Diritti TV Serie A, Lega risolve il contratto con Mediapro

I club hanno votato all'unanimità l'interruzione dell'accordo con il broadcaster spagnolo per il triennio 2018-2021: Sky e Perform pronte a offrire circa 950 milioni.

Diritti TV Serie A, rescisso l'accordo tra la Lega e Mediapro Getty Images

350 condivisioni 0 commenti

di

Share

Tornano in gioco i diritti televisivi per il triennio 2018-2021 di Serie A: a stabilirlo l'assemblea andata in scena lunedì in via Rosellini, a Milano, che ha di fatto certificato l'efficacia della linea indicata dal commissario straordinario della massima Lega del calcio italiano Giovanni Malagò e dal presidente della Lega Gaetano Miccichè. Risolto l'accordo con il broadcaster spagnolo Mediapro, che si era aggiudicato il ruolo di intermediario nella trattativa pagando 1050 milioni di euro per ognuna delle tre stagioni, e bando lampo allo studio.

Una scelta che era già nell'aria da qualche settimana, quando il Tribunale di Milano aveva accolto il ricorso di Sky e aveva di fatto confermato la sospensione del bando che aveva assegnato a Mediapro i diritti TV della Serie A per le prossime tre stagioni. Una scelta dettata dall'errata formulazione del bando, che aveva anche violato alcuni principi Antitrust e alla quale l'azienda spagnola si era opposta presentando ricorso.

Nell'assemblea di Lega a Milano, Mediapro ha rilanciato presentando una garanzia di 186 milioni di euro e chiedendo contestualmente la possibilità di dare il via all'attivazione del canale tematico per la Serie A. Una proposta rigettata dai club all'unanimità (17 preferenze su 17, in quanto le formazioni retrocesse non hanno diritto al voto), scelta che cambia gli scenari. La società spagnola avrà una settimana per presentare la fideiussione da 1 miliardo di euro più Iva garantita lo scorso 5 febbraio, ma a delineare il futuro è stato Miccichè:

La Lega Serie A aprirà immediatamente un percorso di trattative private con tutti i broadcaster interessati: contiamo di ricevere nel più breve tempo possibile offerte interessanti, che possano soddisfare le esigenze delle aziende.

Serie A, i diritti TV 2018-2021 ancora in bilicoGetty Images
Juventus-Napoli, sfida di lusso in Serie A: i diritti TV 2018-2021 ancora in bilico

Diritti TV Serie A, la Lega rompe accordo con Mediapro: gli scenari

La rottura dell'accordo con Mediapro porterà il broadcaster spagnolo a far causa alla Lega di Serie A. Insufficiente per i vertici del calcio italiano la garanzia da 186 milioni, integrativa di quella da 203 già versata nel luglio 2017, proposta da Mediapro - ma legata alla possibilità di commercializzare i diritti - per proseguire il rapporto di collaborazione. Uno scenario che implica tempi rapidissimi per evitare che il prossimo campionato di calcio parta a luci spente per le televisioni. Per questo negli uffici di Milano è già allo studio un bando lampo, che possa permettere l'apertura di una trattativa da definire entro la prima metà di giugno, quando al fischio d'inizio del prossimo campionato mancheranno due mesi.

Serie A, diritti TV in bilico: in ballo oltre 1000 milioni di euroGetty Images
Serie A, diritti TV ancora in bilico per il triennio 2018-2021: in ballo oltre 1000 milioni di euro

Il 19 agosto è la data cerchiata in rosso sulla stagione 2018/2019 di Serie A. Al termine di una giornata "difficile" per ammissione del commissario Malagò (che ha chiuso il suo compito con l'elezione del nuovo consiglio), la certezza è una: la Lega per il momento vede sfumare 1 miliardo e 50 milioni all'anno che Mediapro aveva messo sul tavolo per aggiudicarsi i diritti TV del campionato italiano nel triennio 2018-2021. All'orizzonte ci sono però già le emittenti private: Sky e Perform su tutte, già pronte a formulare un'offerta da circa 950-970 milioni. Rispetto al passato, le tasche dei presidenti di A potrebbero risultare più ricche: le proiezioni rispecchiano quelle di Luigi De Siervo, ad di Infront Italia, advisor della Lega, che aveva prospettato introiti per 1400 milioni all'anno dai diritti TV.

Share

Commenta

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.