Backdoor Podcast: Tommaso Marino, il basket di cuore e Slums Dunk

Tommaso Marino viaggia con noi tra basket giocato, tatuaggi e la beneficenza con Slums Dunk.

Tommaso Marino racconta basket e benficenza Backdoor Podcast

47 condivisioni 0 commenti

di

Share

Il basket è arrivato al momento culmine dei campionato nazionali e anche l'NBA è pronta a giocare la ormai solita finale, quasi annunciata. Backdoor Podcast invece continua e continuerà a portarvi in giro per il mondo della pallacanestro raccontando le storie dei protagonisti attraverso le loro parole e le loro curiosità. Questa settimana abbiamo parlato ovviamente di basket giocato, ma abbiamo voluto anche farci raccontare un progetto benefico che ormai è di assoluto rilievo nel mondo della palla a spicchi.

Ai nostri microfoni abbiamo Tommaso Marino, giocatore della Blu Basket Treviglio, che ci ha raccontato la sua carriera sin dai tempi di Siena alle giovanili, per poi partire alla volta di Trapani e iniziare la carriera da professionista con diverse maglie tra cui Teramo in serie A1, sino a quella della sua ormai seconda casa Treviglio. Oltre alle vicende sul campo ci ha parlato, a cuore aperto, del suo progetto benefico che conduce ormai da anni con Bruno Cerella.

Si tratta di Slums Dunk e si prefigge (con successo) di fondare delle basketball accademy nei posti più sfortunati dell’Africa. Il progetto è nobile, i risultati ce li ha raccontati lui con molto trasporto e ora tocca a tutti noi sostenerlo e far si che tutti i loro sogni (e quelli dei tanti bambini meno fortunati) si avverino.

Share

Commenta

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.