Mondiali, Corea del Sud: numeri invertiti per confondere la Svezia

Negli ultimi allenamenti in Russia i giocatori asiatici hanno invertito i numeri delle loro divise: un espediente per tentare di disorientare gli avversari.

806 condivisioni 0 commenti

di

Share

Avete presente il luogo comune secondo il quale è praticamente impossibile distinguere una persona orientale dall'altra? Sì, quel "sono tutti uguali" tanto in voga nelle chiacchiere da bar e in situazioni del genere. Ecco, a primo impatto è logico pensare che questo tipo di pensiero possa non far piacere a giapponesi, cinesi, coreani e asiatici in genere, anche perché è ovvio che dietro il loro distintivo occhio a mandorla ci sia molto di più.

Da un altro punto di vista, però, questa superficialità può anche trasformarsi in un'arma da sfruttare.

È proprio quello che deve aver pensato l'allenatore della Corea del Sud, Shin Tae-yong, che nella conferenza stampa per presentare la loro prima partita dei Mondiali in Russia (quella contro la Svezia), ha raccontato un espediente utilizzato nel corso delle ultime settimane.

Mondiali: Shin Tae-yong, allenatore della Corea del SudGetty Image
Shin Tae-yong, allenatore della Corea del Sud ai Mondiali

Mondiali, la Corea del Sud inverte i numeri

Durante le recenti sedute tattiche e anche nelle partite amichevoli disputate, infatti, la Corea del Sud ha sempre invertito i numeri di maglia delle divise ufficiali e pure dell'abbigliamento d'allenamento. Beh, non è stato certo un caso, né tantomeno una lunga serie di errori di distrazione. In questo modo i coreani hanno tentato di confondere gli osservatori svedesi:

Secondo me - dice il ct Shin Tae-yong - quando gli europei vengono ad assistere agli allenamenti di noi asiatici, c'è un motivo preciso. E noi abbiamo reagito di conseguenza, per tentare di confonderli. Non volevamo concedere vantaggi. Certo, Ki Sung-yueng è probabilmente conosciuto, così come lo è Son Heung-min, ma per gli altri giocatori potrebbe esserci un po' di confusione per individuarli. Per gli occidentali è molto difficile distinguere noi asiatici.

Nonostante la tattica utilizzata per confondere gli avversari, Shin Tae-yong non biasima certo la squadra che affronterà nella sua partita d'esordio ai Mondiali. Prima di una partita del genere, infatti, è normale che ogni nazionale faccia di tutto per aver più informazioni possibili su chi dovrà affrontare:

Penso sia perfettamente naturale per ogni allenatore cercare di conoscere bene l'altra squadra.

Gli allenamenti dei giocatori della Corea del Nord ai MondialiGetty Image
Mondiali, gli allenamenti dei giocatori della Corea del Nord

"Senza Ibrahimovic, la Svezia è più squadra" 

Lui, di certo, si è evitato un bel po' di studio supplementare in vista di questa partita con la Svezia, perché non doversi preoccupare della marcatura di Zlatan Ibrahimovic (non convocato per i Mondiali) è un sollievo per qualsiasi tecnico:

Se ci fosse stato, probabilmente sarebbe stato in grado di fare molti gol. Ma questo non deve essere per noi un motivo per rilassarci, perché la Svezia è riuscita a qualificarsi senza di lui, lavorando anche meglio a livello di squadra.

Sembra sapere il fatto suo, il tecnico della Corea del Sud, Shin Tae-yong. Lui gli svedesi lo potranno riconoscere facilmente: sarà quello in giacca e camicia davanti alla panchina. A meno che, per ingannarli, non decida di indossare una divisa simile a quello del quarto uomo...

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.