Ciclismo, Froome ora è un caso: non lo vogliono al Tour de France

Il britannico, fresco vincitore del Giro d'Italia, vuole tentare il bis sulle strade francesi come Pantani. Ma il caso salbutamolo non si risolve. Hinault: "Non è una leggenda!"

154 condivisioni 0 commenti

di

Share

Sorrideva, Chris Froome, appena arrivato sul traguardo di Roma con la Maglia Rosa addosso. Si è portato a casa il suo primo Giro d’Italia dopo aver vinto 4 Tour de France e una Vuelta. Ha trionfato con tenacia, scoprendo un nuovo ciclista. Non a caso, appena calato il sipario sulla corsa, ha parlato della sua vittoria più bella. Bella perché sofferta, con gli ultimi mesi carichi di tensione per il caso doping.

Ora punta di nuovo al Tour, vuole provare a vincere la super accoppiata. L’ultimo a riuscirci? Marco Pantani nel 1998. Ma Chris ora è di nuovo sotto attacco. In Francia non è molto simpatico. E piovono attacchi da tutte le parti. Quel sorriso si è un po’ spento in attesa di giudizio.

Che molto probabilmente non ci sarà nemmeno prima dell’inizio della sfida per la Maglia Gialla, al via in Vandea il prossimo 7 luglio. Froome ha il permesso di correre (come successo già al Giro) in attesa del processo. Si è sempre dichiarato tranquillo ed innocente. Le sue parole però, forse non basteranno agli organizzatori del Tour, che potrebbero escluderlo. Un caso nel caso. 

Froome vincitore a Roma del Giro d'Italia 2018Getty Images
Froome vincitore a Roma del Giro d'Italia: i festeggiamenti a Roma

Froome al Tour per l’impresa: ma in Francia è un caso

Chris Froome ha vinto contro tutto e tutti al Giro d’Italia. Sconfitto Yates, l’uomo che sembrava imbattibile in salita, ha tenuto lontano Dumoulin e ha alzato le braccia al cielo sul traguardo di Roma. Ora vuole andare al Tour de France per provare a vincere anche lì. Una missione mica facile, solo i più grandi sono riusciti a portarsi a casa due grandi giri nello stesso anno. L’ultimo fu Marco Pantani nel 1998. In casa Sky, la sua squadra, è stato già inserito tra gli 8 corridori che prenderanno il via sulle strade francesi il prossimo 7 luglio. Eppure i capi della Grand Boucle non sanno se accettare l’iscrizione. Pesa come un macigno il caso salbutamolo, che nemmeno in vista dell’estate sarà risolto. 

Froome l’antipatico

Con l’Italia il britannico ha scoperto un feeling particolare. Lui, che è cresciuto ciclisticamente sulle nostre strade, ha avuto tanti applausi, sorrisi e attestati di grande stima. In Francia però, non è così. I tifosi francesi sono stati sempre scettici nei suoi confronti, quando vinceva, quando dominava. Addirittura, qualche anno fa, gli venne lanciata dell’urina da bordo strada. Ora con questa vicenda giudiziaria in corso, il suo ‘stato’ diventa ancora più particolare. Lui è rimasto sempre tranquillo, trionfando per 4 volte in Maglia Gialla.

Froome al Tour de France 2017Getty Images
Froome al Tour de France sul gradino più alto del podio

Secondo quanto riporta la Gazzetta dello Sport, gli organizzatori della Grand Boucle sono pronti a dichiarare Chris “non gradito” qualora non si definirà il caso salbutamolo. Eppure con Tom Boonen, nel 2009, in attesa di giudizio per essere stato trovato positivo alla cocaina, alzarono le mani. Prima escluso, poi la squadra fece ricorso alla Camera Arbitrale dello sport del Comitato Olimpico francese, e Booner fu riammesso il giorno prima della partenza. Insomma, Froome-Tour de France un binomio che farà parlare ad un mese e mezzo dall’inizio.

Hinault all’attacco

Vincere tre grandi giri in maniera consecutiva è un’esclusiva per pochi. Tra questi c’è Bernard Hinault, che rifila una stoccata niente male a Froome.

Non avrebbe mai dovuto iniziare il Giro. Perché bisogna aspettare così tanto per un verdetto? È perché la Sky ha così tanti soldi Tutto questo è molto triste, Froome non fa parte della leggenda di questo sport. Potrebbe anche essere al via del Tour de France, è un vero scandalo e deve finire.

Share

Commenta

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.