MMA: Leon Edwards supera Cowboy Cerrone a UFC Singapore

Gran main event per UFC in quel di Singapore. Leon Edwards, grazie ad un'attenta strategia, supera Donald Cerrone.

MMA: Edwards e Cerrone al face-off Forbes

69 condivisioni 0 commenti

di

Share

Gran bella card in quel di Singapore, UFC torna in Asia con una carrellata di match molto divertenti, i quattro in main card in maniera particolare. Ad aprire l'evento principale, match nella categoria dei pesi welter fra Li Jingliang (15-5) e Daichi Abe (6-2). Il cinese Li ha dimostrato ancora una volta di essere un fighter completo, nonché vera spina nel fianco per chiunque. La discrepanza fra i due fighter si è fatta evidente sin da subito.

Ritmo, velocità, colpi d'anticipo e belle finte di corpo da parte della sanguisuga cinese, che ha imposto il proprio gioco dall'inizio alla fine dell'incontro. Pochi buoni momenti per Abe, in perenne imbarazzo e incapace di reagire davanti alla maggiore esperienza del suo avversario, abile grappler, ma anche striker dotato di grande acume. Li non ha evitato la fase di striking, anzi, ha dimostrato i miglioramenti andando spesso a segno col jab e col feroce diretto ad anticipare Abe.

Il ritmo, la pressione costante, i 96 colpi significativi a fronte dei soli 45 del suo avversario, hanno convinto i giudici a dare la vittoria per decisione unanime a Li Jingliang, che esprime soddisfazione e dichiara di accettare qualunque peso welter UFC avrà intenzione di parargli davanti. Il cinese si è molto evoluto nelle ultime uscite ed è oggi a quota 5 vittorie e una sola sconfitta negli ultimi sei match. 

UFC Singapore, evento ricco di match spettacolari

Nella categoria femminile dei pesi mosca, al secondo match della serata, Jessica "Evil" Eye (13-6, 1 NC) è riuscita ad imporsi sulla bella Jessica-Rose Clark (9-5, 1 NC) per decisione unanime. Un match molto equilibrato, che però ha visto la Eye mettere a segno i colpi migliori e rendersi protagonista di una prestazione in crescendo. Dopo aver subito infatti dei colpi in counterstriking ed in uscita dal clinch nella prima ripresa, la Eye ha preso bene le misure ed ha imposto dapprima il proprio striking, per poi mettere a segno anche un atterramento e superare il minuto di controllo. In ogni caso, la Clark ha messo a segno ottimi colpi con il destro, protagonista dall'inizio alla fine dei suoi counter e delle sue iniziative. Nessun ridimensionamento per le due fighter, di livello molto simile. Ad avanzare ai piani più alti della divisione però è la Eye, che si dice soddisfatta dell'impatto con la nuova categoria.

Il co-main event della serata è avvenuto nella categoria dei massimi-leggeri. Un redivivo Ovince St. Preux (23-11) è riuscito a superare la tempesta dopo aver ricevuto in apertura un diretto potentissimo da parte di Tyson Pedro (7-2). Il giovane Pedro potrebbe essere la next big thing di categoria, ma ha ancora bisogno di confermarsi per salire ai piani alti della divisione. Striker davvero temibile, ha palesato difficoltà nella lotta a terra, soffrendo prima il wrestling di Ilir Latifi ed oggi quello di Ovince St. Preux che, dopo l'iniziale affanno, ha imposto la propria top position ed ha messo a segno un'ottima straight armbar da posizione di mezza guardia. Inizialmente, sembrava che l'haitiano volesse mettere a segno una kimura. Pedro ha provato a resistere, ma la chiave articolare era perfettamente chiusa. OSP torna a far parlare di sé dopo la sconfitta contro Latifi.

Il main event di UFC Singapore è avvenuto nella categoria dei pesi welter. Il Cowboy Donald Cerrone (33-11, 1 NC) deve aver avuto un moto d'orgoglio, offrendo una prestazione a cui non ci abituava da anni. Nonostante infatti la sconfitta occorsa per decisione unanime con differenza di un solo punto sui cartellini di tutti i giudici, il Cowboy ha messo tutto sé stesso nella battaglia contro il più giovane Rocky Leon Edwards (16-3). Edwards ha dimostrato di essere un fighter tremendamente intelligente e preparato. Nella sua prima apparizione in un match da cinque riprese, ha giocato a fare il torero con Cerrone che lo inseguiva per l'ottagono. La maggiore velocità e precisione di Rocky hanno fatto sì che i tentativi del coriaceo Cerrone di sporcare il match grazie al clinch e di farlo stancare andassero a vuoto. Due tagli sul proprio volto già dopo la prima ripresa, Cerrone non ha mai indietreggiato, ha cacciato per la gabbia Edwards, colpendolo con buoni legkick e chiedendo anche lo scambio a viso aperto negli ultimi secondi della quinta ripresa. Edwards non si è fatto pregare e, sebbene i due avessero già offerto un gran match, hanno concluso in bellezza. I due takedown a segno da parte del Cowboy non sono bastati a consegnargli la vittoria: Edwards è tornato in piedi in brevissimo tempo. Dopo la lettura dei cartellini, Leon Edwards ha chiesto di poter sfidare Jorge Masvidal.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.