Mondiali, Lewandowski nascosto e una Polonia incolore: il Senegal vince 2-1

Il bomber del Bayern Monaco non incide, la squadra di Nawalka perde 2-1 contro un Senegal organizzato e cinico.

Mondiali 2018, sconfitta per la Polonia Getty Images

335 condivisioni 0 commenti

di

Share

Un colore a pastello per ogni gol: da bambino la mamma (giocatrice di pallavolo professionista) ha fatto una sola, determinante promessa motivazionale a Robert Lewandowski. Una promessa che riecheggia in questi Mondiali, durante la sua partita contro il Senegal: dopo ogni gol un pastello regalato dalla mamma. Per questa volta l'attaccante del Bayern Monaco resterà all'asciutto: niente pastelli per una Polonia incolore.

Nel girone H dei Mondiali 2018, nella prima partita la Polonia avrebbe dovuto recitare la parte del leone, il Senegal quella della gazzella. Promessa mantenuta da Niang e compagni, che hanno corso tutto il tempo. La squadra di Nawalka, invece, non ha ruggito. E Lewandoski? Nessun pastello, ma la gioia dell'esordio resterà comunque.

Mondiali 2018 dedicati alla famiglia, quelli di Robert Lewandowski: il papà è scomparso prima di vedere la sua prima partita ufficiale, l'ha chiamato Roberto "perché sapeva che un giorno sarei andato a giocare all’estero, quindi voleva darmi un nome che nessuno potesse sbagliare”. La famiglia di Lewa vive in un piccolo paese di circa 400 anime, Stanclewo, un luogo intimo e protetto, nascosto, come Robert al suo esordio Mondiale. Che non è andato troppo bene.

Mondiali 2018, stecca LewandowskiGetty Images

Mondiali 2018: Lewandowski nascosto, sorride il Senegal

Il Lewandowski nascosto: nel primo tempo rimane chiuso nelle maglie della difesa del Senegal, i "Leoni della Teranga" gli tagliano i rifornimenti, lo costringono ad arretrare. Il Senegal va in vantaggio proprio in un momento di stasi, la prepotenza fisica dei giocatori del Senegal sostituisce la centralità di Lewandowski. Le aquile d'argento subiscono il colpo, l'autogol di Cionek è storico al contrario: la Polonia non ha mai subito gol da nazioni africane, la rivoluzione apportata da Boniek che ha modernizzato il calcio polacco cade in mille pezzi all'improvviso.

Contro il Senegal è una gara automobilistica, giocata su accelerazioni e frenate, solo Lewandowski è fermo, proprio lui appassionato di console a cui ha dedicato una stanza in casa. Fermo, come quando i tifosi del Borussia gli hanno rubato tutte e 4 le ruote dell'auto in seguito al suo passaggio ai rivali del Bayern Monaco. Si è mosso solo in tre occasioni, Lewa: per battere un calcio di punizione (unico squillo); per protestare in occasione del secondo gol del Senegal; per esultare dopo la rete di Krychowiak che ha illuso la Polonia. Niente da fare, termina 1-2 per il Senegal. Niente da fare, nessun pastello per l'attaccante del Bayern.

Questione di cornflakes, questione di pastelli

Vietato fare domande sul futuro di Lewandowski, in bilico, vietato farsi domande sul presente del bomber, annichilito dalla fisicità dei suoi marcatori. Proprio lui che dello strapotere fisico fa il suo punto di forza, sostenuto dalla moglie (un bacio in tribuna a fine partita, unico colore per il bomber polacco) che ha anche aperto un blog, "Healthy Plan". Argomento, ovviamente, il benessere fisico. Che avrebbe cambiato la carriera di Lewa come lo ha fatto Klopp, a partire dalla dieta, non stretta, ma rigorosa:

A volte a colazione mangio cornflakes, a volte uova, a volte tartare o bistecche. Non ho una dieta particolare, ma prima avevo problemi con i dolci, ne mangiavo almeno uno al giorno e ho dovuto tagliarli del tutto

Problemi con i dolci, problemi con il Senegal. Il Lewandowski nascosto stavolta non riceverà nessun pastello: la sua partita è grigia, serviranno altri colori alla sua Polonia per riprendere quota.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.