Gotze contro Guardiola: "Pensa solo alla tattica, non c'era empatia"

I due hanno lavorato insieme al Bayern ma non c'è mai stato feeling. "Rapportarsi con lui era difficile, specie per me che ero abituato a Klopp", le parole del giocatore.

383 condivisioni 0 commenti

di

Share

Il segreto di Pulcinella. Che fra Mario Gotze e Pep Guardiola non ci fosse un bel rapporto era risaputo. Lo spagnolo, appena arrivato al Bayern Monaco, voleva prendere Neymar ma la società virò sul tedesco all'epoca al Borussia Dortmund. Mario, che in Germania consideravano un fuoriclasse, ha passato tanto tempo in panchina. Perfino nella semifinale di Champions League del 2015 contro il Barcellona, tra andata e ritorno Gotze giocò meno di dieci minuti.

Gotze si sentiva messo in disparte, lui che pochi mesi prima aveva deciso i Mondiali con il gol all'Argentina non riusciva a giocare con continuità. Per questo tra i due non è mai scoccata la scintilla. Anzi, il rapporto è sempre stato piuttosto freddo. In un documentario andato in onda sulla TV tedesca Mario si è sfogato.

Il talento tedesco ha deciso di confidarsi, di raccontare quelle che sono state le sue prime difficoltà. Ha voluto spiegare come sono andate le cose. E per lui, se al Bayern Monaco non è riuscito a imporsi, la colpa è soprattutto di Guardiola.

Dal punto di vista tecnico è un ottimo allenatore, mi ha arricchito molto. Ma gli interessa solo quello, non pensa all'uomo e atutto quel che c'è intorno. L'empatia non era molta. Per me era difficile come situazione, specie perché fino a pochi mesi prima ero stato con Klopp che invece è un padre calcistico. Pep è completamente diverso.

Vota anche tu!

Guardiola è davvero troppo poco empatico come dice Gotze?

Leggi di più tra 5

Annulla redirect

Gotze attacca Guardiola

Per Gotze quello di Guardiola è un vero e proprio limite. Al punto che secondo lui a Pep manca proprio quella caratteristica per essere considerato uno dei migliori allenatori al mondo:

Un allenatore di quel livello deve essere anche empatico, tutti gli sportivi sono anche uomini... Sono cose che vanno tenute a mente.

Gotze e GuardiolaGetty
Gotze e Guardiola

In realtà però Mario Gotze, anche dopo aver lasciato il Bayern Monaco, non è riuscito a rilanciarsi e anche con il Borussia Dortmund sta giocando poco. In questa stagione, quando i gialloneri sono stati eliminati dall'Europa League dal Salisburgo, il tecnico Peter Stoger lo ha criticato pubblicamente, lamentandosi della sua condizione psico-fisica. Gotze ha ascoltato e mandato giù il rospo. Ora però risponde per le rime:

Ero molto, molto deluso. Di fatto mi ha dipinto come l'insuccesso fatto persona. Non mi è mai capitato di sentire un allenatore parlare così di un suo giocatore.

Ed ecco che Gotze, in un colpo solo, si lamenta sia di Guardiola che di Stoger. I due allenatori con i quali ha avuto più problemi. In campo e fuori. Tutto sommato però era un segreto di Pulcinella.

Share

Commenta

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.