WWE Raw, Finn Balor si esercita con l'altezza da Money in the Bank

Nel main event della puntata, spettacolare manovra (da Ladder Match) dell'irlandese su Kevin Owens. E tra le coppie è scoppiata ufficialmente la B-Team mania.

Un'immagine del main event di WWE Raw tra Finn Balor e Kevin Owens WWE

52 condivisioni 0 commenti

di

Share

Siamo a Houston, in Texas. E il mondo del wrestling WWE è pronto per andare di nuovo in scena, con la penultima puntata di Raw prima di Money in the Bank, il PPV che andrà in onda nella notte tra domenica 17 giugno e lunedì 18 (a partire dall'una) e che vi racconteremo come sempre in diretta scritta qui su FOXSports.it.

Sarà una serata ovviamente dedicata in gran parte a questo prossimo grande evento, con i 4 partecipanti maschili di Raw nell'incontro con in palio la preziosa valigetta, che si affronteranno tra di loro in due match singoli: Braun Strowman contro Bobby Roode e Finn Balor contro Kevin Owens.

Grande attesa poi per la Battle Royal tra Tag Team, la cui squadra vincitrice otterrà la possibilità di affrontare i campioni di coppia dei Deleters of Worlds a Money in the Bank. Non ci resta dunque che cominciare il racconto dello show, come sempre su WWE-ek Raw, la rubrica sul wrestling a cura di FOXSports.it.

WWE Raw

Si apre la puntata con il concerto di Elias, che annuncia come si appresti a diventare il nuovo Intercontinental Champion a MITB, dopo aver sconfitto Seth Rollins. Dopo pochi secondi della sua canzone, ecco però che suona Burn it Down, cioè quella che accompagna come di consueto l'ingresso dell'Architetto del Ring.

L'ex Shield arriva a bordo ring e impugna una sedia. Elias si prepara invece con la chitarra, ma gli viene presto tolta di mano con una sediata. Da dietro arriva Jinder Mahal, accompagnato dal Sunil Singh.

I tre cominciano così ad attaccare insieme il campione intercontinentale, salvato poco dopo dall'accorrente Roman Reigns, che stende il Maharajah dei tempi moderni, il suo "umpa lumpa" e il chitarrista malinconico, liberando il ring e dando così una mano al suo ex compagno nello Shield. Una partenza con il botto, insomma, che il General Manager Kurt Angle decide di tramutare immediatamente in un match vero e proprio.

Seth Rollins e Roman Reigns vs Elias e Jinder Mahal (con Sunil Singh)

Parte così il primo incontro della serata, un Tag Team Match improvvisato dopo i fatti di inizio puntata. Seth Rollins e Roman Reigns prendono il controllo dell'incontro, ma un'interferenza di Sunil Singh fa sì che il Mastino venga messo momentaneamente fuori uso. Resta così un 3 contro 1, con l'umpa lumpa che tenta di attaccare l'Architetto del ring con una sedia.

Non ci riesce, ma l'attrezzo finisce comunque sul quadrato e Elias ne approfitta come un rapace, eseguendo una DDT su di esso. Subito dopo va a chiudere con la sua Drift Away, andandosi a prendere una vittoria di grande rilievo in vista del suo match titolato a Money in the Bank.

Curt Hawkins vs James Harden

Si passa al prossimo incontro, introdotto da Curt Hawkins sul ring. Dopo 199 sconfitte consecutive, dice di essere pronto alla vittoria e per riuscirci sfiderà James Harden, un wrestler locale, di Houston. Poi la promessa: se dovesse raggiungere il suo obiettivo, offrirà da mangiare a tutti (il rinfresco a base di tacos è già pronto a bordo ring).

Parte il match e Curt Hawkins è in completo controllo, nonostante i tentativi del volenteroso atleta texano. Quando si prepara per chiudere l'incontro, però, ecco che arriva dal nulla Baron Corbin, che sale sul ring ed esegue la End of Days su James Harden, che vince così per squalifica. Hawkins prova ad attaccare il Lupo Solitario, ma in cambio riceve il rovesciamento del tavolo con tutti i tacos sopra di sé.

Backstage

Con le telecamere passiamo nel backstage, dove Kurt Angle incrocia proprio Baron Corbin e gli chiede spiegazioni per quanto accaduto. Il Lupo Solitario dice che si era stancato di non ricevere opportunità, così ha chiamato direttamente Stephanie McMahon, che di tutta risposta lo ha nominato ufficialmente "consigliere" del GM di WWE Raw. Kurt Angle sarà dunque supportato nel suo lavoro da Baron Corbin.

Nia Jax vs Natalya

Ronda Rousey è al tavolo di commento, sul ring la campionessa di Raw e la sua amica Natalya. La regina di cuori sfodera una prova di altissimo livello, mettendo in forte difficoltà Nia Jax. Quando sembra sul punto di chiudere il discorso, però, Natalya si infortuna al ginocchio e la campionessa ne approfitta connettendo il Samoan Drop che vale il conteggio di tre.

Ronda Rousey arriva subito sul ring per sincerarsi delle condizioni dell'amica e pure Nia sembra dispiaciuta per l'accaduto. La donna più cattiva del pianeta però la allontana in malo modo, occupandosi direttamente dei soccorsi per Natalya, che viene accompagnata lentamente negli spogliatoi.

