Il giocatore del Tottenham, a fine partita, è scoppiato in lacrime: non aveva intenzione di piangere, "ma dopo aver visto i miei compagni di squadra e il Presidente nello spogliatoio, non sono riuscito a smettere". Qualcuno, però, pensa che dietro ci sia dell'altro. Più precisamente, pensa che dietro ci sia quel servizio militare che Son, raggiungendo gli ottavi, avrebbe potuto evitare. 

In Corea del Sud, infatti, c'è una regola per tutti gli under 28: servizio militare obbligatorio di almeno 21 mesi. Son Heung Min ne ha 25 e non ha ancora risposto presente alla chiamata del suo Governo. C'è un solo modo per dribblare l'obbligo: raggiungere "risultati sportivi prestigiosi per il suo Paese". Come ad esempio gli ottavi di finale ai Mondiali in Russia. Un obiettivo che, però, adesso per Son sembra davvero lontanissimo.

Mondiali, la disperazione di Son: precedenti e alternative

Negli anni passati il Governo sudcoreano ha concesso ad altri calciatori questo "benefit": è successo per coloro che durante i Mondali del 2002 raggiunsero (purtroppo per noi) le semifinali, è successo per i ragazzi che nel 2014 hanno trionfato ai Giochi Asiatici. E Son? In quell'occasione non venne convocato: il Bayer Leverkusen decise di non lasciar partire uno dei suoi gioielli per una competizione non targata FIFA. Così, quattro anni dopo, Son si trova in una situazione parecchio scomoda.

Anche altri sportivi sudcoreani sono stati costretti a seguire questa regola: ci sono i casi dell'ex contendente al titolo pesi piuma UFC Jung Chan-Sung e di Doo Ho Choi (MMA), che partirà entro la fine dell'anno. Stesso discorso per il giocatore di golf Sang Moon Bae: tutti costretti a lasciare il loro sport per due anni. L'ex Arsenal Park Chu-Young, invece, riuscì ad ottenere un rinvio di 10 anni quando militava nei Gunners.

Adesso, per l'attaccante del Tottenham restano poche vie d'uscita. Due, per l'esattezza: la prima è rappresentata proprio dai Giochi Asiatici che si disputeranno ad agosto in Indonesia, la seconda invece è la Coppa d'Asia che andrà in scena a gennaio. Due appuntamenti che possono essere fondamentali per Son: gli Spurs lo lasceranno partire, per cercare di evitare di perderlo per 21 mesi? Il giocatore spera: c'è da rendere orgoglioso il proprio Paese sul campo per evitare il servizio militare.

Mondiali, servizio militare per Son?Getty Images

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.