Mondiali, Vrsaljko attacca gli argentini: "Piangevano come ragazzine"

Il difensore croato dopo il 3-0 del Niznhy Novgorod: “Cadevano a terra e si lamentavano. Siamo stati migliori e abbiamo avuto le occasioni migliori".

1k condivisioni 0 commenti

di

Share

Un'umiliazione senza fine. La notte di Niznhy Novgorod non ha consegnato all'Argentina solo lo spettro dell'eliminazione nel girone eliminatorio dei Mondiali 2018 e il possibile esonero in corsa del ct Jorge Sampaoli, ma anche una serie di severe analisi riguardanti la tattica adottata contro la Croazia e l'atteggiamento avuto dai calciatori della Selección dopo il 3-0 firmato da Rebic, Modric e Rakitic.

Nella lista dei commenti rivolti a Lionel Messi e compagni, si inseriscono anche le parole di Sime Vrsaljko, terzino destro della Croazia noto in Italia per i trascorsi con Sassuolo e Genoa, oggi all'Atletico Madrid. Il difensore ha punzecchiato in zona mista il gruppo guidato da Sampaoli, sottolineandone la scarsa tenuta mentale dimostrata in campo. Una qualità spesso riscontrata in negativo nell'organico albiceleste degli ultimi anni, come le tre finali perse tra Mondiali e Copa America dal 2014 ad oggi confermano.

Il secco 3-0 rifilato all'Argentina ha garantito alla Croazia il pass per gli ottavi di finale dei Mondiali 2018 con 6 punti su 6 conquistati: un risultato positivo contro l'Islanda nella terza e ultima giornata del girone D garantirebbe a Mandzukic e compagni. Prospettive che permettono a Vrsaljko e compagni di non risparmiare frecciate agli avversari argentini, sconfitti al termine di una prova che ha dimostrato la superiorità della nazionale guidata da Dalic:

Siamo stati migliori e abbiamo avuto le occasioni migliori. Sampaoli diceva che dovevano dominarci, non so che partite guardi. Loro dovranno fare meglio nella prossima partita per andare avanti, se andranno avanti…

Mondiali 2018, Vrsaljko punzecchia l'Argentina: "Dicevano che ci avrebbero dominato"

Tra le righe delle dichiarazioni del terzino croato, traspare la grinta con la quale la nazionale a scacchi ha preparato la sfida all'Argentina, valida per la seconda giornata della fase a gironi dei Mondiali 2018. La Croazia ha vinto con merito, costruendo il successo su un primo tempo attento e una ripresa giocata con più cattiveria e organizzazione dell'avversario. Superato anche nell'atteggiamento, spiega Vrsaljko ironizzando sulla reazione degli argentini a fine partita:

Ho visto gli argentini cadere a terra e piangere come ragazze. 

Se l'Argentina non vince una Coppa del Mondo da 32 anni e una Copa America da 25, nonostante una nazionale che ha sempre espresso grandi talenti, una ragione ci sarà. Vrsaljko l'ha individuata nei limiti caratteriali. Quelli che Mascherano e compagni dovranno limare a partire dalla sfida alla Nigeria, senza però essere più padroni del proprio destino. Per confidare nell'approdo agli ottavi di finale, dovranno infatti sperare in risultati favorevoli dalle partite riguardanti l'Islanda.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.