Atletica, Ryan Crouser e Mike Rodgers brillano al meeting di Praga

Gli ottimi risultati di Crouser (22.31m nel peso) e Rodgers (miglior tempo al mondo quest’anno sui 100 metri con 9”92) sono stati gli acuti del Memorial Odlozil di Praga. Sorpresa nel giavellotto a Turku.

Ryan Crouser Getty Images

10 condivisioni 0 commenti

di

Share

Il campione olimpico del getto del peso Ryan Crouser ha mantenuto l’imbattibilità stagionale vincendo al Memorial Josef Odlozil di Praga con 22.31m, nuovo record del meeting e miglior risultato di sempre su suolo ceco. Il pesista nativo di Boring in Oregon ha aperto la gara con 21.28m (misura superiore di 2 centimetri al precedente record del meeting detenuto dallo spagnolo Manuel Martinez) e ha proseguito con altri due lanci oltre i 22 metri (22.28m e 22.09m). Nessun altro atleta ha superato la fettuccia dei 21 metri. Il russo Aleksander Lesnoy si è classificato secondo con 20.77m davanti al ceco Tomas Stanek (20.71m).

Lo sprinter Mike Rodgers ha stabilito il miglior tempo mondiale dell’anno sui 100 metri con 9”92 facendo meglio di un centesimo rispetto al 9”93 di Ronnie Baker al Golden Gala di Roma. Ottimo anche il giovane britannico Ojie Edoburun, secondo con 10”04.

Il vice campione mondiale e vincitore della Diamond League Jakub Vadlejch ha realizzato il secondo miglior lancio della sua carriera con 89.02m nel giavellotto battendo il moldavo Adrian Mardare, che si è migliorato con 84.43m.

Georganne Moline ha conquistato il secondo successo stagionale sui 400 ostacoli femminili in 54”04 quattro giorni dopo la vittoria a Roma in 53”97. La due volte campionessa mondiale Zuzana Hejnova si è classificata terza con 55”40.

Il due volte medagliato paralimpico Blake Leeper (atleta biamputato) ha demolito il record del meeting dei 400 metri con 44”42 precedendo di oltre un secondo il tre volte iridato indoor Pavel Maslak (45”76).

La bielorussa Elvira Herman ha stabilito il secondo personale della stagione con 12”69 sui 100 ostacoli precedendo la sudafricana Rikenette Steenkamp (12”91). Il saudita Ahmad Mohamed Al Moulaled ha vinto i 110 ostacoli stabilendo il record nazionale con 13”36 precedendo il sudafricano Antonio Alkana (13”42) e il ceco Petr Svoboda (13”54). La campionessa olimpica del salto in lungo e della staffetta 4x100 Tianna Bartoletta si è aggiudicata il salto in lungo con 6.53m.

Il marocchino Brahim Kaazouzi si è imposto nei 1500 metri stabilendo il personale stagionale con 3’35”58. Il quartetto della Repubblica Ceca ha stabilito il secondo miglior tempo nazionale di sempre nella staffetta 4x100 con 38”99.

Meeting IAAF World Challenge di Turku: Magnus Kirt batte a sorpresa i tedeschi nel giavellotto

Gli organizzatori dei Paavo Nurmi Games avevano annunciato mesi fa di voler mettere in palio uno dei 2000 isolotti dell’Arcipelago di Turku per l’atleta in grado di superare la misura di 93.09m, attuale record finlandese di Aki Parviainen nel lancio del giavellotto, specialità considerata quasi come una sorta di “religione” sportiva in Finlandia. Le condizioni climatiche con tanto freddo (temperatura di appena 10°C) nonostante il sole non hanno permesso di realizzare il sogno di conquistare l’isola, ma non sono mancate le sorprese. Il successo è andato a sorpresa all’estone Magnus Kirt, che ha battuto il primato nazionale con la misura di 88.73m due giorni dopo aver realizzato il precedente record con 88.45m a Tartu in Estonia. Il campione olimpico Thomas Rohler è stato il migliore dei tre big tedeschi in seconda posizione con 87.51m davanti ad Andreas Hofmann (85.98m) e al campione mondiale di Londra 2017 Johannes Vetter (82.50m). Tero Pitkamaeki si è classificato quinto con 82.41m.

La due volte campionessa olimpica Sandra Perkovic ha proseguito la sua striscia vincente conquistando l’ennesimo successo nel lancio del disco femminile con 66.22m davanti alle cubane Yaimé Perez (63.81m) e a Denia Caballero (62.92m).

Il campione del mondo di Londra 2017 Ramil Gulyev ha dominato i 200 metri in 20”23 nonostante condizioni tutt’altro che favorevoli per lo sprint.

Grande risultato anche nei 110 ostacoli maschili dove l’iridato di Pechino 2015 Sergey Shubenkov si è imposto fermando il cronometro in un ottimo 13”18, a tre soli centesimi dalla migliore prestazione mondiale dell’anno detenuta dallo statunitense Grant Holloway.

Sorpresa nel lancio del martello maschile dove il tre volte campione mondiale Pawel Fajdek ha realizzato un lancio da 78.86m ma è stato battuto dal connazionale Wojciek Nowicki (bronzo olimpico e mondiale), che si è imposto con un lancio da 79.41 al secondo tentativo. Terzo posto per il rappresentante del Qatar Al Saifi con 77.04m. Il finalista iridato Marco Lingua si è classificato nono con 71.85m all’indomani del suo quarantesimo compleanno.

La greca Nikoleta Kiryakopoulou si è aggiudicata il salto con l’asta femminile con 4.51m. Nelle altre gare da segnalare il 23”50 della britannica Finette Agyapong sui 200 metri, il 14.11m nel salto triplo femminile della primatista statunitense Tori Franklin, il 50”01 del francese Mamadou Kasse Hahn sui 400 ostacoli maschili. il bielorusso Dimitry Nedasekau (autore di un eccellente 2.36m nei giorni scorsi) ha vinto il salto in alto con 2.23m.

La mezzofondista azzurra Margherita Magnani si è classificata ottava sui 3000 metri in 9’03”25 nella gara vinta dall’etiope Meskerem Mamo in 8’38”65 davanti alla keniana Norah Jeruto (8’39”03).

Super lancio di DeAnna Price nel martello negli Stati Uniti

DeAnna Price ha stabilito il record statunitense e il quinto miglior lancio di sempre nel martello femminile con 77.65m a Chicago.

Sempre negli States si è messo in luce il giovane sprinter under 18 Anthony Schwarzer, che ha corso i 100 metri con 10”09 ad Albuquerque. Buon ritorno della britannica Jodie Williams, che ha fermato il cronometro in 22”77 sui 200 metri a Claremont in California.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.