Napoli, Koulibaly: "De Laurentiis voleva lo sconto sul mio cartellino"

Il difensore rivela un retroscena sul suo arrivo in Italia: "Il presidente aveva letto sul web che ero 10 centimetri più alto e ha chiesto al Genk di pagarmi di meno".

1k condivisioni 0 commenti

di

Share

La sua zuccata all'Allianz Stadium di Torino, nello scontro diretto tra Juventus e Napoli, aveva infiammato la corsa scudetto e alimentato notevolmente le speranze azzurre di chiudere in vetta il campionato di Serie A 2017/2018. La previsione non si è realizzata, ma nella stagione da voti alti di Kalidou Koulibaly nel cuore della difesa di Maurizio Sarri quella serata del 22 aprile 2018 resta una delle più folgoranti. Ripercorsa con altri momenti da ricordare in un'intervista che il centrale franco-senegalese ha rilasciato al mensile So Foot.

Tra scudetto e futuro, senza tralasciare il problema razzismo e un paio di aneddoti da ricordare. Koulibaly ha ripercorso i quattro anni vissuti a Napoli, senza però che questo coincida con un potenziale addio: anzi. Con la possibile partenza di Jorginho in direzione Manchester City, la conferma del numero 26 appare quasi certa. Con l'obiettivo di lottare l'anno prossimo per lo scudetto, quell'obiettivo mancato a maggio nonostante una stagione che ha prodotto il record di punti in Serie A per il club. Kalidou guarda oltre:

Giocare sempre dopo la Juve non era facile, perché influisce sulla pressione per il risultato. Così come è stata dura assistere alla loro vittoria contro l'Inter. Ma lo scudetto l'abbiamo perso contro squadre che avremmo dovuto battere: penso a Sassuolo, Milan e Chievo.

Quel gol allo Stadium è stato per molti il simbolo del quadriennio di Koulibaly al San Paolo: prima stagione all'arrivo dal Genk densa di difficoltà, fino all'accantonamento con Benitez e al rilancio sotto la guida di Sarri, che ne ha fatto il regista difensivo della sua squadra. Dopo 164 presenze in azzurro, la storia d'amore del difensore con il club e la città è destinata a proseguire. Anche se il 26enne non si sbilancia:

Ho ancora tre anni di contratto, vedremo. Peccato che Reina sia andato via.

Napoli, Koulibaly: "Che allenamenti con Sarri, De Laurentiis voleva sconto sul cartellino"

Un idolo come Diego Armando Maradona gli ha chiesto la maglia, le sue passeggiate sul lungomare a Napoli si trasformano presto in una caccia al selfie e all'autografo. Merito di una città passionale, scoperta grazie alla chiamata di Rafa Benitez nel 2014. Sulla quale Koulibaly ha rivelato un retroscena:

Quando Benitez mi chiamò, riattaccai due volte. Credevo fosse uno scherzo. Ricordo una lezione al ristorante, con bicchieri e forchette al posto di attaccanti e difensori. Mi chiedeva come mi sarei mosso. In 15 minuti ho imparato un sacco di cose. Sarri? All'inizio non mi calcolava, poi mi ha trasmesso un'altra visione del calcio. Certi allenamenti senza opposizione sono da folli.

Ai Mondiali 2018 Koulibaly sarà tra i pilastri del Senegal, al ritorno nella competizione dopo 16 anni di assenza. Dopo la kermesse russa sarà tempo di pensare al futuro, che sembra sempre più legato al Napoli. E alla Serie A. Campionato del quale il difensore è innamorato, nonostante gli episodi di razzismo vissuti in prima persona, in particolare in occasione di una partita contro la Lazio:

Il problema è di tutto il Paese e anche i napoletani lo subiscono, perché sono del Sud Far finta di niente è difficile. Ma un giorno un bambino laziale si scusò per quanto successo e gli regalai la maglia. Dopo i tifosi del Napoli vennero allo stadio con delle maschere e il mio volto ritratto.

In attesa di conoscere al meglio il suo nuovo allenatore Carlo Ancelotti, il futuro di Koulibaly a Napoli sarà certamente con Aurelio De Laurentiis alla guida della società. Lo stesso presidente è protagonista di una rivelazione risalente all'arrivo del centrale in Italia, nell'estate 2014:

Quando arrivai De Laurentiis voleva uno sconto perché ero dieci centimetri più basso di quanto aveva letto sul web.

Share

Commenta

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.