Calcio, media e radici italiane: ecco chi è Rocco Commisso

Nato a Marina di Gioiosa Jonica, in Calabria, è negli States da quando ha 12 anni. Proprietario di Mediacom, dal 2017 è ai vertici dei New York Cosmos.

543 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Era stato a un passo dal Milan, ora Rocco Commisso è vicino all'acquisto della Fiorentina. Il New York Times lo dà per fatto, assicura che lunedì ci sarà l'annuncio che definirà il passaggio di proprietà del club gigliato dai Della Valle a lui. Evidenti radici italiane tradite dal nome, Commisso è colui che proverà a rilanciare la Fiorentina, attualmente in modo rocambolesco e imprevedibile a rischio retrocessione in Serie B.

Sono 150 i milioni di dollari di valutazione della società, per una trattativa che va avanti praticamente da un anno, visto che già l'estate scorsa l'imprenditore statunitense aveva provato ad acquistare il club gigliato.

Rocco Commisso, l'imprenditore che vuole comprare la Fiorentina
Sulla sinistra, l'imprenditore statunitense Rocco Commisso

Fiorentina: tifoso ed esperto di media, chi è Rocco Commisso

Origini in Italia, passato e presente ben saldo negli Stati Uniti d'America. Rocco Commisso è il nome misterioso che ha già studiato e visionato i conti della Fiorentina: innamorato del calcio, sostenitore del sacrificio - ha cominciato a lavorare all'età di 15 anni per pagarsi gli studi - Commisso ha dato vita ad un viaggio partito nel 1949 da Marina di Gioiosa Jonica, in provincia di Reggio Calabria, e passato per una laurea alla Columbia University. Oggi l'imprenditore italo-americano è il proprietario di Mediacom, società con base a New York e quinto gruppo di TV via cavo in America.

Gruppo composto da ben 4000 dipendenti, Mediacom è la punta apicale di un business che ha portato Commisso a godere di un patrimonio stimato in 4,5 miliardi di dollari dalla rivista Forbes a 23 anni dalla fondazione dell'azienda. Carriera professionale avviata nel settore bancario, il futuro presidente della Fiorentina è stato anche Chief Financial Officer della Cablevision Industries, ceduta nel 1995 alla Time Warner, mentre nel calcio è già entrato nel gennaio 2017 come azionista di maggioranza di un club: i New York Cosmos, club che 40 anni fa cercava di lanciare il calcio negli Usa, oggi nella NASL statunitense. Aveva provato a cambiare la concezione di questo sport negli Stati Uniti, proponendo l'introduzione di retrocessioni e promozioni, e ora potrebbe provare a farlo in Italia, con uno dei club storici della Serie A.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.