Giro d'Italia: a Prato Nevoso vince Schachmann, Yates in difficoltà

Va in porto la fuga, trionfa il giovane tedesco davanti a Plaza e Cattaneo. Dumoulin attacca, la Maglia Rosa va in difficoltà e perde 27'' dai big. Domani tappone alpino.

Schachmann vince la tappa numero 18 del Giro d'Italia Google

81 condivisioni 0 commenti

di

Share

Finalmente va in porto la fuga da lontano. Sulla salita di Prato Nevoso vince Maximilian Schachmann. Un gruppetto di 12 corridori parte quasi subito l’inizio della tappa e riesce ad arrivare fino in fondo. Sorride il tedesco dopo una grande impresa. Chi ha vinto in cima a questa montagna, Tonkov nel 1996 e Garzelli nel 2000, ha poi trionfato al Giro d'Italia. Non sarà questa la volta. Nel finale il crollo che non ti aspetti di Simon Yates. 

Dumoulin, Pozzovivo e Froome attaccano negli ultimi chilometri. Il leader non reagisce e paga 28''. In difficoltà su una salita non difficilissima vede il suo vantaggio assottigliarsi prima di grandi altre sfide in alta quota.

Le salite del Giro d’Italia non sono finite. Domani arrivo a Bardonecchia, ma prima si scaleranno il Colle del Lys, il Colle delle Finestre (Cima Coppi) e Sestriere. E sabato gran finale con il Cervinia. Ultime chance per mettere in difficoltà il padrone Yates prima dell’arrivo a Roma. E da oggi il vento potrebbe cambiare.

Giro d’Italia, da Abbiategrasso fuga per la vittoria

Sesto arrivo in salita al Giro d’Italia: c’è da raggiungere il traguardo di Prato Nevoso. Tappa facile, quasi tutta pianeggiante e ascesa finale. Si corrono due gare: dopo 22 km via ad una fuga con 12 corridori. 14’ di vantaggio sono tanta roba, in poche parole si giocheranno loro la vittoria. Dietro invece tutti si aspettano un attacco alla Maglia Rosa di Simon Yates.

Il britannico se ne sta in gruppo sereno e tranquillo. Sorride, scherza anche con Froome, ma non perde mai l'attenzione. Ormai lì dietro lasciano andare i fuggitivi. Van Poppel prova a scappare via, poi molla del tutto. Rimangono in 11 sulla salita di Prato Nevoso.

Grande vittoria e poi i big!

Iniziano gli scatti lì davanti, fiammate che fanno male. Cattaneo e Schachmann gli uomini più pericolosi. Ai meno 6km dall'arrivo se ne vanno loro due. Dietro lottano Plaza e Pfingsten per rimanere attaccati. Plaza recupera all'ultimo chilometro, in 3 si giocano la vittoria. Ma è Schachmann ad averne di più: scatto finale per il quinto successo della Quick-Step Floors in questo Giro d'Italia. Secondo Plaza, poi il buon Cattaneo.

Dietro la lotta pare essere solo per la Maglia Bianca: Carapaz contro Miguel Angel Lopez. Poi lo scatto di Dumoulin: Yates difende, gli altri big ci sono. E infine parte Froome con Pozzovivo e l'olandese: all'ultimo chilometro la Maglia Rosa non reagisce. Per la prima volta è in difficoltà: sul traguardo i tre guadagnano 27'' dal leader. I giochi non sono chiusi.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.