MMA, The Golden Cage 2: upset e certezze nella gabbia d'oro

La serata di Sesto San Giovanni si conclude con un paio di match godibili ed alcuni forse un po' troppo sblianciati. Brillano Aliu, Penco e Zecchini.

The Golden Cage banner TGC

44 condivisioni 0 commenti

di

Share

The Golden Cage 2 è il passato. L'evento di MMA tenutosi al Palasesto di Sesto San Giovanni (Milano) ha regalato al pubblico di FOX Sports - oltre a quello presente nella struttura - un evento che ha vissuto di fiammate, con un paio di finalizzazioni interessanti ed alcuni match molto tattici. Il nostro Alex Dandi ha avuto il suo bel daffare già a partire dal primo incontro della serata, dove Manolo Scianna ha sconfitto l'atleta di casa Gregorio La Torre per split decision. Una contesa che ha visto "Grenade" partire benissimo, pur subendo i leg kick dell'avversario. Secondo round che ha visto la testata involontaria di La Torre, che causa un grosso rigonfiamento all'occhio sinistro dell'avversario imponendo però il suo gioco nella ripresa. Ultimo round che vede infine uno Scianna arrembante, e che alla fine dei giochi porta la vittoria a casa.

Successivamente spazio alla splendida vittoria di Manolo Zecchini, che con un ottimo gioco a parete e a terra davvero molto attivo annulla le capacità da striker del beniamino di casa Francesco Moricca. "L'Angelo Veneziano", che soltanto tre mesi fa aveva patito la sua prima sconfitta in carriera nelle MMA per mano di Gert Kocani, soffoca per tutti e 15 i minuti "The Blessed Warrior", che subisce pure un knockdown riuscendo però a salvarsi. Risultato? Vittoria per decisione unanime per Zecchini. Match ricco di polemiche invece quello tra Danyel Pilò e Dragan Pesic, con il primo che vince per TKO al primo round pur col giallo legato alla probabilissima ditata agli occhi rifilata all'avversario, il quale farà sicuramente ricorso.

Lezione di classe e superiorità tecnica da parte di Leon Aliu, che in un match al limite della categoria pesi medi si sbarazza dell'ex comparsa UFC Amilcar Alves. Il brasiliano, surclassato sia sul piano dello striking che su quello del grappling - a dispetto della sua cintura nera di BJJ -, soffre in tutte le fasi del match, con la ghighiottina del campione pesi medi IFC che sancisce la nona sconfitta negli ultimi dieci match disputati dal trentottenne. Incontro veloce e pulito da parte di Chiara Penco, che forte di una superiorità tecnica e mentale evidente nei confronti dell'ucraina Elena Andruschenko trionfa con una rear-naked choke al primo round.

MMA, TGC 2: l'analisi di co-main e main event

Il co-main event di The Golden Cage 2 ha visto il ritorno alla vittoria di Daniele Scatizzi, che dimostra ancora la sua crescita esponenziale nelle fasi di ground game vincendo tutti e tre i round contro Kim Tinghaugen. Il peso leggero norvegese, pur mettendo in mostra uno striking accettabile, non riesce a trovare le misure contro un fighter davvero troppo più forte di lui in ogni aspetto del combattimento. L'esser tornato in Italia, trasferendosi in Brianza ed allenandosi al Clan Mano di Pietra e al Ramada JJ - pur continuando saltuariamente a salire alla SBG di Dublino - pare aver fatto decisamente bene a "Scat", che dimostra di poter fare ancora la voce grossa nelle MMA italiane.

Tutto troppo facile anche per Danilo Belluardo, che si sbarazza di un avversario non all'altezza del suo bagaglio tecnico e della sua durezza. Il fighter di origini siciliane, dopo aver fatto capire chi comanda all'inerme Dragoljub Stanojevic nelle fasi di striking, chiude le distanze con un takedown. La contesa finirà di lì a poco, con il feroce ground and pound di "Caterpillar" che costringe l'arbitro ad arrestare l'azione di gomiti ed hammer fist per tutelare la salute del fighter baltico. Vittoria meritatissima per Belluardo, che esce tra gli applausi.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.