Liverpool, il Rimini scrive a Karius: "Vieni un anno da noi"

Giorgio Grassi, presidente del club romagnolo, invita il portiere dei Reds a giocare per un anno nella Serie C italiana: "Le lezioni migliori sono le più dure".

709 condivisioni 0 commenti

di

Share

Suo malgrado, Loris Karius è diventato l'uomo del momento. Il 25enne portiere tedesco del Liverpool, ne siamo certi, ne avrebbe però fatto volentieri a meno. Già, perché sulla finale di Champions League persa dai Reds sabato sera a Kiev contro il Real Madrid pesano come macigni due errori di Karius: un rinvio sul piede di Benzema con conseguente rimpallo in fondo al sacco, e una mancata presa sul 3-1 di Bale, che ha di fatto chiuso gioco, partita e incontro.

Una serata storta, nella partita più importante della stagione e forse della vita: le lacrime di Karius sono state all'origine di diversi meme comparsi sul web, ma anche lo spunto per un moto di solidarietà nei confronti del portiere del Liverpool. Loris sta vivendo i giorni dopo la finale di Champions League nel silenzio, e ha trascorso insonne la notte dopo la sconfitta contro il Real Madrid. Ora è l'Italia a scrivergli, recapitando sul tavolo dell'ex portiere del Mainz una proposta impossibile.

A rivolgersi a Karius con una lettera aperta è stato Giorgio Grassi, presidente del Rimini, club che ha conquistato ad aprile la promozione in Serie C, garantendosi il ritorno tra i professionisti a due anni dal fallimento. Il patron della società romagnola, che nell'ultimo decennio ha anche frequentato la Serie B, ha preso spunto dala data di nascita del portiere, 22 giugno 1993, per offrirgli un inconsueto regalo di compleanno:

Mi piacerebbe ospitare il portiere tedesco per qualche giorno a Rimini, terra dell’accoglienza e da sempre frequentata dai suoi connazionali. Sarei felice di incontrarlo a Rimini per ricordargli come ci voglia solo coraggio per capire che le lezioni migliori sono di solito le più dure, quelle più difficili da sostenere.

Champions League, Loris Karius in lacrime dopo Real-Liverpool 3-1Getty Images
Champions League, Loris Karius consolato da compagni e avversari dopo Real Madrid-Liverpool 3-1

Liverpool, il Rimini scrive a Karius: "Vieni un anno da noi"

Una trovata pubblicitaria più che un'offerta concreta, non c'è dubbio. Nelle parole del presidente del Rimini Grassi c'è però un invito concreto a Karius, che fino alla finale di Kiev era stato uno dei protagonisti positivi della sorprendente cavalcata del Liverpool in Champions League:

Vorrei dire queste parole a Loris perché possano aiutarlo nel diventare l’ennesimo esempio di chi nel calcio, come nella vita, cade e si rialza. Per questo gli vorrei fare anche un regalo per il suo compleanno: un anno di contratto con il Rimini F.C., il luogo ideale dove ritrovare serenità, autostima e forza per rincorrere il suo sogno.

Una stagione nella Serie C italiana per dimenticare le ansie da prestazione e la pressione che la militanza in un club di prima fascia del calcio europeo comporta? Dopo le scuse postate su Instagram e rivolte a compagni di squadra e tifosi, per Karius è arrivata un'offerta insolita. Con una postilla: nel Rimini non avrebbe vita facile, complice la concorrenza di Francesco Scotti, difensore dei pali del club nel doppio salto consecutivo dall'Eccellenza alla Serie C. Parola di Grassi:

Non sarà una passeggiata poiché si troverà in competizione con un grande come Francesco 'Ciccio' Scotti, ma di sicuro troverà una grande famiglia e una città pronta a sostenerlo nel ritornare un numero uno tra i Pro.

Nella lista dei grandi portieri ricordati anche per delle clamorose topiche, Karius non è certo solo: basti pensare agli errori di Moacir Barbosa durante Brasile-Uruguay del 1950, David Seaman con l'Arsenal nella finale di Coppa delle Coppe 1995 contro il Real Zaragoza o al tedesco Oliver Kahn nella finale dei Mondiali 2002 contro il Brasile. L'offerta per dimenticare questo momento no arriva dalla riviera romagnola, terra cara a tanti connazionali di Loris come meta per le vacanze. Giorgio Grassi sarà il suo prossimo presidente, è certo, ma almeno gli avrà strappato un sorriso.

Share

Commenta

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.