Bobby Roode vs Braun Strowman

Dopo aver visto un'intervista di Bobby Roode in cui dice di essere il prossimo vincitore del Money in the Bank e allo stesso tempo un po' preoccupato per il suo match di stasera, ecco che parte l'incontro con Braun Strowman. La differenza di peso si fa sentire, impressionante un Suplex eseguito dal Mostro che cammina tra gli uomini.

Bobby Roode prova a ricorrere alle maniere forti, posizionando una scala fuori dal ring. Poi invita Braun Strowman a inseguirlo a suo modo intorno al quadrato, pensando di poterlo far cadere nel "tranello". In risposta però il gigante spezza letteralmente in due la scala (Sì, avete letto bene!), per poi prendere il Glorioso ed eseguire su di lui la Powerslam che vale il conteggio di tre.

Backstage

Kevin Owens assicura di essere pronto a vincere il suo incontro con Finn Balor, mentre Natalya è in infermeria con del ghiaccio sul ginocchio, mentre Ronda Rousey tenta di consolarla. Arriva Nia Jax, che chiede scusa alla Regina di Cuori. L'ex campionessa UFC comincia a battibeccare con la detentrice del titolo di WWE Raw e Natalya si spazientisce, chiedendo a entrambe di farla finita.

Tag Team Battle Royal 

Dopo aver assistito a un promo dei campioni di coppia Matt Hardy e Bray Wyatt (che dicono di essere poco interessati ai nomi dei prossimi sfidati, perché tanto li cancelleranno in ogni caso), parte la Tag Team Battle Royal, che vede in gioco i Breezango, i Revival, i grandi favoriti Dolph Ziggler e Drew McIntyre, il B-Team, Rhyno e Heath Slater, il Titus Worldwide e gli Ascensions: ogni volta che un membro del rispettivo tag Team sarà eliminato, la stessa fine toccherà anche al compagno di squadra.

Incredibilmente il primo eliminato (da Tyler Breeze) è Dolph Ziggler, che rientra per dare una mano al compagno nel pestaggio collettivo di frustrazione.

Le eliminazioni vanno avanti fino a che sul ring restano solo il B-Team e la coppia composta da Rhyno ed Heath Slater. E a vincere sono Curtis Axel e Bo Dallas, che in modo molto fortunoso riescono a eliminare Rhyno, guadagnandosi l'opportunità di lottare per il titolo. Inevitabile la festa dei due ex Miztourage, che da quando hanno cambiato nome sono ancora imbattuti. E adesso potranno pure provare a vincere le cinture.

Bobby Lashley sul ring

Bobby Lashley chiama Sami Zayn sul ring per risolvere la questione faccia a faccia. Il canadese non accetta il confronto, se non posizionato tra il pubblico. A debita distanza, così, The Underdog from Underground comincia a deridere il suo prossimo avversario, stavolta prendendo in considerazione le frasi motivazionali messe realmente su Instagram dal Dominatore e la sua carriera nell'esercito. Lo fa allontanandosi sempre di più dal ring, fino a scomparire dalla parte più alta dell'arena.

Backstage

Un botta e risposta al microfono tra Jinder Mahal e Roman Reigns si trasforma in una caccia all'uomo del Mastino, che trova dopo pochissimo il Maharajah dei tempi moderni e lo assale, lanciandolo per ben due volte contro la porta di un garage.

Alexa Bliss, Sasha Banks ed Ember Moon vs The Riott Squad

6-Woman Tag Team Match femminile, con la Riott Squad di fronte al trio composto da Alexa Bliss, Sasha Banks ed Ember Moon. Sin dall'inizio l'ex campionessa di WWE Raw dimostra di essere poco predisposta alla collaborazione con le compagne, poi si fa male e decide di abbandonarle ripiegando negli spogliatoi.

L'incontro diventa un 3 contro 2 e la Riott Squad in poco tempo riesce a prendere il sopravvento. A togliere le castagne dal fuoco ci pensa a sorpresa Bayley, che arriva di corsa dagli spogliatoi e si inserisce in squadra con Sasha Banks ed Ember Moon, andando a prendersi il Tag e chiudendo con il Bayley-to-Belly su Sarah Logan.

Backstage

Nel backstage Baron Corbin fa capire a Kurt Angle che non gli sta bene l'esito dell'incontro arrivato in questo modo controverso, così il GM è costretto ad andare dalle tre ragazze vincitrici (con Bayley e Sasha che a distanza di tempo stavano per riabbracciarsi) per comunicare loro il cambiamento del verdetto finale, trasformato in una sconfitta per squalifica, a causa dell'intromissione della ragazza abbracciosa.

Finn Balor vs Kevin Owens

È il momento del main event, un match fantastico, interrotto però troppo presto per via della squalifica di Kevin Owens, che ha insistito nell'aggressione a Finn Balor all'angolo. Il canadese non se ne cura e infierisce con una Frog Splash. Vuole concedere il bis da sopra la scala, ma perde troppo tempo e il Re Demone lo fa cadere, mettendolo al tappeto con un Double Stomp.

E adesso è lui a salire sopra la scala, con molte meno vertigini rispetto al suo avversario, tanto da effettuare il Coup de Grace dal penultimo gradino prima delle vetta. Poi sale di nuovo e simbolicamente si prende la valigetta verde. E con questo messaggio diretto di Finn Balor, si chiude questa puntata di WWE Raw.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.