Mondiali 2018, la Germania cambia assetto: Low pensa alla difesa a 3

Dopo la sconfitta all'esordio col Messico, i tedeschi potrebbero cambiare modulo con la Svezia. Servono fisicità e velocità per non rischiare di ripetere la brutta figura.

252 condivisioni 0 commenti

di

Share

Non è stato uno scivolone, c'è qualcosa di peggio dietro. La Germania ha perso l'esordio ai Mondiali 2018 contro il Messico e sabato, nella sfida con la Svezia, rischia la clamorosa eliminazione già alla fase a girone. Con la sconfitta i tedeschi sarebbero fuori, col pareggio verrebbe solo prolungata l'agonia.

In Germania però si sono convinti, in questi giorni, di una cosa: contro il Messico non si è perso né per sfortuna né per caso. Bisogna cambiare molto: atteggiamento prima di tutto. Il Mondiale 2018 non verrà vinto per grazia ricevuta. Non basta il fatto di essere campioni in carica, non bastano le quattro Champions League conquistate da Kroos o i 7 campionati messi in bacheca da Muller per andare avanti. Serve vincere in campo, contro la Svezia e la Corea del Sud.

La Germania forse si è presentata ai Mondiali 2018 un po' presuntuosa. Ha dato poca importanza alle ultimi amichevoli (una persa con l'Austria, l'altra vinta 2-1 con l'Arabia). Anche Low però ha sbagliato qualcosa. E si deve correggere. Con la Svezia sta pensando di cambiare uomini (sicuro) e assetto tattico (probabile).

Vota anche tu!

Credi che la Germania possa confermarsi campione?

Leggi di più tra 5

Annulla redirect

Mondiali 2018, Low ridisegna la sua squadra

Contro la Svezia sabato Low vuole vedere maggiore spinta sulle fasce, per questo potrebbe passare alla difesa a 3. Ginter affiancherebbe Hummels e Boateng dietro con Hector (recuperato) che agirà sulla sinistra. A destra potrebbe giocare Brandt a tutta fascia. Si pensa al 3-4-2-1, con Reus e Ozil dietro all'unica punta, ma anche al 3-4-3 con Draxler e Reus sugli esterni e uno fra Werner e Mario Gomez in attacco.

La Germania si allena in vista della gara con la SveziaGetty
La Germania si allena in vista della gara con la Svezia

Non è da escludere dunque che l'ex attaccante della Fiorentina parta titolare. Questo anche perché contro gli svedesi, che faranno molta densità in area di rigore, la sua fisicità quindi può essere utile. Low ci pensa, deve risolvere i problemi che si sono palesati con il Messico. Perché non è stato un semplice scivolone.

Germania-Svezia: le quote dei bookmakers

La Germania, come detto, ha assolutamente bisogno di vincere. Per questo l'1 dei tedeschi è nettamente favorito (si trova a 1,44 su William Hill). Bet365 offre l'X a 5,00 e il 2 addirittura a 9,00. Il No Goal è nettamente favorito sul Goal, come dimostrano le quote (rispettivamente a 1,70 e 2,05). La partita però rischia di essere molto equilibrata, e gli esperti si dividono infatti sull'Under/Over 2,5: su Unibet l'Under 2,5 si trova a 1,95, ma l'Over è offerto a 1,95. Quote tremendamente vicine che evidenziano l'incertezza sull'andamento della gara. Il risultato esatto più probabile è l'1-0, bancato a 6,00, ma attenzione al 2-0 per i tedeschi offerto a 6,25. Proposto a 11,00 lo 0-0, a 9,00 l'1-1. Più difficile la vittoria svedese: lo 0-1 paga 18,00 volte l'importo scommesso, lo 0-2 addirittura 40,00. Segnaliamo infine a 4,00 il gol di Marco Reus e quello di Hummels a 13,00 (la partita potrebbe sbloccarsi su calcio da fermo). Fra gli svedesi il gol di Berg è in lavagna a 5,50.

L'appuntamento in TV

La partita fra Germania e Svezia verrà trasmessa in diretta TV sabato 23 alle ore 20:00 su Canale 5. Per chi volesse dilettarsi con la telecronaca della Gialappa's Band (e con i loro ospiti di parte) c'è la possibilità inoltre di collegarsi con Mediaset Extra.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.