MMA, nei panni del matchmaker dopo UFC Fight Night 130 a Liverpool

"Wonderboy" Thompson e "The Gorilla" Till hanno offerto un match dal ritmo blando che ha visto il giovane inglese prevalere. Che match sarebbe interessante vedere, adesso?

48 condivisioni 0 commenti

di

Share

Anche UFC Liverpool è negli archivi. La card inglese che ha visto l'esordio in UFC di Carlo Pedersoli jr. (11-1), vittorioso su Brad Scott, e che ha confermato il valore assoluto di Darren Till in un match dal ritmo molto basso vinto contro Stephen Thompson, ha sottolineato l'importante e massiccia presenza di numerosi e talentuosi pesi welter nella miglior promotion al mondo. 

Il Dentista Darren Stewart (8-3, 1 NC) è riuscito a sconfiggere in un match difficile, il pericoloso Eric Spicely, già visto contro il nostro Alessio Di Chirico. Stewart rischiava il suo spot in UFC, essendo a quota tre sconfitte di fila. La determinazione e la concentrazione lo hanno però condotto alla vittoria più importante della sua carriera. Ora può finalmente respirare.

Omari Akhmedov (17-4-1) arriva da un pareggio contro Marvin Vettori. Fighter ruvido, molto duro e resistente e con grande capacità da incassatore, potrebbe essere un'ottima opzione per Stewart, che non ha trattenuto l'emozione a seguito della vittoria. Akhmedov è a quota 5-3-1 in UFC, si è dimostrato un contendente solido, rocambolesco, disposto a scambiare a viso aperto. Un incastro perfetto per Stewart.

MMA, UFC: pareggio fra Vettori e Akhmedovmarvinvettori.com
Il match fra Marvin Vettori e Omari Akhmedov finisce con un pareggio

MMA, UFC Liverpool e il fanta-matchmaking

Come non parlare di Carlo Pedersoli, protagonista in un mese di due match splendidi nei quali ha mostrato tutto il suo potenziale? Quale sfida potrebbe accettare adesso Pedersoli, confermatosi fra i più estrosi welter europei? "Semento" fa parte di quella che al momento sembra la categoria più pregna di talenti in UFC
Avevo accennato poco tempo fa a Tim Means, ottimo dirty striker che potrebbe far impennare la notorietà del nostro. Means è un fighter dal ritmo molto alto che tende ad inseguire i suoi avversari, ma rischia in fase di counterstriking e nel grappling. È reduce da due sconfitte consecutive, ma entrambe per split decision e la sua esperienza lo avvantaggia praticamente contro i tre quarti della divisione. Una vittoria su un nome di questo tipo potrebbe elevare Carlo per tentare da subito la scalata alla top 15.

MMA, UFC: Means in gabbiaMMA Junkie
Tim "The Dirty Bird" Means, 34 anni

Anche Neil Magny (21-6) è tornato alla vittoria senza apparente difficoltà. Non al suo livello Craig White, avvisato in short notice e finalizzato in ground and pound dopo una ginocchiata. Un nome papabile per saggiare le potenzialità di Magny, autentico veterano pronto forse per l'approdo alle posizioni più alte, sarebbe Jorge Masvidal. Masvidal è reduce da due sconfitte, per decisione non unanime e per decisione unanime rispettivamente avvenute contro Demian Maia e Stephen Thompson. Forse sarebbe ora per "Gamebred" di difendere lo spot numero 7 della divisione dei welter. Masvidal è un fighter well-rounded, buono per ogni stagione. Ha particolari abilità nello striking, è dotato di un buon timing e non disdegna il ground game. Un'ottima risposta al buon grappling di Magny.

MMA, UFC: Masvidal su PearsonMMA Fighting/Esther Lin
Jorge Masvidal colpisce con un gancio l'inglese Ross Pearson

Ed arriviamo al main event. Un match virtualmente pari, che però i giudici hanno visto in favore di Darren  Till. Stephen Thompson non ha sfigurato, il suo stile però eccessivamente conservativo e votato quasi esclusivamente al counterstriking, privo di iniziativa e aggressività ha sicuramente giocato a suo sfavore. Ora, con un titolo ad interim in palio a UFC 225 fra Colby Covington e Rafael dos Anjos e Kamaru Usman vincente contro Demian Maia, l'indecisione regna sovrana circa chi potrebbe essere il prossimo sfidante al titolo, a seguito ovviamente del vincitore di UFC 225. Il vincente fra RdA e Covington andrà sicuramente ad affrontare Tyron Woodley per unificare la cintura. Il perdente però potrebbe giocarsi la carta della redenzione accettando il match contro Wonderboy o Till, più probabilmente Thompson, visto che è reduce da una sconfitta. Quindi il match che potrebbe ingolosire il pubblico per definire il prossimo sfidante titolato è quello fra Darren Till e Kamaru Usman, due punte di diamante della nuova leva di fighter completi e con tutta probabilità pronti a dimostrare di essere i migliori.

Vota anche tu!

Chi vincerebbe secondo voi fra Darren Till e Kamaru Usman?

Leggi di più tra 5

Annulla redirect

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.